Tagged in: Politica

piazza

Conte bis, il governo giallo-rosso incassa la fiducia di Montecitorio: 343 si. Il premier contestato dalle opposizioni in aula e in piazza

di Fabio Camillacci

Come previsto, il governo Conte bis ha ottenuto la fiducia della Camera con 343 voti. I contrari sono stati 263, gli astenuti 3. I deputati presenti erano 609, quelli votanti 606, la maggioranza è quindi stata fissata a 304 voti, ed e’ stata superata di 39 suffragi. Tre gli assenti tra i grillini, due tra i dem. Adesso la palla passa al Senato dove martedì 10 settembre ci sarà il nuovo voto di fiducia; quello più atteso perchè il governo giallo-rosso a Palazzo Madama non è forte come a Montecitorio. Continue reading…

Turismo integrato, motore di Expo 2015 - Presentazione Società Explora

TURISMO ITALIA: FEDERTURISMO E COMPETERE LANCIANO LA SFIDA ALLA POLITICA

Competere, in partnership con Federturismo, ha presentato oggi, presso il Senato della Repubblica, il documento “Turismo Italia – Strategie e proposte per la crescita” che contiene 17 proposte articolate in punti programmatici per la crescita e la competitività dell’industria turistica. Alla presentazione, oltre al presidente di Federturismo Gianfranco Battisti e al presidente di Competere Pietro Paganini, si sono confrontati anche esponenti del governo e dei partiti candidati alle prossime elezioni, fra i quali Francesco Palumbo – Direttore Generale Turismo del MiBACT, Loredana Capone – Partito Democratico, Gian Marco Centinaio – Lega Nord, Edoardo Colombo – 10 Volte Meglio, Mattia Fantinati – Movimento 5 Stelle, Carlo Fidanza – Fratelli d’Italia e Licia Ronzulli – Forza Italia.
Il documento programmatico “Turismo Italia” è indirizzato ai movimenti politici e ai candidati, ma, contemporaneamente, anche a stakeholder e cittadini: uno strumento utile a comprendere le problematiche del settore turistico italiano e le possibili soluzioni, ma anche per misurare l’azione della politica e i suoi risultati. Le proposte contenute al suo interno affrontano diversi nodi ancora irrisolti della filiera e sono divise per aree tematiche. In particolare viene analizzato il contributo del turismo all’economia italiana, più del 10% – oltre 180 miliardi di euro – del PIL nazionale e oltre 2 milioni e mezzo di occupati, e sottolineata la necessità di considerare il turismo un settore industriale a tutti gli effetti per il quale è necessaria una nuova governance che sia in grado di guidare il sistema turistico attraverso nuove sfide, con particolare attenzione ai temi dell’occupazione, della fiscalità, della burocrazia e della trasformazione digitale.
“L’Impresa 4.0 del futuro deve passare necessariamente da qui” afferma Pietro Paganini, presidente di Competere che continua “Il turismo è un settore vitale per l’Italia come dimostrano i numeri in crescita degli ultimi anni. È necessario che stia al passo con i tempi della trasformazione digitale e dell’automazione per essere competitivo a livello internazionale ed essere sempre più un volano della crescita economica”.
“I Governi e la politica possono giocare un ruolo importante nel creare le condizioni necessarie allo sviluppo del settore” conclude Pietro Paganini “Il documento ‘Turismo Italia’ è quindi un punto di partenza fondamentale per tutti i candidati e i partiti che vogliono portare avanti proposte concrete e attuabili sia nel breve sia nel medio-lungo periodo. Allo stesso tempo ha lo scopo di fornire uno strumento ai cittadini e agli operatori per misurare l’azione della politica. Riteniamo che la misurabilità dei risultati sia fondamentale e debba essere valorizzata”. 

Genova - abusivismo commerciale

Roma, 60mila articoli abusivi: superlavoro per la Polizia Locale

Ci sono anche 16.000 giocattoli non a norma, quindi potenzialmente pericolosi per i bambini, tra i 60.000 articoli illegali sequestrati dalla Polizia Locale di Roma Capitale nel corso degli interventi contro l’abusivismo commerciale di dicembre. Nell’ultimo mese del 2017, gli agenti hanno portato a termine 909 sequestri, di cui 837 sequestri amministrativi e 72 sequestri penali, sottraendo al commercio illegale 55.365 articoli illegali e 4.553 contraffatti. Tra questi ultimi sono stati soprattutto i capi di abbigliamento a farla da padrone, con 2.992 articoli tra borse, portafogli e foulard “imitazioni” di marchi prestigiosi immessi nella rete di vendita illegale. Gli interventi programmati in prossimità delle feste hanno permesso anche di intercettare ed eliminare dal commercio 15.779 giocattoli, tutti privi di marchio di sicurezza CE e quindi in grado di mettere a rischio l’incolumità dei bambini. Tanti anche gli articoli del settore elettronica (12.329) e gli articoli alimentari (3.938) finiti sotto sequestro. La Polizia ha elevato complessivamente sanzioni per 4,2 milioni di euro. “Roma continua a dire no all’abusivismo commerciale. Il coordinamento tra le forze dell’ordine nel contrasto al fenomeno dell’illegalità durante le ultime festività ha funzionato. In particolare, la Polizia Locale ha intensificato l’azione nei confronti della contraffazione, un fenomeno criminale che mette a rischio posti di lavoro e la sopravvivenza di molte attività commerciali oneste, con un lavoro investigativo mirato a individuare laboratori e magazzini dove vengono assemblati e stoccati i falsi. A dicembre abbiamo stipulato un Protocollo d’intesa con Indicam, la rete delle aziende manifatturiere, che ci permetterà di rendere queste azioni più efficaci grazie ad una formazione specifica per i nostri agenti. Ringrazio la Polizia Locale anche per i numerosi sequestri di giocattoli non a norma, sottratti alla vendita nel periodo natalizio, che avrebbero potuto essere un pericolo reale per la salute dei più piccoli. E’ necessario tenere alta la guardia contro questi fenomeni” dichiara l’assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro Adriano Meloni.

Michel-Maritato-1

MUNICIPIO IV, MARITATO(FI): “NEL MONDO RAGGI VOLANO SCHIAFFI… E STRACCI”

“Non bastasse il caos politico e l’inefficienza amministrativa che quotidianamente attanagliano il Campidoglio, targato Raggi, l’inettitudine istituzionale a 5 stelle si fa sentire anche nei Municipi: nella giornata di ieri al IV si è arrivati alle mani con un assessore grillino che avrebbe dato una sberla in faccia a un consigliere. Insomma, se in Campidoglio volano gli stracci, nei municipi gli schiaffi… Tutto questo è la palese dimostrazione dell’inadeguatezza del Movimento 5 Stelle al governo della città”. Così, in una nota, l’esponente FI, Michel Maritato

 

MICHEL SKY

25 APRILE, ASSOTUTELA: “POLEMICHE E DIVISIONI NON FANNO BENE AL NOSTRO PAESE”

“Anche per questo 25 aprile, anniversario della liberazione d’Italia, abbiamo dovuto assistere mestamente a polemiche e divisioni politiche: un clima che dimostra ancora una volta come le nostre istituzioni, a tutti i livelli, preferiscano perdersi in litigi piuttosto che ricordare un momento importante della storia del nostro Paese. Continue reading…

movimento-5-stelle

AL POTERE M5S SI RISCOPRE COME LA VECCHIA POLITICA

di Marco MONTINI
Una volta al governo, i Cinque Stelle potrebbero ritornare umani. In molti lo avranno pensato, vedendo le difficoltà che il Movimento sta vivendo a livello nazionale e locale. E non parliamo di consenso popolare – lì i sondaggi danno i grillini in piena salute – ma di quanto sia difficile passare dalla protesta alla proposta. Dall’opposizione alla maggioranza. Perché il primo significa essere controllori della democrazia e dell’attività amministrativa, mentre il secondo l’attività amministrativa vuol dire farla. E non sempre ci si riesce bene. Mettici pure che quando si governa, l’attenzione mediatica cresce, eccome se cresce, e se non sei totalmente trasparente, i media e la pubblica opinione ti fanno le pulci, magari rinvenendo nel curriculum qualche scheletro, che sembra chiuso col bostik nell’armadio. Peccato, poi, che l’armadio invecchia, si consuma e rischia di spaccarsi. Tutto questo, per sottolineare che nella vita sbagliare è umano ma perseverare a fare le pulci agli altri, dimenticando sé stessi, è a volte diabolico. E poi tutto ritorna indietro come un boomerang. Vedere quanto accaduto all’assessore capitolino al Commercio, Adriano Meloni, nel cui cv c’è una sentenza di condanna civile in primo grado per una causa di lavoro che risale all’11 febbraio 2016, qualche mese prima delle elezioni che incoronarono Virginia Raggi a prima cittadina di Roma. Non sta a noi giudicare l’assessore ma la vicenda colpisce nel cuore i pentastellati che della trasparenza ne hanno sempre fatto un mantra. E, sul caso Meloni, infatti il Movimento prende tempo. Proprio come solitamente fanno quelli della vecchia politica, da cui Grillo e company hanno sempre preso le distanze… A proposito di Grillo, è notizia di oggi che il tribunale civile di Genova ha riabilitato la vittoria alle comunarie grilline del candidato sindaco Cassimatins, bocciando la recente decisione del comico genovese. Una bella botta per Beppe.
Santori

Il PD ha venduto Roma per qualche poltrona in più. Sgomma va avanti, più firme contro Marino che suoi elettori

“Da oggi in poi il Partito Democratico sarà ulteriormente responsabile. Non soltanto nell’aver regalato a Roma un Sindaco incapace e lontano dal mondo e per averlo sostenuto fino ad ora nonostante la rivolta di tutti i romani. Ma da oggi anche per non aver colto l’opportunità di mandarlo a casa sulla brutta storia delle multe, barattando il bene di Roma con qualche poltrona in più in Giunta. Il Pd vuol far credere ai romani che il problema siano gli assessori, ma è chiaro che qui è il manico che non funziona e che sta distruggendo Roma. Perseverare è diabolico. Il Diavolo veste Panda e Roma non è un film ma una città da amare e proteggere”, così Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio.

“Adesso sarà a tutti più chiaro che Marino non è solo un incidente di percorso della sinistra, ma è un simbolo politico del Pd, un uomo che il centrosinistra e i presidenti dei municipi stanno proteggendo sulle spalle di Roma. Ma le prossime settimane saranno ancora di mobilitazione, non lasceremo la nostra città a questa Amministrazione e la raccolta firme #sgomma si concluderà in primavera con più adesioni di quanti romani hanno votato erroneamente Marino. E a quel punto anche il PD non avrà più vie d’uscita. Hanno venduto Roma per qualche assessore in più” conclude la nota di Santori.

fedez-gasparri-ape

GASPARRI? SETTE IN CONDOTTA!

di Simone Dei Pieri

Adesso basta, dico davvero. C’è una linea di sopportazione che separa la politica da ciò di cui discutiamo quotidianamente, vuoto pneumatico che nulla di nuovo aggiunge a ciò che sappiamo già. Rendiamoci conto che questa linea nauseante è stata superata da tempo e per risolvere il tutto non basterà neanche la rabbia e le urla di Peter Finch in un ‘Quinto Potere‘ all’italiana. Continue reading…

arte obra

LE 10 P.P.P. (Politicate Più Popolari) CON LA ‘p’ MINUSCOLA

di Dei Pieri

Dopo un’attenta analisi degli studi condotti dall’Esimio Dott. Capatonda, in arte ‘Maccio’, abbiamo realizzato la spaventosa avanzata del cosiddetto ‘Italiano Medio'; ma poiché riteniamo il nostro lavoro un servizio utile alla comunità, non ci siamo dati per vinti e abbiamo pubblicato la lista delle 10 Castronerie Morali (o P.P.P.) alle quali dovete rintanarvi sotto il tavolo o spegnere il televisore. Continue reading…