• vaccini

    Vaccini: Tar Lazio respinge istanza Codacons contro decreto

    Il Presidente della Sezione III Quater del Tar del Lazio ha respinto l’istanza di misure cautelari urgenti, avanzata dall’Associazione Codacons, con riferimento alla previsione dell’adempimento agli obblighi vaccinali come requisito di accesso ai servizi educativi per l’infanzia ed alle scuole dell’infanzia, contenuta nel decreto-legge sui Vaccini. La circolare del primo settembre del Ministero della salute […]

Play Pause
DIRITTI DISABILE NEGATI

DISABILITA’. ROMA CAPITALE: 800 EURO MENSILI PER PERSONE CON DISABILITA’ GRAVISSIME

Sono operative le linee guida per l’erogazione di contributi economici, prestazioni assistenziali e sostegno sociale in favore delle persone con disabilità gravissime, secondo quanto annunciato il 22 gennaio scorso sul sito istituzionale di Roma Capitale.
Si tratta di una sperimentazione della durata complessiva di dodici mesi, che consiste nell’erogazione di un assegno di cura per un importo mensile pari a 800 euro, oppure in un contributo di cura per il caregiver familiare pari a 700 euro mensili.
In base alle domande presentate dai Municipi e tramite le valutazioni formulate dai servizi sociali verrà elaborata una graduatoria unica cittadina. Una volta prodotti i punteggi il Dipartimento Politiche Sociali, Sussidiarietà e Salute assegnerà ai Municipi le risorse finanziarie, nei limiti dei trasferimenti regionali. Verrà assicurata priorità ai cittadini residenti a rischio istituzionalizzazione che, grazie al contributo mensile, potranno decidere di restare nella propria abitazione.
La Giunta capitolina recepisce la deliberazione della Giunta regionale del 7 marzo 2017, n.104, che introduce le “Linee guida operative agli ambiti territoriali per le prestazioni assistenziali, componente sociale, in favore delle persone non autosufficienti, in condizioni di disabilità gravissima, ai sensi del decreto interministeriale 26 settembre 2016”.

EMANUELA MARIA MARITATO
polizia

ROMA: BOTTE ALLA MOGLIE, ARRESTATO UN 48ENNE

Un romano di 48 anni è stato arrestato dalla polizia di Stato per maltrattamenti in famiglia e detenzione abusiva di armi e munizioni. Intervenuti in via Aldo Ballarin, gli agenti del reparto volanti e del commissariato Colombo hanno accertato che una donna era stata vittima di percosse da parte del marito, come segnalato dal N.U.E.. La donna infatti, che presentava evidenti segni sul collo e sul volto, ha raccontato della banale lite con il coniuge a seguito della quale, l’aveva aggredita stringendola prima al collo e poi colpendola con un pugno al volto. L’uomo, inoltre, l’avrebbe minacciata di morte alludendo al possesso di un’arma (AdnKronos)

municipio-III

Roma, cade il Municipio III. “Disastro M5S”

“Dopo una lunga discussione e’ stata approvata a maggioranza assoluta la mozione di sfiducia alla Presidente Roberta Capoccioni promossa dalle forze di opposizione. A poco meno di due anni dall’insediamento si sfalda la maggioranza pentastellata, fatto clamoroso e senza precedenti, che trova una sola spiegazione: il fallimento della Giunta Capoccioni. Una Giunta incapace di ascoltare i cittadini quanto gli stessi consiglieri eletti. Il Municipio III infatti sembrava essere gestito da una cricca, fedelissima a Roberta Lombardi, ma senza alcuna idea e attenzione al territorio. I mesi passati sono stati contrassegnati da una paralisi politica e amministrativa di fronte alla quale la Capoccioni avrebbe dovuto gia’ rassegnare le proprie dimissioni, ma proprio per non disubbidire alla Lombardi, ha preferito asserragliarsi nel palazzo. Ora che e’ stato decretato lo scioglimento anticipato della consiliatura, si potra’ ridare la parola ai cittadini nel piu’ breve tempo possibile”. Cosi’ dichiara il capogruppo del Partito Democratico in III Municipio, Paolo Marchionne.

napolibranco

NAPOLI, VENTENNE ACCOLTELLATO DA BRANCO

Di Valeria Davide

Dopo aver trascorso la serata presso la discoteca Golden Gate di via Campana a Pozzuoli, un ventenne è stato aggredito da un gruppo di giovani.

Il ragazzo ferito si chiama Salvatore Migliaccio ed è stato ricoverato presso l’ospedale Santa Maria delle Grazie. Ha riportato ben otto ferite da coltello su tutto il corpo, ma fortunatamente nessun colpo nelle zone vitali.

La polizia di Pozzuoli sta indagando per risalire agli aggressori, grazie alle telecamere installate fuori dal locale e per ricostruire i fatti. I gestori della discoteca non hanno riferito alcuna violenza o fatto anomalo avvenuto all’interno della discoteca.

Migliaccio ha spiegato che mentre si recava nel parcheggio a prendere l’auto in compagnia di un suo amico è stato raggiunto da un gruppo di tre ragazzi che li hanno sferrato calci e pugni all’inizio, per poi sfociare in coltellate al braccio, alla spalla ai glutei e alle gambe.

I motivi dell’accaduto restano ancora da capire essendo stata una serata tranquilla senza episodi che ne motivino il gesto del branco.

Luca Migliaccio è un comunissimo ragazzo che lavora e che si alza tutte le mattine per distribuire latticini ai negozianti.

Era in discoteca solo per divertirsi, invece ha rischiato la vita per qualche ora di svago.

 

aldomoro1

SCRITTA ‘MORTE ALLE GUARDIE’ CON SVASTICHE SU LAPIDE DI ALDO MORO

Una scritta, fatta con lo spray, ‘Morte alle guardie’, e due svastiche ai lati, e’ stata scoperta questa mattina poco dopo le ore 7 sulla base di cemento della lapide commemorativa di Aldo Moro in via Stresa a Roma. La lapide al momento e’ stata rimossa causa lavori di restauro. Sul posto la Polizia del commissariato Monte Mario, che indaga sulla vicenda

“La targa commemorativa di Aldo Moro in via Stresa 133 all’angolo con via Fani, a Roma, è stata imbrattata questa notte con la scritta “morte alle guardie” con due svastiche ai lati. Si tratta di un atto becero e vigliacco, perpetrato da qualche idiota che non conosce la parola rispetto e che auspichiamo possa essere assicurato presto alla giustizia. Siamo di fronte a un oltraggio vergognoso che condanniamo con assoluta fermezza”. Così, in una nota, il presidente della associazione Assotutela, Michel Emi Maritato.

polizia

ALBANO, ARMATO ARCO E FRECCE AGGREDISCE COPPIA DI POLIZIOTTI

E’ accaduto lunedì scorso ad Albano. S.A., romano di 57 anni e con vari precedenti di polizia, ha atteso l’arrivo a casa di una coppia di agenti e li ha aggrediti a pugni. I due sono però riusciti a bloccarlo e ad accompagnarlo negli uffici di polizia dove S.A. ha continuato a minacciare di morte la coppia di agenti accusandoli di avergli fatto sequestrare un’autovettura. Nella circostanza, i poliziotti gli hanno sequestrato i guanti che indossava e un paio di forbici e poi, dopo la denuncia, lo hanno rilasciato. L’uomo però, non contento, è tornato a casa, ha imbracciato un arco con tanto di frecce e si è appostato sotto l’abitazione della coppia di poliziotti in attesa del loro rientro a casa. La donna aveva già fatto rientro nell’appartamento, mentre il compagno stava tornando a casa in compagnia di un collega libero dal servizio del commissariato di Marino. Parcheggiata l’auto, hanno subito notato l’aggressore che, nascosto dietro ad un palazzo, osservava con attenzione l’abitazione. Quando i due agenti hanno cercato di bloccarlo, questi gli ha puntato l’arco con una freccia già armata nel tentativo di colpirli ma, grazie all’ausilio di una pattuglia del commissariato di Albano arrivata poco dopo, i due sono riusciti a bloccarlo e ad arrestarlo. Condotto in commissariato per gli accertamenti di rito, l’uomo ha continuato ad aggredirli e a proferire epiteti ingiuriosi. S.A., al termine della attività, è stato tradotto presso il carcere di Velletri: dovrà rispondere di tentato omicidio, resistenza, minacce , lesioni a pubblico ufficiale e porto abusivo di armi. Perquisita l’abitazione infatti, gli agenti hanno trovato pistole, revolver, pugnali, coltelli, spade, manganelli telescopici, oltre a numerose munizioni.

italia

ROMA/ ECCO L’EVENTO “PARTECIPARE PER CAMBIARE

“Turismo, occupazione, sicurezza e problemi del territorio. Queste i temi che verranno affrontati nel corso dell’incontro “Partecipare per cambiare. Idee per una Italia migliore”, promosso da Pietrangelo  Massaro e Marco Scotto Lavina, dirigenti romani di FI, che si terrà a Roma all’Hotel dei Congressi giovedì 22 marzo, a partire dalle ore 18. All’evento interverranno: Maurizio Gasparri, Vicepresidente del Senato e candidato nel collegio Senato Lazio 2, Francesco Aracri, senatore e membro della Commissione Lavori Pubblici del Senato, Davide Bordoni, capogruppo FI in Assemblea Capitolina e candidato nel Collegio 8, Adriano Palozzi consigliere regionale e candidato alle elezioni regionali. Concluderà la manifestazione Stefano Parisi, candidato presidente della Regione Lazio per il centrodestra. “Dopo la certificazione di fallimento delle esperienze grilline e del centrosinistra a tutti i livelli di governo – sottolineano Massaro e Scotto Lavina -, è tornato il momento di rimboccarsi le maniche e reagire: l’unica strada è  sostenere la buona politica, il confronto la partecipazione. Da parte nostra il massimo impegno nei confronti dei nostro territori, completamente abbandonati dalle istituzioni”. Lo dichiarano, in una nota, il coordinatore FI IX Municipio, Pietrangelo Massaro, e l’esponente romano di Forza Italia, Marco Scotto Lavina

La Coppa Davis 2018 promette scintille

La Coppa Davis 2018 promette scintille

Anche il mondo del tennis ha la sua edizione della coppa del mondo, nella quale le migliori nazionali si sfidano per la vittoria del trofeo più ambito, quella coppa a forma di insalatiera che dona prestigio infinito a chi la solleva al cielo. Continue reading…

altaroma

DOPO ALTAROMA CONTINUA IL SUCCESSO DELLE PICA BAGS DI PIERA CATENA

Ha esordito in quest’ultima Alta Roma, manifestazione di moda e fashion che da sempre ha dato il via a nuovi talenti, ed il riscontro per le sue creazioni ha preso il via a spron battuto. Parliamo della giovane designerPiera Catena che con le sue creazioni Pica bags ha sfilato in Alta Roma 2018, con la mini capsule collection “Majorelle” , calcando la passerella con le creazioni della nota stilista l’architetto Sabrina Persechino. La stilista ha intitolato la sua collezione Elektron, “la via dell’ambra” (un tempo chiamata anche via Imperiale) luogo di estrazione dell’affascinante pietra che gli antichi greci chiamarono elektron, con il significato di “il brillante, il luminoso”, considerandola come la “sostanza del sole”. L’ambra è traslucida, di un colore che può variare dal giallo al rossiccio al bruno fino ad arrivare al verde, al viola e all’oro. Su questa palette la mirabile fantasia e precisione di Sabrina Persechino ha creato e fatto sfilare capi lineari, geometrici e strutturati, abiti scolpiti, di forte impronta architettonica, immancabili come sempre il bianco e il nero. Una presentazioneemozionante  anche per aver introdotto una giovane  musicista “Giorgia Rossetti” che abilmente ha suonato live il violino elettrico.

In questo caso l’intuito della stilista Persechino è stato anche nel saper scegliere un giovane talento come Piera Catena “Pica ”, creando una sinergia assoluta,  tra abiti e borse.  Una capsule prestigiosa per Pica che segna il suo brillante  esordio in Alta Roma con “Majorelle”, S/S 2018 ispirata ad uno dei giardini più belli del mondo situato a Marrakech.

 Progettato dall’ artista francese Jacques Majorelle, che negli anni diventò fonte di ispirazione per lo stilista Yves Saint Laurent.

Un mix di colori vivaci e forme che ispirano questa sua nuova collezione che abbiamo visto sfilare con delle variazioni di colori, attentamente studiati per la collezione Elektron di Sabrina Persechino, le forme semplicemente perfette ed in linea con gli abiti,  traggono ispirazione dal tipico mihrab e dai decori architettonici spesso arricchiti di motivi geometrici.  Tutto perfetto per segnare il grande inizio di un giovane talento firmato “Pica” Piera Catena.

 

carabella

Ardea, Carabella in prima linea per aiutare una coppia di anziani in difficoltà

La rabbia di Simone Carabella si è subito trasformata in aiuto concreto ieri per un’anziana coppia di Ardea, costretta a vivere in una baracca, senza riscaldamenti e in precarie condizioni igieniche. Chiamato sul posto Simone, candidato al Consiglio Regionale del Lazio con Fratelli d’Italia, ha fatto visita all’abitazione di fortuna dei due anziani, ed ha potuto constatare con i suoi occhi la difficile situazione in cui versano, con una pensione di nemmeno 500 euro, che non basta a garantirsi un alloggio dignitoso.

“L’Italia dovrebbe avere più riconoscenza per queste mani che hanno costruito la Nazione – ha commentato Simone dopo aver parlato con l’89enne Filippo -. Non possiamo più tollerare queste situazioni, non è pensabile vedere queste scene e accettare invece che i richiedenti asilo alloggino in strutture di lusso e ricevano anche dei soldi. Voglio un Lazio differente, voglio una Regione dove gli Italiani in difficoltà vengano finalmente prima e trovino il giusto sostegno”.

Anche in questo caso, come fatto molte altre volte in passato, nella sua lunga e costante attività in sostegno delle frange più deboli della popolazione, Simone Carabella ha subito cercato una soluzione, annunciando l’acquisto di un prefabbricato. “Invitiamo tutti gli Italiani che vogliono darci una mano ad aiutare Filippo e sua moglie a contattarci” ha aggiunto.

palovn

Regionali, Palozzi chiama e la città di Marino risponde

Bagno di folla e tanto entusiasmo a Marino per la campagna elettorale di Adriano Palozzi. Ieri pomeriggio  il candidato di Forza Italia al Consiglio regionale del Lazio in vista delle elezioni del 4 marzo prossimo, ha fatto tappa nella “sua” Marino, città che ha amministrato per otto lunghi anni, dal 2006 al 2013: anni indimenticabili per Palozzi, che ancora oggi porta nel cuore quell’esperienza, considerandola la più bella e intensa del proprio percorso politico. A Villa Appia erano davvero in tanti: cittadini, simpatizzanti, amministratori e quadri locali di Forza Italia Marino, guidato dal coordinatore Roberto Grossi, che prima ha fatto gli onori di casa e, poi, ha parlato dell’impegno territoriale per il rilancio di Forza Italia All’iniziativa hanno preso parte pure il candidato di Forza Italia per il Consiglio regionale del Lazio, Laura Cartaginese, in tandem elettorale con Adriano Palozzi, e autorevoli personaggi del mondo Forza Italia: il vicepresidente del Senato, Maurizio Gasparri, il senatore Francesco Aracri, l’europarlamentare Alessandra Mussolini, i candidati alla Camera, Maria Spena, e al Senato, Antonio Saccone.

“E’bellissimo vedere così tanta gente, così tanto entusiasmo. Vi ringrazio uno per uno. E ringrazio anche i tanti esponenti di partito, intervenuti quest’oggi, e Roberto Grossi con tutta FI Marino”, ha esordito un emozionato Adriano Palozzi. Che, poi, è entrato nel vivo dei temi politici. Palozzi è partito in primis dalla “sua” Marino, ricordando gli anni di Palazzo Colonna: “Anni splendidi, durante i quali abbiamo risollevato una città da vent’anni al palo: abbiamo salvato Marino dal disastro finanziario, risolto positivamente il nodo di piazzale degli Eroi, ristrutturato tutti le scuole e donato parchi e infrastrutture sportive. Abbiamo svolto un lavoro concreto, che per Marino ha significato molto in termini di crescita e rilancio”. Una “città ritrovata” ma che adesso, purtroppo, “è ricaduta nel degrado per mano dell’attuale deludente amministrazione comunale, a guida M5S – ha continuato Palozzi -. Vi vergogno e mi piange il cuore ad andare in giro in una città così sporca, abbandonata, mal gestita dall’inefficienza e dall’incompetenza dell’amministrazione grillina, al governo della città da appena due anni”.

Palozzi ne ha anche per il centrosinistra regionale: “Una situazione drammatica la stiamo vivendo pure nel Lazio, dove ad amministrare è, invece, l’aleatorio Zingaretti. La Regione, targata centrosinistra, sarà ricordata per la disoccupazione più alta d’Italia, per una crescita economica pari a zero, per una sanità a pezzi con liste d’attesa infinite e cittadini costretti a curarsi fuori regione: un spesa, quest’ultima, che ci costa oltre 300 milioni di euro all’anno e certifica, di fatto, il fallimento dell’amministrazione Zingaretti, incapace di garantire il diritto alla salute. Il centrosinistra, più in generale, non è mai riuscita a imprimere quel rilancio, di cui il territorio aveva bisogno, preferendo “investire” su tasse, consulenze esterne e spreco di risorse pubbliche”. Secondo il consigliere regionale di Forza Italia l’alternativa c’è e si chiama Stefani Parisi: “E’ un candidatura forte, competente per un progetto, quello del centrodestra, ambizioso e innovativo”, ha concluso Palozzi tra gli applausi convinti della platea.

A chiudere l’evento ci ha pensato Laura Cartaginese, con cui Adriano Palozzi ha stretto un rapporto umano e politico fortissimo, un rapporto che si rinnova ogni giorno: “Dovrei essere abituata all’abbraccio della gente, ma a Marino ieri sera il calore e la disponibilità che ho trovato mi hanno emozionata una volta di più. Inutile dire che con Adriano proveremo a moltiplicare i nostri sforzi per aprire finalmente le porte di una Regione Lazio rimasta per troppo tempo un castello chiuso ai cittadini – ha continuato la candidata FI -. Sanità finalmente efficiente, finanziamenti europei per lo start up di nuove imprese e attenzione all’ambiente saranno i primi passi da muovere a cominciare dal prossimo 5 marzo, tutti insieme”. Insomma, a meno di due settimane dal voto Palozzi e Cartaginese ci credono: anche stavolta territorio e cittadini hanno risposto alla grande.

ragazzacell

PROVE NEL PROCESSO. CORTE DI CASSAZIONE: SMS E MESSAGGI WHATSAPP SONO PROVE DOCUMENTALI

I messaggi Whatsapp e gli sms ricevuti sul cellulare sono da considerarsi come prova documentale ai sensi dell’articolo 234 del codice di procedura penale, secondo quanto recentemente precisato dalla sentenza della Cassazione Civile n. 1822 del 16 gennaio scorso.
Secondo la Suprema Corte i dati informatici acquisiti dalla memoria del telefono – sms, messaggi WhatsApp e messaggi di posta elettronica scaricati e conservati nella memoria dell’apparecchio cellulare – hanno natura di documenti ai sensi dell’articolo 234 del codice di procedura penale. La relativa attività acquisitiva non soggiace né alle regole stabilite per la corrispondenza, né tantomeno alla disciplina delle intercettazioni telefoniche.
Tali messaggi non rientrano dunque né nel concetto di corrispondenza, la cui nozione implica un’attività di spedizione in corso o comunque avviata dal mittente mediante consegna a terzi per il recapito, né in quello di intercettazione, che postula la captazione di un flusso di comunicazioni in corso. Nel caso di specie ci si limita infatti ad acquisire un documento già conservato nella memoria del telefono.

EMANUELA MARIA MARITATO
maritatonew

ASSOTUTELA-MARLAZIO: “AIUTIAMO ALESSANDRO”

“Una gara di solidarietà e vicinanza per aiutare un ragazzo malato. L’associazione Assotutela e la società sportiva MarLazio si mettono in gioco per Alessandro Stanzione, nato il 27 novembre del 1997 e attualmente ricoverato per leucemia linfoide acuta presso il reparto Ematologia all’ospedale Sant’Eugenio. Ci rivolgiamo, dunque, a tutti i cittadini affinché facciano una donazione di sangue per Alessandro, costretto a stare in un letto a causa di una brutta malattia. Con il vostro gesto faciliteremo e abbrevieremo i tempi di guarigione di Alessandro Stanzione, al quale rivolgiamo nel frattempo tutto il nostro affetto e tutta la nostra amicizia: in questo delicato e difficile momento, non sei solo”. Così, in una nota, il presidente dell’associazione Assotutela e della società sportiva MarLazio, Michel Emi Maritato.

*Incidenti stradali/ Auto sul marciapiede:travolte 3 donne, gravi

AURELIA, SI SCHIANTANO CONTRO MEZZO ANAS AL LAVORO

Si schiantano contro un mezzo dell’Anas che era al lavoro per posizionare segnaletica per un incidente e restano feriti. E’ accaduto all’alba di domenica sulla via Aurelia al chilometro dieci in direzione fuori Roma. A quanto si apprende, una Fiat 600 ha appunto urtato un mezzo Anas. Illesi gli operai che erano al lavoro su strada. Sul posto è intervenuta la polizia locale di Roma capitale, personale del 118, vigili del fuoco. Due ragazzi sono stati soccorsi e portati in codice rosso uno al policlinico Gemelli, l’altro all’Aurelia Hospital.

geologiequo

I geologi del Lazio tra aggiornamento professionale e nuove tecnologie

I Geologi del Lazio tra aggiornamento e nuove tecnologie. Per l’Ordine guidato dal presidente Roberto Troncarelli, infatti, la formazione rappresenta uno strumento fondamentale per aggiornare, incrementare e specializzare le competenze professionali. “Partendo da questi importanti principi – sottolinea Troncarelli – operiamo quotidianamente per promuovere lo svolgimento della formazione su tutto il territorio regionale, mettendo a disposizione dei nostri iscritti una variegata offerta formativa mediante l’organizzazione di numerosi corsi di studio e attività, nella consapevolezza maturata che quella del geologo è una figura sempre più richiesta sia nell’ambito pubblico sia privato”. Il 2018, dunque, si è aperto così come si era chiuso l’anno precedente: con la realizzazione di eventi, lezioni, giornate di studio al fine di implementare le conoscenze e le capacità dei professionisti che compongono l’Ordine. “Questa settimana – porta ad esempio la coordinatrice della Commissione Aggiornamento Professionale Continuo dell’Ordine, Giuseppina Bianchini – i Geologi del Lazio hanno organizzato un corso di Qgis base-avanzato, software molto utile per la gestione spaziale dei dati e finalizzato alla analisi e alla gestione dei dati territoriali. Il corso è stato tenuto dal geologo Giuseppe Cosentino, tecnologo presso il CNR, specializzato nei sistemi informativi territoriali per la gestione delle pericolosità geologiche e nella geologia applicata, e sarà replicato nella seconda metà di marzo a Roma e Fiuggi (FR)”.

L’impegno dell’OGL è quello di offrire ai propri iscritti opportunità di approfondimento con proposte diverse e variegate che vorrebbero coprire tutte le specializzazioni delle scienze della Terra, privilegiando tematiche che volta per volta si propongono all’attenzione della categoria per aggiornamenti legislativi o per nuovi progressi della scienza e della tecnica. Cura, peraltro, direttamente gli aspetti organizzativi e operativi degli eventi al fine di permettere il contenimento dei costi di gestione e conseguentemente stabilire quote di partecipazione molto contenute se non addirittura nulle. “L’OGL – aggiunge il consigliere Gianluigi Giannella – è inoltre attento all’aggiornamento del quadro normativo, offrendo ai propri iscritti giornate di approfondimento che riguardano sia direttamente le nuove leggi emanate, sia le ricadute applicative che queste producono in ambito professionale”. Oltre ai corsi di aggiornamento, è ormai consueto e consolidato l’impegno dell’OGL nel proporre semestralmente ai neolaureati esercitazioni di preparazione agli Esami di Stato per l’abilitazione alla Professione di Geologo, con esempi pratici su casi di studio e chiarimenti sulla normativa vigente, coinvolgendo direttamente i professionisti come docenti al fine di cercare di ridurre il gap che purtroppo esiste tra Università e professione.