“Il Comune di Roma è l’unico ente che non riesce a fare ricavi dalla gestione di 45 farmacie presenti sull’intero territorio capitolino. Farmacap,  l’Azienda farmasociosantaria capitolina rimane in grave affanno con un bilancio che registra perdite addirittura per 1,5 milioni di euro nel 2023. Non sono bastati i bandi andati deserti per assumere nuovi farmacisti, evidentemente non attrattivi, e nulla di concreto è stato fatto per promuovere la qualità e l’efficienza  di un servizio prezioso per la città e per il quale era stato scritto un piano di risanamento sbandierato dalla giunta Gualtieri che invece ha registrato un clamoroso flop. Il Sindaco intervenga, controlli quanto accade e come mai il piano non abbia proceduto secondo i termini stabiliti e non siano stati presi provvedimenti in tempo utile. Il Primo Cittadino  spieghi anche perché i vertici aziendali cerchino di scaricare l’ennesima prova di incapacità scaldapoltrone  sul costo del personale, già piuttosto scarso. Balena il sospetto, come protesta il sindacato Ugl, che si punti a rilanciare l’azienda non con strategie commerciali mirate alla crescita, alla promozione e al miglioramento del servizio, ma solo attraverso la riduzione del personale con conseguenze inaccettabili per i lavoratori e per l’intera  città”. Lo dichiara in una nota il capogruppo della Lega capitolina Fabrizio Santori.

Roma, 12 aprile 2024