Tagged in: Maritato

Carol Gabriella Maritato

L’INTERVISTA – CAROL MARITATO E UN 2018 A TUTTA MUSICA

Giovane, bella e grintosa. Carol Maritato, cantante emergente del panorama musicale italiano, ha davanti un 2018 che si preannuncia ricco di soddisfazioni. Settimane di lavoro, impegno, sacrificio, che la vedranno calcare le scene e il red carpet del BelPaese. Un percorso di cui Carol è cosciente: “Questi sono e saranno mesi molto intensi. Con la musica sempre al centro della mia quotidianità”, rivela ai nostri microfoni. Musica a 360 gradi: “Assolutamente sì. In questo periodo sto lavorando, di concerto con altri autorevoli artisti, al progetto del San Remo Festival Cafè per la ricerca di nuovi talenti e per dare spazio alle ambizioni di giovani cantanti che vanno sul palco per regalare emozioni”. Un progetto a cui Carol tiene molto, senza però dimenticare la propria carriera artistica: “Sto lavorando su un nuovo inedito: un brano introspettivo, irrazionale, emozionale, che vuole far sognare chi lo ascolta. Un testo che reputo di qualità, a cui tengo molto e che nel 2018 vedrà finalmente la luce”. Un brano che merita una location di eccezione: il festival di Sanremo 2019: “Non nascondo che vorrei presentarlo in occasione di quella meravigliosa kermesse. Sarebbe bellissimo. Vediamo…”. Insomma, per Carol si prevede un anno a tutto birra, anzi a tutte note: “Obiettivi e ambizioni da raggiungere con tutta la grinta possibile”, dice combattiva la Maritato. In bocca al lupo.

o-ZINGARETTI-facebook

CAPODARCO, MARITATO(FI): “ZINGARETTI TACE E MILLE LAVORATORI A RISCHIO”

“Dopo le preoccupazioni espresse per le condizioni della Cooperativa Capodarco a seguito dei fatti registrati a partire dall’interdizione della società e dal commissariamento giudiziario, nessuna risposta è giunta da parte della Regione Lazio circa l’esclusione della Capodarco, decretata lo scorso 15 gennaio 2018 dalle gare per la gestione dei servizi Recup e Cup”. Ad affermarlo è l’esponente di Forza Italia, Michel Maritato, che continua: “L’esclusione maturata per una irregolarità abbastanza ridicola del Durc (Documento unificato di regolarità Contributiva) di appena 3mila euro, registrata a settembre 2017, comporterebbe enormi problemi occupazionali  per oltre mille lavoratori della Capodarco impegnati nei servizi di call-center del numero verde regionale e per quelli dei servizi di sportello Cup (in verità già aggiudicati ad altre ditte sul finire dello scorso anno). Il motivo è quello già più volte denunciato della mancanza nelle gare in questione della clausola sociale di riassorbimento del personale che espone tutto il personale della Capodarco, nonostante le rassicurazioni sindacali, a dover rischiare la disoccupazione e/o comunque condizioni di reimpiego al ribasso con le ditte subentranti. Nel frattempo la Capodarco avrebbe comunicato che presto il problema del Durc irregolare verrebbe risolto, ma allora ci domandiamo come mai la Centrale Acquisti della Regione Lazio ha compiuto una scelta così avventata pubblicando sul Burl lo scorso 25 gennaio l’esclusione dalle gare della Capodarco, rischiando di provocare anche enormi danni di immagine alla stessa società”. Maritato, quindi, continua: “Su questa situazione assordante è anche il silenzio dei sindacati che continuano a far finta che il problema delle clausole sociali delle gare nelle quali è impegnata Capodarco non esiste”. Secondo Maritato dunque “Si potrebbe definire un vero percorso ad ostacoli che getta ancora di più nell’angoscia migliaia di lavoratori della Capodarco che vivono ormai da alcuni anni una situazione di incertezza e precarietà e che attendono da questa Amministrazione regionale dopo le vane promesse una risposta di certezze e non certo le chiacchiere del meno noto fratello del Commissario Montalbano. Nicola Zingaretti esca dal silenzio”, conclude l’esponente FI, Michel Maritato.

roma-multiservizi-giunta-raggi

MULTISERVIZI, MARITATO(FI): “SOLIDARIETA’ A LAVORATORI. LA RAGGI SI SVEGLI”

“E’ sempre più preoccupante la situazione della Roma Multiservizi, che con i suoi 3mila lavoratori assicura una serie importante di servizi pubblici nella Capitale d’Italia. Ormai da qualche mese l’azienda vive una crisi allarmante che l’amministrazione grillina non riesce a risolvere, dimostrando una inefficienza amministrativa lampante. Esprimiamo la nostra solidarietà ai dipendenti della Multiservizi e sollecitiamo, al contempo, la sindaca Raggi a uscire dal torpore istituzionale, mettendo in atto una seria pianificazione che rilanci l’azienda capitolina”. Così, in una nota, l’esponente di Forza Italia, Michel Emi Maritato.

inps2

INPS. CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI STUDENTI PER SOGGIORNI STUDIO IN ITALIA

Il bando “Estate INPSieme 2018” è un concorso dedicato ai giovani studenti per la partecipazione a soggiorni studio in Italia.
Il bando indetto dall’Inps prevede complessivamente 12.820 contributi economici per altrettanti soggiorni riservati agli studenti di: 1) scuola elementare (primaria), classi dalla II alla V; 2) scuola media (secondaria di primo grado); 3) scuola superiore (secondaria di secondo grado) disabili o invalidi civili al 100%. L’importo massimo di ciascun contributo è di 600 euro per un soggiorno della durata di otto giorni e di 1.000 euro per un soggiorno di quindici giorni. La domanda deve essere trasmessa online, attraverso il relativo servizio, dalle ore 12.00 del 1° febbraio 2018 alle ore 12.00 del 2 marzo 2018.
Il beneficio è riservato ai figli o orfani ed equiparati di: 1) dipendenti e pensionati della pubblica amministrazione iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali; 2) pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici; 3) iscritti alla Gestione Fondo Ipost.

EMANUELA MARIA MARITATO
ragazzacell

SCUOLA: USO DEI TELEFONI CELLULARI. IL DECALOGO DEL MIUR SULL’UTILIZZO DEI DISPOSITIVI IN CLASSE

1. Ogni novità comporta cambiamenti. Ogni cambiamento deve servire per migliorare l’apprendimento e il benessere delle studentesse e degli studenti e più in generale dell’intera comunità scolastica.
2. I cambiamenti non vanno rifiutati, ma compresi e utilizzati per il raggiungimento dei propri scopi. Bisogna insegnare a usare bene e integrare nella didattica quotidiana i dispositivi, anche attraverso una loro regolamentazione. Proibire l’uso dei dispositivi a scuola non è la soluzione. A questo proposito ogni scuola adotta una Politica di Uso Accettabile (PUA) delle tecnologie digitali.
3. La scuola promuove le condizioni strutturali per l’uso delle tecnologie digitali. Fornisce, per quanto possibile, i necessari servizi e l’indispensabile connettività, favorendo un uso responsabile dei dispositivi personali (BYOD). Le tecnologie digitali sono uno dei modi per sostenere il rinnovamento della scuola.
4. La scuola accoglie e promuove lo sviluppo del digitale nella didattica. La presenza delle tecnologie digitali costituisce una sfida e un’opportunità per la didattica e per la cultura scolastica. Dirigenti e insegnanti attivi in questi campi sono il motore dell’innovazione. Occorre coinvolgere l’intera comunità scolastica anche attraverso la formazione e lo sviluppo professionale.
5. I dispositivi devono essere un mezzo, non un fine. È la didattica che guida l’uso competente e responsabile dei dispositivi. Non basta sviluppare le abilità tecniche, ma occorre sostenere lo sviluppo di una capacità critica e creativa.
6. L’uso dei dispositivi promuove l’autonomia delle studentesse e degli studenti. È in atto una graduale transizione verso situazioni di apprendimento che valorizzano lo spirito d’iniziativa e la responsabilità di studentesse e studenti. Bisogna sostenere un approccio consapevole al digitale nonché la capacità d’uso critico delle fonti di informazione, anche in vista di un apprendimento lungo tutto l’arco della vita.
7. Il digitale nella didattica è una scelta: sta ai docenti introdurla e condurla in classe. L’uso dei dispositivi in aula, siano essi analogici o digitali, è promosso dai docenti, nei modi e nei tempi che ritengono più opportuni.
8. Il digitale trasforma gli ambienti di apprendimento. Le possibilità di apprendere sono ampliate, sia per la frequentazione di ambienti digitali e condivisi, sia per l’accesso alle informazioni, e grazie alla connessione continua con la classe. Occorre regolamentare le modalità e i tempi dell’uso e del non uso, anche per imparare a riconoscere e a mantenere separate le dimensioni del privato e del pubblico.
9. Rafforzare la comunità scolastica e l’alleanza educativa con le famiglie. È necessario che l’alleanza educativa tra scuola e famiglia si estenda alle questioni relative all’uso dei dispositivi personali. Le tecnologie digitali devono essere funzionali a questa collaborazione. Lo scopo condiviso è promuovere la crescita di cittadini autonomi e responsabili.
10. Educare alla cittadinanza digitale è un dovere per la scuola. Formare i futuri cittadini della società della conoscenza significa educare alla partecipazione responsabile, all’uso critico delle tecnologie, alla consapevolezza e alla costruzione delle proprie competenze in un mondo sempre più connesso.

MARITATO EMANUELA MARIA
regionelaz

CAPODARCO, MARITATO(FI): “FUORI DA CUP E RECUP. 1600 LAVORATORI SUL LASTRICO”

“L’esclusione della Capodarco dalle gare Cup e Recup rappresenta purtroppo la fine della cooperativa sociale di inserimento lavorativo più grande d’Italia. Dopo le inchieste, le ingiuste interdizioni e commissariamenti possiamo dire che si è giunti quasi alla fine del percorso di liquidazione di una realtà che da oltre 40 anni ha aiutato e concretizzato l’inserimento lavorativo di migliaia di disabili e non. Le decisioni della Centrale Acquisti regionale, a fronte di una irregolarità del Durc di Capodarco di appena 3mila euro, bastano a decretare la fine della Capodarco  dopo anni di storia.  Ci sarebbe da chiedersi se questi “capaci” amministratori, a fronte di stipendi da capitani di industria, non avvertano un po’ di vergogna dopo che, a quanto pare, si sarebbero dimenticati di pagare un importo cosi irrisorio, ma che di fatto ha tenuto la Capodarco fuori dal bando. Già si erano distinti per aver prima nominato un direttore generale rinviato a giudizio, poi avevano omesso di dichiarare condanne dell’ex presidente Bugli nelle gare d’appalto ed ora anche il Durc non pagato nei termini stabiliti dalla Legge. Chissà chi glielo va a dire ora a quei 1600 lavoratori della Capodarco che è tutto finito; che dovranno perdere la loro cooperativa a vantaggio di altre società; che non si sa nemmeno se saranno mai riassorbiti al lavoro nei passaggi essendo state escluse dalla Regione attuale le clausole sociali previste negli appalti di manodopera. Si può dire un vero capolavoro di macelleria sociale di cui qualcuno ci si augura sarà chiamato a rispondere”. Così in una nota l’esponente di Forza Italia, Michel Maritato.

Movimento-5-stelle-firme-false-combo-m5s-palermo

REGIONALI, MARITATO(FI): “LOMBARDI SIMBOLO DELLA CONTRADDIZIONE M5S”

“Roberta Lombardi è il simbolo della contraddizione del Movimento Cinque stelle: un movimento che predica demagogicamente trasparenza, rinnovamento, rispetto e invece, nella realtà, si mostra più vecchio della vecchia politica. La candidata grillina a presidente della Regione Lazio, come detto, è l’esempio di tutto questo: una candidata, la Lombardi, che dice parolacce mentre fa comizi elettorali, che litiga con i suoi compagni di schieramento, che si sente la prima della classe. Una candidata tutto fumo e niente arrosto che non ha preparazione e competenza per governare una regione difficile e complessa come il Lazio”. Così, in una nota, l’esponente di Forza Italia, Michel Emi Maritato.

david-zard

MUSICA. MARITATO RICORDA ZARD: “ADDOLORATI PER SUA SCOMPARSA”

“Sono profondamente addolorato per la scomparsa di David Zard, un amico, un geniale impresario e produttore scomparso all’etá di 75 anni, il 27 gennaio a Roma, dopo una lunga malattia. È stato tra i primi a portare i grandi concerti in Italia, concerti di grandi artisti internazionali. David Zard lascia un vuoto incolmabile nel mondo della musica. Alla sua famiglia rivolgo la mia più sentita vicinanza”. Così in una nota il presidente di Assotutela e patron del Sanremo Festival Cafè, Michel Emi Maritato.

 

AssoTutela

GIORNATA DELLA MEMORIA, ASSOTUTELA: “VICINANZA ALLA COMUNITA EBRAICA”

“Oggi è un data assolutamente importante, dall’alto valore simbolico e sociale: la giornata della memoria in ricordo delle vittime dell’Olocausto. Come associazione che difende e tutela i diritti dei cittadini, senza distinzione di razza, sesso e religione, siamo partecipi a questa commemorazione di un tragico periodo della nostra storia. Un tragico periodo su cui riflettere affinchè non si ripeta mai più. Voglio rivolgere il mio fraterno abbraccio a Ruth Duraghello, presidente della comunità ebraica di Roma e Riccardo Di Segni, rabbino capo di Roma. Siamo e saremo sempre al vostro fianco”. Così, in una nota, il presidente della associazione Assotutela ed ex candidato a sindaco di Roma, Michel Emi Maritato.

 

cup

CUP, MARITATO(FI): “CAPODARCO ESCLUSA DA GARA. PARADOSSALE”

“Dopo la notizia che l’ex presidente Bruno Bugli avrebbe omesso di dichiarare alcune condanne  nelle gare alle quali la cooperativa Capodarco aveva partecipato, ecco che arriva l’esclusione dalla gara regionale del Cup da parte della Regione Lazio “Direzione centrale acquisti”,  avvenuta con atti dirigenziali di Gestione Determinazione 15 gennaio 2018, n. G00381. In pratica, la Capodarco che aveva partecipato alla gara in questione arrivando in graduatoria 2 e 3 nei 4 lotti aggiudicati ad altre ditte viene esclusa dalla gara stessa e per questo motivo non può nemmeno ricorrere al Tar contro l’aggiudicazione contestata che l’ha vista perdente nei vari servizi Cup, svolti per Asl e Ospedali della Regione Lazio. Il motivo è quantomai paradossale! Infatti, viene da parte della Regione contestato la mancata regolarità contributiva per poche migliaia di euro alla Capodarco, il che allunga un’ulteriore ombra sulla capacità degli attuali amministratori di derivazione giudiziaria,  nel saper gestire la documentazione per la partecipazione alle gare. Allo stesso tempo, appare sbalorditiva la decisione della Regione che a fronte di una irregolarità per poche migliaia di euro sia pronta a escludere una società che versa all’Erario milioni di euro e che occupa migliaia di addetti di cui molti disabili”. Così, in una nota, l’esponente di Forza Italia, Michel Maritato.

buche-buca-asfalto-strada-strade-lavori6

ROMA, ASSOTUTELA: “EMERGENZA BUCHE. SINDACO INTERVENGA”

“Le strade di Roma sono sempre più una groviera. Nonostante gli sforzi e gli annunci dell’amministrazione comunale, infatti, continuano a giungerci numerose segnalazioni di buche lungo le arterie capitoline. Siamo preoccupati, in particolare, per la situazione infrastrutturale di via Alghero, nel popoloso quartiere di San Giovanni, dove la strada continua a essere transennata da quasi un mese in seguito a una grossa voragine che si è aperta in mezzo alla carreggiata, sulle strisce pedonali: una viabilità precaria che sta esasperando i cittadini e i negozianti della zona. Come associazione che tutela i diritti degli utenti, ci chiediamo come mai a distanza di così tanto tempo i lavori di messa in sicurezza di via Alghero non siano ancora conclusi e se sia intenzione dell’amministrazione della sindaca Raggi in maniera rapida e definitiva. Non si può più aspettare”. Così, in una nota, il presidente della associazione Assotutela, Michel Emi Maritato.

virginia-raggi-luigi-di-maio-cena

M5S, MARITATO(FI): “FIGURACCIA INTERNAZIONALE PER DI MAIO”

“Non ci sorprende l’ennesima figuraccia, stavolta internazionale, per Gigino Di Maio, stroncato senza se e senza ma dall’articolo del Financial Times. L’autorevole giornale sottolinea infatti le contraddizioni e le carenze del candidato premier grillino e, più in generale, del Movimento Cinque Stelle. Una descrizione che non possiamo che sostenere e che conferma tutte le nostre preoccupazioni sulla linea politica pentastellata e su un esponente, Di Maio, venuto alla ribalta delle cronache soprattutto per i suoi sfondoni grammaticali e non per la sua competenza istituzionale”. Così, in una nota, l’esponente di Forza Italia, Michel Maritato

rifiuti

RIFIUTI, MARITATO(FI): “BASTA BALLETTI PD-M5S. CITTADINI STUFI”

“Sta assumendo contorni surreali, per non dire ridicoli, la querelle mediatica legata alla gestione rifiuti a Roma. Il Partito Democratico che se la prende con il Movimento Cinque Stelle, i grillini che polemizzano con i Dem, mandando in scena uno scaricabarile istituzionale insensato e dannoso. In questo contesto, non viene fuori una proposta utile ad uscire fuori dall’impasse e i cittadini sono sempre più stufi di vedere una Regione Lazio e un Comune di Roma che fanno campagna elettorale sulla loro pelle. Zingaretti e Raggi stanno dimostrando tutta la loro inefficienza amministrativa su un comparto chiave come quello ambientale. Una cosa inammissibile”. Così, in una nota, l’esponente di Forza Italia, Michel Maritato.

campidoglioo

COMUNE, MARITATO(FI): “COMUNE MOROSO CON ARES 118? RAGGI SILENTE”

“Una nuova tegola finanziaria si starebbe abbattendo in queste ore sul Campidoglio grillino. A quanto pare, infatti, il Comune di Roma dovrebbe all’Ares 118 quasi quattro milioni di euro per il lavoro extra fatto durante il Giubileo della Misericordia e, visto che da Raggi e soci nulla è stato fatto, sarebbe pronto pure un decreto ingiuntivo nei riguardi del Comune inadempiente. Cosa dice l’impavida sindaca pentastellata? Come mai si è chiusa in un assordante silenzio istituzionale? Siamo di fronte a una situazione molto preoccupante, che crea disagio e malessere agli operatori dell’Area 118, che hanno svolto e continuano a svolgere una attività ottima ed efficace. Raggi deve chiarire immediatamente”. Così, in una nota, l’esponente di Forza Italia, Michel Maritato.

m5s-simbolo-rotto

M5S, MARITATO(FI): “TRIO STEFANO DIMOSTRA FALSO MORALISMO A 5 STELLE”

“E’ proprio vero che il Movimento Cinque Stelle è una grande famiglia, che vuole bene ai suoi esponenti e vuole coinvolgerli nelle scelte che contano. Tipo quelle sulle poltrone. La dimostrazione lampante è quando sta accadendo intorno al trio Stèfano. Abbiamo Enrico che è consigliere comunale di Roma e presidente della commissione Mobilità, sua moglie che è attuale assessore VII Municipio. E adesso sembra entrare nella scena politica anche il padre di Enrico, Stefano Stèfano che, come trapela dalla stampa, si candiderebbe alle “parlamentarie” del M5S a Roma. Tutto legittimo, per carità, ma M5s dimostra di essere una casta a trasparenza zero, dove contano più i legami di sangue che la meritocrazia. Veramente un bel falso moralismo a 5 stelle”. Così, in una nota, l’esponente di Forza Italia, Michel Maritato