di Fabio Camillacci

In Gran Bretagna e nel  mondo si continua a parlare del tir dell’orrore. Ed emergono ulteriori particolari raccapriccianti. “Mi dispiace mamma. Il mio viaggio all’estero non è andato bene. Ti amo così tanto! Sto morendo perché non posso respirare”,  è questo il drammatico contenuto di un messaggio inviato da una delle vittime che si trovavano all’interno del camion arrivato in Inghilterra dal Belgio. Nel container frigorifero sono stati ritrovati i cadaveri di 39 migranti asiatici. Il messaggio, riportato dai media inglesi, è stato inviato da una 26enne vietnamita.

Tre gli arresti. Dopo l’autista del Tir sono finite in manette altre due persone, un uomo e una donna di 38 anni, arrestate dalla Essex Police per sospetta complicità in traffico di esseri umani. I due sono residenti entrambi a Warrington, nel Cheshire (Inghilterra). Prima di loro era stato arrestato l’autista nordirlandese del mezzo: Mo Robinson, di 25 anni.

La nazionalità delle vittime. Almeno tre delle 39 persone trovate morte nel camion-frigo potrebbero essere vietnamite, mentre la maggior parte delle altre vittime si presume siano cinesi. Lo scrive la Bbc affermando che i familiari di queste tre persone hanno lanciato l’allarme, dicendosi preoccupati che i loro cari si potessero trovare all’interno del Tir della morte. Una di queste persone è Pham Thi Tra My, 26 anni, proprio la ragazza che ha mandato il suo ultimo messaggio alla madre prima di morire.