Di Francesco Moresi
E’ bastato una rete di Lulic per permettere alla Lazio di espugnare il “San paolo” ed approdrare in finale di Coppa Italia che si disputerà il 7 Giugno all’Olimpico contro la Juventus di Allegri. I biancocelesti hanno quindi ribaltato i pronostici iniziali che davano il Napoli favorito dopo l’1-1 dell’andata. I partenopei, in crisi di risultati, dopo la batosta rimediata all’Olimpico vedono svanire un altro importante traguardo della stagione. Dure le parole del Presidente De Laurentis a fine partita, il quale avrebbe richiesto un ritiro punitivo per la squadra fino al termine del campionato, sperando di dare quello scossone decisivo a Benitez e Co. ancora in lizza per il terzo posto, che garantirebbe l’accesso ai preliminari di Champions League, e con un quarto di finale di Europa League da contendersi con i tedeschi del Wolfsburg.

LA PARTITA – Il Match sin dall’inizio è stato molto acceso con occasioni da una parte e dall’altra. Il Napoli è sceso in campo con un tridente importante per tentare di scardinare la difesa biancoceleste guidata da un eccellente De Vrij, leader indiscusso della retroguardia laziale. Il primo tempo si è concluso con il palo di Gabbiadini da calcio piazzato, pezzo forte del forte attaccante ex Sampdoria. Nella ripresa la Lazio non ha abbassato la guardia, non rinunciando al suo gioco fluido affidandosi agli strappi di Candreva e di un sontuoso Felipe Anderson, alla lunga il migliore in campo dei capitolini. Gli uomini di Benitez hanno sfiorato il gol nei primi minuti prima con Higuain e poi con Inler. L’ingresso di Lulic però ha mutato l’atteggiamento in campo dei biancocelesti che hanno spostato dalla loro l’inerzia della partita negli ultimi venti minuti di gioco. Il gol vittoria è arrivato proprio dai piedi del bosniaco su assist de solito Anderson, al termine di una discesa sulla fascia. negli ultimi minuti nonostante lo choc del gol subito il Napoli ha tentato di riacciuffare il pareggio, che avrebbe consentito almeno i supplementari, ma il tap-in a botta vincente di Insigne si è infranto sullo stesso Lulic che ha salvato sulla linea un gol che sembrava già fatto.

OTTAVA FINALE PER LA LAZIO – I capitolini sono sembrati più determinati rispetto ai partenopei nel corso dei novanta minuti di gioco. Pioli al termine del match ha predicato calma, nonostante il periodo d’oro dei capitolini che in campionato sono in piena lotta per un posto in Champions League e con una finale di Coppa Italia da giocarsi contro la corazzata bianconera guidata da Allegri. Per Benitez si tratta dell’ennessima delusione di una stagione altalenante e avara di soddisfazioni. Il tecnico spagnolo, sempre più corpo estraneo, sembra essere arrivato al capolinea e già in giro si vocifera di un suo avvicendamento a fine campionato.

 

NAPOLI – LAZIO = 0-1

NAPOLI (4-2-3-1): Andujar; Maggio, Albiol, Britos, Ghoulam; Inler, Gargano (40′ st Insigne); Gabbiadini (28′ st Callejon), Hamsik, Mertens (23′ st De Guzman); Higuain. A disp.: Rafael, Colombo, Henrique, Koulibaly, Strinic, Lopez, Jorginho, Zuniga, Zapata. All.: Benitez

LAZIO (4-3-3): Berisha; Basta, De Vrij, Mauricio, Braafheid (38′ st Cavanda); Biglia, Cataldi (10′ st Mauri), Parolo; Candreva (23′ st Lulic), Klose, F. Anderson. A disp.: Marchetti, Strakosha, Novaretti, Cana, Ciani, Cavanda, Pereirinha, Ledesma, Ederson, Perea. All.: Pioli

Arbitro: Orsato

Marcatori: 34′ st Lulic (L)

Ammoniti: Albiol, De Guzman (N); Mauricio, Parolo (L)