Sono passati sessantatré anni da quando, il 21 febbraio 1961, il noto gruppo musicale dei Beatles si esibiva al Cavern Club di Liverpool con una musica che riecheggiava gli echi di quella che sarebbe poi stata la loro cifra contaminata tra rock’n’roll e jazz.
Il locale, diventato simbolo del gruppo musicale, della musica in generale e fonte di ispirazione per i futuri eleganti luoghi adibiti al jazz parigino, è stato il primo posto in cui i Beatles, all’epoca non ancora conosciuti al grande pubblico, iniziarono a dar prova del loro talento e della singolarità della loro cifra musicale attraverso le prime esibizioni che si protrassero all’inizio degli anni Sessanta. Fu proprio in queste occasioni che Brian Epstein captò il loro talento e diventò il loro manager che li accompagnò in ogni momento delle tournée di successo internazionale.
Tutt’oggi il Cavern Club resta un esempio e un simbolo degli albori di un gruppo che ha fatto la storia della musica, sicché ogni anno ospita la cosiddetta “Beatles Week Festival”, con le molteplici esecuzioni in omaggio ai capolavori dei Beatles, tra cui “Revolver” – inserito tra i cinquecento migliori album – “Help”, “All You Need Is Love”, “From Me To You”.