Tagged in: velletri

grecigiorgio

Velletri, Giorgio Greci sulla Tari: ‘Tariffe raddoppiate e servizio scadente’

La tassa sui rifiuti (TARI) a Velletri negli ultimi dieci anni è raddoppiata. Questo regalo a cittadini, commercianti, agricoltori e imprese della nostra città è stato impacchettato dal sindaco Servadio e dalle sue amministrazioni che nel corso di due mandati hanno fatto schizzare alle stelle le tariffe della TARI. Alle tariffe raddoppiate non si può certo dire sia corrisposto un servizio migliore per i veliterni che, pur pagando somme via via più alte hanno ricevuto in cambio un servizio scadente e la minaccia di vedere realizzato sul territorio un mega impianto di smaltimento che pregiudicherebbe in modo irrimediabile la qualità della loro vita e quelle delle generazioni future. Chi ha seguito la mia attività da consigliere comunale e da presidente della Commissione rifiuti sa bene quanta attenzione ho dedicato al tema ambientale e anche quello delle tariffe. Il rispetto dell’ambiente e l’innalzamento delle percentuali di differenziata, con conseguente calo della TARI, per i cittadini sono due dei punti qualificanti del mio programma di Governo che a breve presenteremo alla cittadinanza.

Michel Emi Maritato

CERVIA COMITATO

Velletri, caso Cervia: Ministero condannato. La famiglia: “Fatta giustizia”

“Finalmente giustizia è stata fatta”. E’ questo il commento secco ma intenso di Erika Cervia, figlia di Davide, l’esperto di guerre elettroniche, rapito nel 1990 davanti all’ingresso della sua casa a Velletri. E’ arrivata ieri la sentenza del procedimento civile iniziato nel 2012. Il giudice ha “condannato il ministero della Difesa per omissioni e negligenze tali da aver impedito di arrivare alla verità sul caso Cervia. Non siamo riusciti a riportare a casa mio padre – scrive ancora Erika -, un uomo, un marito perbene, ma gli abbiamo ridato quella dignità che troppe volte parte delle istituzioni, a vari livelli, hanno cercato di calpestare. Grazie di cuore ai nostri avvocati Licia D’Amico e Alfredo Galasso che senza chiederci alcun compenso, ci hanno permesso di arrivare a questo risultato e a tutti coloro che ci hanno sostenuto nel corso di questo lungo processo”.

Marco Montini