Tagged in: polizia

polizia-volanti-notte

ROMA. VIOLENZE FISICHE E PSICOLOGICHE SUGLI ALUNNI

Ieri mattina, gli investigatori della Polizia di Stato del commissariato Appio, hanno eseguito una misura cautelare in regime di detenzione domiciliare emessa dal GIP del Tribunale di Roma a carico di un’insegnante di scuola elementare di 54 anni.

Le indagini sono partite nel marzo scorso quando i poliziotti hanno raccolto “lo sfogo” di un collaboratore scolastico che aveva assistito ad un gesto di violenza fatto da una maestra ad un bambino di 6 anni; secondo il racconto del testimone, la maestra, tenendo il bimbo per un braccio, lo avrebbe colpito con una ginocchiata alla schiena ed un forte schiaffo in faccia.

Gli uomini alla direttive della dottoressa De Giorgi hanno raccolto varie testimonianze c.d. dirette, ovvero di ex studenti diventati ormai adulti, ed indirette, ovvero di genitori e familiari di alcuni bambini.

Fin dai primi racconti, è emerso un quadro inquietante; la maestra avrebbe avuto l’abitudine di far stare i bambini con il capo chino sul banco per poter mangiare in tranquillità;  inoltre, soprattutto negli ultimi anni, le violenze fisiche sarebbero aumentate ed, in un caso, è stato segnalato che l’insegnante avrebbe infilato la testa di una bambina, con difficoltà psicofisiche riconosciute, nel cestino della spazzatura.

La maestra, nel corso degli ultimi anni, è stata più volte spostata di classe; circostanza che è tuttora oggetto di valutazione da parte degli inquirenti.

Al termine degli accertamenti gli investigatori hanno consegnato alla magistratura un quadro indiziario ben delineato che ha portato all’emissione della misura cautelare eseguita questa mattina.

polizia

ARRESTATO UN 50ENNE DI MARINO. COLTIVAVA MARIJUANA IN GIARDINO

Nell’ambito dell’attività  preventiva e repressiva volta  al contrasto del fenomeno legato alle spaccio di sostanze stupefacenti, gli agenti della Polizia di Stato del commissariato di Albano Laziale diretto dal dr. Augusto Pallante, al culmine di un’indagine durata alcune settimane e che aveva già assicurato alla giustizia  alcuni spacciatori,  hanno arrestato un noto personaggio di Marino, con precedenti di polizia, responsabile di produzione  e detenzione di sostanze stupefacenti.

L’operazione, si è conclusa all’interno di una villa di Marino , dove,  con un’ escamotage,  è stata effettuata  irruzione all’interno della proprietà abitata dall’uomo.

Sorpreso dalla presenza degli agenti,  questo ha tentato di deviare l’attenzione su uno spazio ricavato nel suo giardino, dove, dietro  alcune siepi, sono state trovate 50 piante di marijuana  che, dopo le analisi tossicologiche, sono risultate essere di ottima qualità.

Al termine delle operazioni, M.G. di 60 anni è stato arrestato.

Michel Emi Maritato

polizia-volanti-notte

ROMA. PUBBLICIZZAVA “TRATTAMENTI PERSONALIZZATI”: SEQUESTRATO CENTRO ESTETICO

Frequenti segnalazioni dei cittadini della zona, e un sospetto “andirivieni” di clienti hanno allertato gli agenti della Polizia di Stato, che hanno scoperto la reale attività di un “finto” centro benessere al Salario.

Vista l’eloquenza dei messaggi pubblicitari trovati sui siti internet, che facevano riferimento a “trattamenti personalizzati”, gli agenti del commissariato Viminale hanno iniziato un’attività d’indagine.

I poliziotti, dopo aver atteso l’uscita dallo stabile di alcuni clienti, li hanno fermati e ascoltati sull’attività realmente praticata dal “sedicente” centro estetico.

Ottenuta la conferma dei sospetti, gli investigatori hanno deciso per un controllo più approfondito; il centro estetico era in realtà una copertura per un’attività di meretricio.

Dopo aver verificato il reale utilizzo dei locali e la posizione delle varie ragazze presenti, 5 cittadine cinesi, gli agenti hanno individuato in L.B., la  responsabile e colei che gestiva l’illegale attività.

La donna, 49enne, dopo essere stata accompagnata negli uffici di Polizia, è stata arrestata per sfruttamento della prostituzione, mentre i locali sono stati sottoposti a sequestro.

polizia

ROMA. CHIEDE DEL DANARO AD UN CONOSCENTE E, AL SUO RIFIUTO, LO FERISCE

E’ accaduto nella notte a Trastevere. Un extracomunitario ha avvicinato un 30enne, da lui conosciuto, chiedendogli del danaro e, al suo rifiuto, lo ha colpito al volto con una bottiglia. Poi, una volta a terra, si è impossessato del suo cagnolino. Il ferito, che ha riportato la frattura delle ossa nasali, dopo essere ricorso alle cure dei sanitari, si è recato presso il Commissariato Viminale, denunciando l’accaduto.

Gli agenti del Commissariato si sono subito attivati riuscendo, dopo una battuta effettuata ad ampio raggio, ad individuare nelle adiacenze della tangenziale E.F.A., libico di 31 anni, con numerosi precedenti di polizia.

Dopo aver rintracciato alcuni testimoni che hanno confermato l’accaduto e dopo il riconoscimento fotografico effettuato dalla vittima, per il 31enne è scattato il fermo per rispondere di rapina.

Il cane, del quale l’extracomunitario era in possesso al momento del fermo, è stato restituito al proprietario

Michel Emi Maritato