Play Pause
var

PANE E PALLONE/ Riecco il campionato di Serie A tra il VAR e le 5 “sorelle”: buona la prima per Juve, Napoli, Roma, Milan e Inter. Una sola sorpresa: la neopromossa Spal ferma la Lazio

di Fabio Camillacci

La prima giornata della Serie A 2017-18, scorre via senza scossoni, senza sorprese clamorose rispetto a quanto accaduto solitamente in passato al momento del via del campionato. Vincono le 5 grandi: Juventus, Napoli, Roma, Inter e Milan. Di fatto, l’unica sorpresa, è il pareggio della neopromossa Spal “made in Italy” all’Olimpico contro la Lazio fresca vincitrice della Supercoppa italiana. Lo 0-0 conquistato dai ferraresi, è storico: primo punto in A per la Spal 49 anni dopo. Ma ricordiamo che questo è anche il primo campionato senza Francesco Totti dopo ben 5 lustri. Oggi l’ex Capitano giallorosso era in tribuna a Bergamo per Atalanta-Roma nella sua nuova veste di dirigente: in giacca e cravatta tra il d.s romanista Monchi e il d.g. Baldissoni. Fa un effetto strano non vederlo più in campo. La Roma, davanti ai suoi occhi, vince 1-0 con gol dell’ex laziale Kolarov, ma non convince. Causa infortuni la rosa è ancora corta (previsti altri due arrivi dal mercato) e Di Francesco ha sicuramente bisogno di tempo per dare la sua impronta alla squadra. Continue reading…

FONTANATREVI

ROMA, FONTANA DI TREVI E I BAGNI PROIBITI

di  Valeria Davide

Un uomo completamente nudo si è  tuffato l’altro ieri  nel primo pomeriggio nella fontana di Trevi, sotto la sguardo attonito di una folla di turisti. L’uomo quando ha raggiunto il fondo della vasca si è sfilato anche la tunica e, completamente nudo, ha lanciato fiori verso la scalinata gremita di visitatori.

Immediato l’intervento degli agenti della polizia  della Capitale che hanno bloccato lo show e coperto l’uomo con un telo accompagnandolo al comando dei vigili di via della Greca.

Al  primo accertamento , l’uomo ha spiegato la sua performance come una forma d’arte  :”Volevo omaggiare la città e la cultura”. Successive verifiche ne hanno individuato la nazionalità spagnola in possesso di documenti rubati. Lo show man è stato denunciato per false dichiarazioni e  resistenza a pubblico ufficiale nonché soggetto a sanzione  di  450 euro  per il bagno proibito.

Sempre più  spesso il patrimonio  artistico della capitale è vittima di violazioni e abusi. Qualche giorno fa  era stata versata una lattina d’olio per motori nella Bocca della Verità e  una settimana fa  un gruppo di turisti aveva fatto la doccia in piazza Mastai a Trastevere.

Infuocate le polemiche  sulla  sorveglianza   dei monumenti sempre più  spesso offesi e violati  da incivili e folli.

 

raggii

COMUNE, PALOZZI(FI): “1 MILIARDO RISARCIMENTO DANNI? GRAZIE RAGGI…”

“Dalle Torri dell’Eur alla ex Fiera, passando per gli ex mercati generali: il Comune di Roma rischierebbe di pagare un miliardo di risarcimento danni per tutti i niet, dati dalla giunta Raggi su progetti fondamentali per lo sviluppo sociale, economico e urbanistico della Capitale? Purtroppo questi sono i risultati della sgangherata amministrazione grillina, i cui reiterati “no” istituzionali e amministrativi stanno affossando il rilancio e lo sviluppo di Roma. Un vero disastro a cinque stelle che dovrebbe indurre la Raggi a lasciare lo scranno più alto del Campidoglio”. Così in una nota il consigliere regionale del Lazio e coordinatore FI Provincia di Roma, Adriano Palozzi.

 

allerta-terrorismo-massima-a-bruxelles_26fa12b8-8ffc-11e5-87c9-fc2f59a0f1ec_new_rect_large

TERRORISMO, ASSOTUTELA: “VIETARE VELO INTEGRALE IN ITALIA”

“I tragici attentati terroristici in Finlandia e Spagna hanno riacceso i riflettori mediatici sulla sicurezza del nostro territorio e, anche, sull’opportunità di vietare in Italia il burqa e il niqab. Una questione sociale ma anche giudiziaria delicata e controversa nel nostro paese. Qualche esempio. Uno dei primi casi e più noti – un’ordinanza del sindaco di Azzano Decimo (PN) del 2004 – diede il via a una battaglia legale arrivata fino al Consiglio di Stato. Nella sentenza 3076/2008, il supremo tribunale amministrativo italiano ha scritto: “Il citato articolo 5 (della legge del 1975) consente nel nostro ordinamento che una persona indossi il velo per motivi religiosi o culturali”. Un altro testo, invece, chiamato in causa nel dibattito è il Regio Decreto 18 giugno 1931, numero 773, il Testo Unico delle leggi di pubblica sicurezza (Tulps). A dispetto dell’età, è ancora uno dei due provvedimenti legislativi fondamentali – insieme al regolamento per la sua attuazione, del 1940 – che regola l’attività della polizia in Italia. L’articolo 85 del Tulps dice: “È vietato comparire mascherato in luogo pubblico”. Ricordiamo poi un altro caso diventato celebre sulla stampa: il sindaco di Drezzo emanò il 12 luglio 2004 un’altra ordinanza per vietare l’uso dei veli islamici in pubblico, facendo riferimento sia al Tulps che alla legge del 1975. Il prefetto di Como la annullò meno di due mesi dopo, argomentando che il sindaco non aveva competenza in materia di ordine pubblico. Alla luce di questi diversi pronunciamenti ci auguriamo che giunga quanto prima una normativa nazionale che disciplini in maniera seria e chiara la materia, vietando senza se e senza ma l’uso del velo in tutti i luoghi pubblici del nostro paese. È una questione di sicurezza nazionale”. Così in una nota il presidente della associazione Assotutela, Michel Maritato.

Torrentismo

Boom per il Torrentismo a Palena (Ch)

È boom per il Torrentismo a Palena, uno dei centri turistici più belli della provincia di Chieti.

Superate da giugno ad oggi le 700 presenze sul Fiume Aventino per gli appassionati di quello che è senza ombra di dubbio uno dei maggiori fenomeni dell’estate 2017.

Il Torrentismo è nato nel 2012 da un’intuizione di due amici Domenico Rattenni e Luca Di Cino vogliosi di valorizzare ancor di più il territorio di Palena con l’associazione Alto Aventino (APT).

Il Torrentismo è uno sport outdoor praticato tra giugno e fine ottobre a corpo libero saltando cascate e nuotando nelle pozze alla ricerca di adrenalina.

Il percorso si svolge in un tratto di un 1 km nel Fiume Aventino nel comune di Palena.

L’attività è adatta a persone di età dai 10 anni in su.

L’organizzazione fornisce ai partecipanti la muta integrale, giubbotto salvagente e caschetto.

I partecipanti devono essere forniti di scarpe da ginnastica o da trekking, un costume, una maglietta intima da indossare sotto la muta e un ricambio per fare la doccia alla fine del percorso.

Prima di iniziare la pratica si spiega ai partecipanti in cosa consiste il Torrentismo:

ambientamento in acqua, linguaggio visivo per la sicurezza ed il primo salto (3mt), tratto di acqua trekking per arrivare al secondo salto (5mt), un altro tratto di acqua trekking per arrivare al terzo salto trasformato in uno scivolo naturale.

Si ripercorre infine un bel pezzo di acqua trekking per arrivare all’ultimo salto, il quarto, che comprende vari livelli di altezza (3mt, 5mt e l’adrenalinico da 8mt di altezza che è facoltativo). Tutte le operazioni sono seguite da guide specializzate e vengono eseguite nella massima sicurezza.

Da giugno fino ad oggi in tantissimi si sono avvicinati alla pratica del Torrentismo: registrate presenze anche dall’estero (Inghilterra, Germania, Francia e ultimamente anche Israele) e da tutta Italia (dal Trentino Adige alla Sicilia).

Del Torrentismo a Palena si è occupata anche Rai 1 che ha registrato un servizio per il celeberrimo programma Linea Verde Orizzonti.

Da segnalare anche presenze illustri: lo scorso anno è intervenuto lo staff del Pescara Calcio con l’allora allenatore Massimo Oddo sceso nel Fiume Aventino per provare l’adrenalina di questo che ormai più che un fenomeno è diventata una grande realtà dello sport outdoor.

Info:

335.1650598

www.torrentismoabruzzo.it

sanità

SANITÀ, MARITATO(FI): “ALTRA ESTATE DI PASSIONE PER CITTADINI”

“Passano i giorni ma le cronache mediatiche continuano a narrare disservizi e disagi negli ospedali del territorio regionale. Oggi notizie non propriamente ottimistiche arrivano dalla Ciociaria e della Provincia di Roma, nello specifico dal nosocomio Riuniti di Anzio Nettuno. Pronto soccorso sold out, lunghe attese, carenza di personale sono ormai problemi atavici della sanità regionale a cui il presidente Zingaretti non ha saputo dare soluzione concreta e definitiva. Nonostante i trionfalismi del centrosinistra, dunque, la pochezza amministrativa del governatore del Lazio è sotto gli occhi di tutti”. Così in una nota l’esponente di Forza Italia, Michel Maritato.

ingomb

Maritato: “Che fine ha fatto la miracolosa raccolta degli ingombranti di Ama?”

Che fine ha fatto la miracolosa raccolta degli ingombranti, che Ama aveva garantito di voler praticare porta a porta? Questa immagine arriva da un condominio dietro via Calderon de la barca, proprio dove è la sede della direzione Ama i cui dirigenti, a quanto pare, non si accorgono di ciò che accade sotto i loro occhi. Come possono gestire pulizia e decoro di tutta Roma? La verità è che un’amministrazione eterodiretta come quella di Virginia Raggi non potrà mai avere il polso della situazione in nessun caso. Ne prendano atto i vertici 5 stelle e agiscano prima che i danni diventino irreversibili. Lo dichiara Michel Emi Maritato  (Fi)

monto

MILAN A VALANGA/ A San Siro strapazzati i mediocri macedoni dello Shkendija. Andrè Silva e Montolivo sugli scudi: il regista ritrova anche gli applausi del Meazza

di Fabio Camillacci

Il Milan ne fa sei al modestissimo Shkendija e ipoteca il passaggio alla fase a gironi di Europa League. Per il match di andata del playoff, San Siro indossa nuovamente il vestito delle notti di festa: non c’è il pienone del debutto ma sono comunque presenti oltre 40mila tifosi. Molti di loro hanno timbrato il cartellino soprattutto per vedere la prima del nuova capitano Bonucci: suo l’accorato discorso alla squadra dopo il riscaldamento. E poi c’era attesa per i movimenti di Calhanoglu, al debutto ufficiale da mezzala sinistra, e per l’esordio casalingo di André Silva, che ha subito regalato anche i primi gol. Continue reading…

Alex Neri - Rame2

Terzo appuntamento con Signature 2017 con Alex Neri ed Enroll aka Rame sabato 19 agosto presso lo Stellario di Chieti

Terzo appuntamento con Signature 2017, naturalmente sempre presso lo Stellario di Chieti. Continue reading…

matuidi psg

RADIOMERCATO VENTONUOVO/ La Juventus piazza un colpo a centrocampo: ecco Matuidi dal Psg. La Roma rinuncia a Mahrez e cede Sadiq al Torino. Behrami torna in Italia con l’Udinese

di Fabio Camillacci

Un altro lungo corteggiamento del calciomercato estivo va a buon fine: Blaise Matuidi è un nuovo giocatore della Juventus. Al Paris Saint Germain vanno 20 milioni di euro più bonus; al giocatore un triennale da 3,5 milioni annui. Dopo lo sbrco all’aeroporto di Caselle, il calciatore ha raggiunto il JMedical bianconero per le visite mediche di rito. Che il centrocampo fosse il reparto da puntellare in casa Juventus, era chiaro da tempo: lo scrivemmo anche dopo la finale di Supercoppa italiana. A fugare ogni dubbio ci aveva pensato l’alto dirigente juventino Beppe Marotta proprio prima della sconfitta contro la Lazio, dicendo: “Arriverà un centrocampista importante”. Continue reading…

cropped-Michel-Emi-Maritato-Presidente-AssoTutela1

LAGO BRACCIANO, MARITATO: “BASTA LITI ISTITUZIONALI”

“Nelle scorse ore il Tribunale delle Acque pubbliche ha parzialmente sospeso l’ordinanza della Regione Lazio del 28 luglio scorso, con la quale si stabiliva di congelare ogni prelievo idrico dal lago di Bracciano dal 1 settembre e di limitare il prelievo in agosto. Un pronunciamento che tenderebbe a equilibrare il concetto di salute pubblica dei cittadini dell’area metropolitana e la salvaguardia ambientale del Lago di Bracciano, per il cui prosciugamento sinceramente continuiamo ad essere molto preoccupati. Così come ci preoccupa e ci fanno arrabbiare i costanti botta e risposta istituzionali tra Comune di Roma e Regione Lazio. Invece di risolvere insieme i problemi idrici del nostro territorio, gli enti di Raggi e Zingaretti preferiscono fare scaricabile. Adesso basta litigare, bisogna agire in maniera tempestiva e condivisa”. Così in una nota l’esponente FI, Michel Maritato.

nettuno

“Un Vero Capolavoro” va in scena in quel di Nettuno

Domenica 27 agosto alle ore 21 sul palco del Teatro Spazio Vitale di Nettuno in Via Canducci 15, dopo il grande successo di “Molière Immaginario”, Ivan Bellavista (decennale collaboratore scenico di Antonio Rezza e Flavia Mastrella in successi come “Fratto_X” e “7/14/21/28”), torna con un nuovo spettacolo, “Un Vero Capolavoro”. Una prorompente e spiazzante favola teatrale scritta, diretta e interpretata insieme a Sandra Conti. Si torna su un palco vestito solo dell’essenziale, ricco però di luci, musica e movimento. Questa volta a essere celebrato è il Teatro come Spazio, che diventa un vero e proprio Altrove in cui tutto è concesso, tutto può succedere e dove ognuno può essere ciò che vuole.

Un uomo sta scappando. Da giorni due scagnozzi tentano di acciuffarlo, ma svanisce come nebbia al sole. Forte del fatto di trovarsi in un luogo camaleontico, in cui ogni fantasia può assumere le sembianze della realtà, non fa che travestirsi e mimetizzarsi, saltellando da un luogo all’altro, da un’epoca all’altra, vestendo i panni dei più svariati personaggi, veri o immaginari, famosi o sconosciuti, insoliti o ordinari. E balla, canta, salta, recita, trascinando i suoi inseguitori nella propria allegra ed egocentrica follia, re indiscusso di quel luogo, padrone delle proprie fantasie.

Ma perché lo inseguono? Cosa vogliono da lui? Semplice, farlo tornare in vita! Sì, perché il nostro protagonista altri non è che un uomo caduto in coma anni prima, che ora ha l’opportunità – anzi il dovere – di risvegliarsi e tornare ai suoi affetti terreni. Sembrerebbe un’opportunità straordinaria, ma c’è chi, come lui, a una vita reale e mediocre preferisce un limbo sospeso, un Altrove giocoso in cui tutto è possibile, uno spazio così simile al palco di un teatro, in cui poter rappresentare una vita, mille vite, tutte straordinarie.

Tra numeri musicali, brillanti coreografie e inaspettati cambi di registro, “Un Vero Capolavoro” vi lascerà senza fiato.

 

 

Note di Regia:

 

“Con il nostro primo cavallo di battaglia – “Molière Immaginario” – ci siamo divertiti a distruggere un mito, tra i più celebrati della storia del Teatro. Abbiamo trasformato i personaggi di Molière in pretesti, atti a sfogare la nostra dirompente e insonne vitalità di mettere a nudo le persone, che si celano dietro le maschere. Ora, con il nostro “Vero Capolavoro”, siamo pronti a distruggere e a ricostruire il Teatro stesso. A modo nostro, riscriviamo una personalissima grammatica scenica. Un “dialetto” che, per ora, parliamo solo noi. In scena, ci accompagna la nostra incessante voglia di divertirci e di metterci in gioco. Perché il teatro è, appunto, un tavolo da gioco gigantesco, dove il brivido di puntare alto è lo stimolo decisivo a rischiare. Tre assi che diventano re, regine e fanti, che cavalcano le quinte e il proscenio. Non bariamo, ma giochiamo con le pedine della nostra esperienza e del nostro modo di combattere la noia che, sul palco, come nella vita, è sempre dietro l’angolo. Tra innumerevoli travestimenti, salti temporali e musiche pop, sperimentiamo ogni sera noi stessi e ci spingiamo al limite del divertimento, verso la follia. E siamo pronti a contagiare chiunque ci capiti a tiro.

“Un Vero Capolavoro” è uno spettacolo d’azzardo.

Ma chi non risica, non rosica.

Fate il nostro gioco, signore e signori!”

Ivan Bellavista

                                                                                       

 

Un Vero Capolavoro

 

Domenica 27 agosto 2017

Teatro Spazio Vitale,

Via Canducci, 15 Nettuno (RM) – Zona Cretarossa

 

Scritto, diretto e interpretato da

Ivan Bellavista e Sandra Conti

e con Francesca La Scala

Coreografia di

Paola Maffioletti

Disegno Luci di

Daria Grispino

Luci, Trucco e Assistenza di

Marianna Camillò

Comunicazione di

Tamara Viola

Fotografia di

Barbara Sanna Murgia

Organizzazione

Ivan Bellavista / Fabbrica dell’attore – Teatro Vascello

 

acqua

Siccita':Tribunale Acque,no a stop prelievi da lago Bracciano

Il Tribunale superiore delle Acque pubbliche ha parzialmente sospeso l’ordinanza della Regione Lazio dello scorso 28 luglio, con la quale si disponeva di sospendere ogni prelievo idrico dal lago di Bracciano dal 1 settembre e di limitare il prelievo in agosto a 400 litri al secondo fino al 10 del mese e a 200 litri al secondo dall’11 al 31 agosto. Per effetto dell’ordinanza del Tsap sara’ invece possibile per Acea Ato 2 “prelevare 4 moduli medi (400 litri al secondo, ndr) in luogo degli 11 previsti in concessione”, senza limiti di tempo. La Regione, in ogni caso, potra’ adottare altri provvedimenti se lo scenario dovesse mutare: “Sono fatti salvi – si legge ancora nella sentenza- gli ulteriori provvedimenti che l’Amministrazione competente potra’ adottare in materia, nel rispetto della propria autodeterminazione e tenuto anche conto delle situazioni di fatto, sempre nel rispetto della tutela della salute pubblica”. Contro l’ordinanza emessa dalla Regione il 28 luglio scorso la sindaca di Roma Virginia Raggi aveva presentato ricorso lo scorso 4 agosto

Michel-Maritato-1

Roma Capitale, Maritato: “Centri estivi in agosto. Chi li ha visti?”

Centri estivi in agosto. Chi li ha visti? “Ecco un’altra bizzarria di cui si potrebbe discutere per ore. I cosiddetti centri estivi a costi accessibili, vero toccasana per genitori/lavoratori che nella bella stagione non sanno a chi lasciare i figli ad agosto chiudono per ferie. Allora che centri estivi sono? Viene da chiedersi. È noto che in una Roma a grande componente impiegatizia, dove non tutti possono andare in ferie nell’ ottavo mese dell’anno ciò costituisce un problema. Ma i servizi sociali del comune tacciono e il sindaco Raggi come al solito nei momenti topici è in ferie. Proprio lei che tra gli impegni prioritari aveva assunto quello della tutela delle mamme. Magnifico esempio di coerenza”. Lo dichiara Michel Emi Maritato  (Fi)

murgia alessandro

SUPERCOPPA ITALIANA ALLA LAZIO/ Decide Alessandro Murgia, giovane prodotto del vivaio biancoceleste: Juventus al tappeto

di Fabio Camillacci

Minuto 93 di Lazio-Juventus finale di Supercoppa italiana, le due squadre sono sul 2-2 con i bianconeri che hanno appena completato una difficile rimonta di due gol: Lukaku va via a De Sciglio (il sostituto di Dani Alves) sulla sinistra e crossa in mezzo, un cross basso e teso all’indietro, che l’accorrente Alessandro Murgia trasforma nella rete della vittoria. Il trionfo della gioventù col marchio decisivo di un 21enne frutto del vivaio laziale. Murgia ovviamente impazzisce di gioia e scoppia in lacrime sotto la Curva Nord biancoceleste dello stadio Olimpico di Roma, sommerso dall’abbraccio di tutti. A una brutta, a tratti bruttissima, Juventus, non è servito il doppio guizzo di Dybala, prima con un bolide di straordinaria perfezione balistica su calcio di punizione, poi su calcio di rigore al 90′. Due reti, quelle dell’argentino, che avevano rimesso in piedi in extremis una Juventus allo sbando sia dal punto di vista tecnico-tattico, che dal punto di vista fisico-agonistico. Lazio scatenata, invece, con un super Ciro Immobile che fa doppietta: dal dischetto nel primo tempo e con un colpo di testa da bomber vero d’altri tempi nella ripresa. Continue reading…