Tagged in: Juventus

de-boer-conf-1900x1206_c

TEMPI SUPPLEMENTARI/ La Roma stecca a Empoli e la Juventus va in fuga. Milan e Lazio accorciano sui giallorossi. Inter, un’altra sconfitta: De Boer torna a rischio, ora si fa il nome di Stefano Pioli. Crotone: prima storica vittoria

di Michel Emi Maritato

La Roma perde l’occasione di restare agganciata alla Juventus, anzi perde terreno. I giallorossi infatti non sfruttano appieno la concomitanza di Juventus-Napoli: pareggiando 0-0 a Empoli, rosicchiano soltanto un punto ai partenopei battuta dalla Vecchia Signora che si porta così a +4 sulla squadra di Spalletti. La Roma in Toscana, terra di Don Lucio, crea 4-5 palle gol nitide, Skorupski però abbassa la saracinesca; già proprio il portierino polacco, che gioca nell’Empoli ma è di proprietà del club di Pallotta. Uno scherzetto da Halloween. Certo, Salah, Dzeko ed El Sharawy hanno risposto col dolcetto, vista la mancanza di cattiveria palesata dai 3 attaccanti sottoporta. Al di là di tutto, rimane la grande occasione persa dai giallorossi: una squadra che dice di aspirare allo scudetto, queste partite deve vincerle; anche solo per 1-0, come sa fare da sempre la Juventus. Anche in questo campionato Madama, tra un colpo di fortuna e l’altro, capacità di soffrire e un colpo di genio dei suoi giocatori, la gran parte delle partite che ha vinto, le ha vinte con un solo gol di scarto. Non le ha certo vinte per il gioco che non ha. L’ultima dimostrazione è arrivata sabato nell’anticipo dello Stadium contro un discreto Napoli. Un Napoli pure sfortunato alla luce delle carambole che hanno favorito le reti bianconere di Bonucci e Higuain. Quindi, ancora una volta Juventus fortunata. La fortuna aiuta gli audaci e i più forti.

Milan e Lazio scavalcano il Napoli e accorciano sul secondo posto. I partenopei dopo la caduta di Torino precipitano al 5° posto, superati da rossoneri e biancocelesti. Il “Diavolo” riscatta la brutta sconfitta di Genova senza entusiasmare al Meazza contro il Pescara: basta un gol di Jack Bonaventura. La Lazio inanella la seconda vittoria consecutiva battendo il Sassuolo all’Olimpico. Ancora a segno Ciro Immobile: 9 gol in campionato, uno meno di Dzeko capocannoniere oggi a secco.

Inter, un’altra sconfitta. Nel posticipo domenicale dell’11° giornata, la Sampdoria stende i nerazzurri con un guizzo di Quagliarella al limite del fuorigioco. Il tecnico olandese dell’Inter torna quindi in discussione. Dopo gli impegni di Europa League (la trasferta di Southampton) e di campionato (il match casalingo col Crotone), ci sarà la sosta per gli impegni delle Nazionali. E probabilmente, approfittando del break, la società nerazzurra deciderà il da farsi una volta per tutte. Nelle ultime ore sono in crescita le azioni di Stefano Pioli. La stagione dell’Inter però sembra inesorabilmente compromessa (nella foto: De Boer).

Atalanta e Fiorentina brindano. Gasperini fa festa anche contro il suo passato e gli orobici volano al 6° posto a un solo punto dal Napoli. Mentre i Viola nell’anticipo del sabato si aggiudicano il “derby dell’Appennino”, ritrovano la vittoria dopo la stecca di mercoledi col Crotone e Paulo Sousa puntella la sua panchina. Kalinic ancora a segno.

Crotone: prima storica vittoria in Serie A. Dopo il prezioso pareggio di Firenze nel turno infrasettimanale, ecco dunque il primo sorriso in A per i calabresi: 2-0 all’ottimo Chievo di Maran, oggi in versione involuta. E nel prossimo turno al Bentegodi arriva la Juventus. Di Trotta su rigore e Falcinelli i gol che regalano al Crotone i primi tre punti nella massima serie. Un Crotone sempre fanalino di coda ma con i mezzi per lottare per la salvezza fino all’ultimo con Pescara, Palermo ed Empoli. Lo “spezzatino” di campionato si chiude lunedi con Udinese-Torino alle 19 e Cagliari-Palermo alle 21. Poi scatterà la tre giorni di Coppe Europee: calcio a valanga, senza sosta, tutti i giorni. Quanta nostalgia del calcio che fu.

dzeko-icardi-1

PANE E PALLONE/ Un turno infrasettimanale di campionato tra terremoto, pioggia e bomber. Brillano Dzeko, Icardi e Immobile. Tornano le vecchie gerarchie: Juventus, Roma e Napoli sul podio. L’Inter e De Boer respirano, avanzano Lazio e Atalanta

di Fabio Camillacci

Il turno infrasettimanale di campionato non si è fatto mancare niente, soprattutto a livello extracalcistico. Terremoto prima e durante le partite, la pioggia battente che fa sospendere per quasi un’ora Fiorentina-Crotone, temporali di maltempo autunnale su molti stadi, un grappolo di gol da parte degli attaccanti (da Dzeko a Icardi, nella foto). Insomma, di tutto di più: tutto in uno strano mercoledi sera italiano. Tiriamo le somme: la Juventus nel fortino Stadium ritrova la vittoria, la Roma tiene il passo, stacca il Milan caduto a Marassi col Genoa martedi e si piazza in solitudine al secondo posto, il Napoli imita i giallorossi, scavalca i rossoneri e torna terzo in classifica. Continue reading…

dzeko-ok

PANE E PALLONE/ Higuain show a Empoli, l’Atalanta stende il Napoli: prove di fuga Juventus. La Roma affonda l’Inter con Dzeko. Locatelli e Donnarumma: è il Milan dei giovani

di FABIO CAMILLACCI/ Stavolta, alla settima di campionato, è la Juventus a provare la fuga in solitudine. La Vecchia Signora vince in scioltezza a Empoli nell’anticipo dell’ora di pranzo e vola a +4 sul Napoli che cade a Bergamo. Dunque, rispetto al turno precedente: partenopei risucchiati in classifica da Roma, Lazio, Chievo e Milan e Juve capolista fuggitiva. I bianconeri in casa dei toscani dominano dall’inizio alla fine ma chiudono il match solo dal 65′ in poi. Tre gol in 5 minuti: apre Dybala, poi doppietta del solito Higuain. “Pipita” ora capocannoniere con 6 reti insieme a Bacca (gol al Sassuolo su rigore) e Icardi (a secco contro la Roma). Avanza il tanto bistrattato Edin Dzeko, man of the match in Roma-Inter: col centro di stasera il bosniaco sale a quota 5. Continue reading…

ilary

PANE E PALLONE/ Juventus e Napoli provano subito a scappare, l’Inter frena, psicodramma Roma. Ilary Blasi attacca Spalletti e Pallotta alla vigilia del 40° compleanno del Capitano giallorosso

di Fabio Camillacci

E alla 6° di campionato vanno già in scena prove di fuga: Juventus e Napoli provano a scappare approfittando della stecca Inter col Bologna al Meazza e della caduta romanista nella Torino granata. La Vecchia Signora continua a non convincere totalmente: dopo la sconfitta a San Siro contro i nerazzurri di De Boer, i bianconeri ottengono il massimo col minimo sforzo in casa del mediocre Palermo. Basta un autogol su cross di Dani Alves. La compagine juventina rimane una corazzata però come sempre accade a inizio stagione, a Max Allegri serve tempo per oliare bene i meccanismi e far inserire al meglio i tanti volti nuovi. In fondo anche quest’anno il mercato estivo ha cambiato radicalmente il volto della Juventus. Continue reading…

totti

IL PUNTO SUL CAMPIONATO/ Juventus unica squadra a punteggio pieno dopo 3 turni. Roma: il diluvio e le magie di Totti, l’immortale. Il Napoli c’è. Milan, un povero diavolo sconfitto in casa dall’Udinese. Inter: Icardi doma un Pescara bello e sfortunato. Genoa-Fiorentina rinviata per pioggia

di Fabio Camillacci

La ripresa del campionato dopo la sosta per le Nazionali, regala un’altra memorabile pagina della straordinaria carriera di Francesco Totti. Infinito. Il Capitano entra per disputare il secondo tempo di Roma-Sampdoria con i giallorossi sotto per 2-1. Intanto, Giove Pluvio decide di affogare lo stadio Olimpico con secchiate d’acqua e grandine. Gara sospesa per circa 80 minuti. Complimenti al drenaggio del prato, regge alla grande sotto il diluvio universale; altrimenti, il rinvìo a data da destinarsi sarebbe stato inevitabile. Si riparte, sembra notte, aumentano i riflettori accesi. Poi entra lui, Totti: “l’elettricista”accende la luce risvegliando la squadra che fin lì aveva giocato malissimo, pur essendo passata in vantaggio con Salah. Roma dai due volti tra primo e secondo tempo. Splendido il gol del pari doriano segnato da Muriel. Continue reading…

moggi

CALCIOPOLI STORY/ Il Tar del Lazio respinge il ricorso della Juventus: “Nessun risarcimento per il 2006”. Il Club bianconero: “Non ci fermiamo”

di Fabio Camillacci

Calciopoli: il Tar del Lazio ha detto no al ricorso della Juventus che chiedeva un maxi risarcimento del danno subito a seguito della revoca dello scudetto 2006 e conseguente retrocessione. Secondo quanto scritto nella sentenza, pubblicata oggi dai giudici amministrativi, “il Tar non può pronunciarsi se lo ha già fatto il collegio arbitrale”. Con questa sentenza, il Tar del Lazio (sez. I ter) ha depositato le motivazioni della decisione del 18 luglio scorso, “respingendo il ricorso proposto dall’A.S. Juventus contro il Coni per ottenere il risarcimento del danno subito a seguito della revoca dello scudetto e conseguente retrocessione”, come si legge nel comunicato ufficiale (nella foto: Luciano Moggi, ex direttore generale della Juve, radiato per Calciopoli. Continue reading…

wi

CALCIOMERCATO/ Che colpi a poche ore dalla chiusura! Juventus pigliatutto: bianconeri a un passo dall’accoppiata Witsel-Cuadrado. Il Torino si regala il portiere della Nazionale inglese Hart e cede Maksimovic al Napoli per 25 milioni. Balotelli si trasferisce in Costa Azzurra? Mario è vicinissimo al Nizza

di Michel Emi Maritato

Strepitoso rush finale per questa sessione estiva di calciomercato, ultime frenetiche ore di trattative: si chiude mercoledi 31 agosto alle 23. Axel Witsel finalmente smette di essere come la “sora Camilla che tutti la vogliono e nessuno se la piglia” (proverbio romano). Infatti, il centrocampista belga dopo essere stato accostato a quasi tutte le big della Serie A e d’Europa sta per accasarsi alla Juventus. Vecchia Signora letteralmente scatenata visto che al fotofinish dovrebbe riprendersi anche Cuadrado dal Chelsea. Nella serata di martedi i bianconeri hanno raggiunto un’intesa di massima con Witsel e lo Zenit San Pietroburgo titolare del cartellino del giocatore, mercoledì arriverà anche l’ufficialità. Il 27enne centrocampista ha lasciato il ritiro della Nazionale belga e nelle prossime ore è atteso a Torino per le visite mediche (nella foto: Witsel con la maglia del Belgio).

Continue reading…

Zaza-Napoli

CALCIOMERCATO/ Zaza in Bundesliga: la Juventus lo cede al Wolfsburg. Il Portogallo saluta il neoacquisto dell’Inter Joao Mario. I nerazzurri verseranno 45 milioni di euro nelle casse dello Sporting Lisbona. Il Napoli stringe per Rog

di Fabio Camillacci
Svolta improvvisa nella trattativa tra Juventus e Wolfsburg: Simone Zaza si trasferisce in Germania. Già nella giornata di oggi l’attaccante della Nazionale volerà nella città tedesca. Non sarà magari il giorno della firma sul contratt, ma è chiaro che il trasferimento di Zaza nella Bundesliga ormai è cosa fatta. Il primo segnale che la trattativa (fino a giovedi osteggiata dal giocatore) stesse prendendo corpo lo si è avuto nel tardo pomeriggio di venerdi quando Allegri ha escluso il centravanti azzurro dalla lista dei convocati per l’amichevole contro l’Espanyol, in programma stasera al Braglia di Modena (dove mancheranno anche Evra e Khedira, ancora in non perfette condizioni). A quel punto, delle due l’una: o il club, deciso a concludere la cessione, aveva deciso in qualche modo di prendere le distanze da Zaza in modo eclatante oppure, come invece è stato, il passaggio al Wolfsburg era diventato, quasi, improvvisamente probabile. Zaza, 25 anni, lascia dunque la Juventus dopo appena una stagione e 8 gol (in 24 partite) la Juventus, dov’era arrivato dal Sassuolo.

Continue reading…

milik

CALCIOMERCATO ROVENTE/ Alla Juventus comincia l’era Higuain: De Laurentiis incassa 90 milioni. L’Inter blinda Icardi e il Napoli vira sul polacco Milik: 28 milioni all’Ajax. Totti: “I calciatori oggi sono un po’ come i nomadi, seguono i soldi e non il cuore”

di Fabio Camillacci

Vecchia Signora, padrona anche del calciomercato estivo. Madama mette a segno il colpo di mercato più clamoroso e più costoso degli ultimi 30 anni di Serie A: l’acquisto di Gonzalo Higuain adesso è ufficiale. La Juventus nella giornata di martedi ha depositato in Lega Calcio a Milano il contratto del “Pipita”. Al Napoli vanno 90 milioni di euro in due rate. Il patron azzurro De Laurentiis, come anticipato sabato scorso da Ventonuovo, ha infatti rifiutato le offerte di contropartite tecniche. La società bianconera quindi pagherà interamente la clausola rescissoria per l’attaccante argentino. Quadriennale per Higuain da 7,5 milioni a stagione, ai quali vanno sommati gli introiti per i diritti d’immagine. Ora la Juve si appresta a chiudere la cessione di Pogba al Manchester United per oltre 120 milioni. C’è qualche intoppo dell’ultim’ora, legato soprattutto alla percentuale che spetta a Mino Raiola; si parla di circa 20 milioni per il ‘re dei procuratori’. Ma ormai l’affare è ben avviato, ci sono troppi interessi in ballo; pertanto l’accordo verrà trovato e il “Polpo” di Francia finirà alla corte di Mourinho. Continue reading…

higuain tre

HIGUAIN “CORE ‘NGRATO”/ Blitz Juventus: visite mediche a Madrid e accordo col “Pipita”, contratto di 4 anni da 7,5 milioni a stagione. I bianconeri pagheranno al Napoli i 94,7 milioni previsti dalla clausola rescissoria fissata da De Laurentiis

higuain tredi Fabio Camillacci

“Pipita”, tradotto: un altro “core ‘ngrato”, come lo fu Josè Altafini tanti anni fa, ma, per aver segnato al Napoli da ex e con la maglia dell’odiata Vecchia Signora. Sempre lei, Madama, storica rivale dei partenopei. Non a caso Napoli-Juventus è il derby non cittadino all’ombra del Vesuvio. Higuain dunque “core ‘ngrato”: se ne va alla Juventus dopo aver cantato sotto la curva del San Paolo “un giorno all’improvviso”, al termine di Napoli-Juve della stagione appena finita (2-1 con rete dell’argentino). D’altronde, il calcio di oggi è questo: è pieno di “cori ‘ngrati” come il “Pipita”, basta guardare quello che succede nelle altre big italiane. Solo le società solide e forti sono in grado di limitare i “mal di pancia”; anche se fino a un certo punto, perchè poi quando un calciatore si mette in testa di andare via, alla fine se ne va sempre. Potere dei soldi. E il calcio, rispetto al passato, diventa così sempre meno interessante, appassionante e affascinante. Da tifoso, non fai in tempo ad affezionarti a un giocatore che se ne va in un’altra squadra. Amore, passione, attaccamento alla maglia non esistono più, tranne rarissime eccezioni. E’ il calcio moderno: prendere o lasciare. Continue reading…

Juve-Napoli1

CALCIOMERCATO/ La Juventus è pronta a fare follie per Higuain e il “Pipita” ricambia l’amore. Il Napoli alza le barricate ma la Vecchia Signora può pagare i 94 milioni di euro della clausola rescissoria cedendo Pogba. Il “Polpo” verso il Manchester United per oltre 100 milioni

Higuain-pogba-e1443252241345-1680x679di Fabio Camillacci

Higuain-Juventus: non sarà una trattativa lampo, ma ai nastri di partenza i bianconeri sono in una posizione di forza. Dall’Argentina, infatti, dove è rientrato in famiglia dopo le vacanze, Gonzalo Higuain ha lanciato segnali inequivocabili alla dirigenza della Vecchia Signora: a lui un futuro a Torino piacerebbe e ha fatto sapere di gradire anche la già abbozzata proposta economica arrivatagli da corso Vittorio Emanuele, un quadriennale da 7,5 milioni a stagione più bonus. Il Napoli prova ad alzare le barricate, avendo dichiarato a più riprese il giocatore assolutamente incedibile. Ma la Juve fa leva sia sul sì del centravanti che sulla tanto famosa clausola milionaria che può liberare il “Pipita” anche senza il via libera del Napoli. Continue reading…

giac 2

CALCIOMERCATO/ Blitz Napoli, ecco Giaccherini. La Roma ufficializza Juan Jesus dall’Inter, mentre la Juventus sta per annunciare il terzo colpo dopo Pjanic e Dani Alves: Pjaca

di Fabio Camillacci/

Calciomercato estivo 2016: tante chiacchiere, pochi soldi, pochi fatti. Qualcosa però si muove, almeno in Serie A. Il d.s. del Napoli Cristiano Giuntoli ha chiuso un affare lampo. Nel giro di una notte e di un pomeriggio, il Napoli ha preso Emanuele Giaccherini. Decisivo il blitz nel ritiro azzurro di Dimaro in Trentino da parte degli agenti del centrocampista della Nazionale: la fumata bianca è arrivata dopo un incontro con i dirigenti azzurri. Accordo totale e via libera, e stavolta non c’è stato nemmeno il solito intoppo sull’annosa questione dei diritti d’immagine, tipica del club di De Laurentiis. Giaccherini ha firmato un triennale. Al Sunderland va un indennizzo intorno ai 2 milioni di euro. Continue reading…

Calciomercato-3

Calciomercato al via: tante le voci, pochi i soldi da spendere. Servono operazioni intelligenti. Venerdi a “L’Asso nella Manica” su Teleromauno: tutte le news e l’analisi del turno di campionato

di Fabio Camillacci

Si è aperto ufficialmente oggi il calciomercato invernale edizione 2016. Le “big” della Serie A scaldano i motori e le casse societarie con l’obiettivo di rinforzarsi. Certo, non aspettiamoci grandi colpi e fiumi di denaro da investire perchè i bilanci dei club italiani sono quelli che sono. E in fondo, il cosìddetto mercato di riparazione non ha praticamente mai portato campioni veri e propri nel nostro torneo. Continue reading…

pallone serie a

Serie A: Roma e Napoli avanti tutta. Ancora uno stop per Lazio e Juventus

Di Francesco Moresi

La Roma ed il Napoli mettono il turbo nel turno infrasettimanale e si sbarazzano agevolmente di Udinese e Palermo, approfittando dell’ennesimo passo falso di Lazio e Juventus. Solo l’Inter, vittoriosa martedì contro il Bologna pur non disputando un match positivo e la Fiorentina, ritornata a vincere dopo due sconfitte di seguito, riescono a tenere il passo dei giallorossi e partenopei. Continue reading…

EMPOLI, ITALY - SEPTEMBER 13: Daniele De Rossi of Empoli FC reacts during the Serie A match between Empoli FC and AS Roma at Stadio Carlo Castellani on September 13, 2014 in Empoli, Italy.  (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Calcio e mercato, spese pazze per acquisti e stipendi: solo la Premier League meglio della Serie A. Emolumenti ai calciatori: quasi 900 milioni di euro. De Rossi è il calciatore più pagato. Venerdì 11 settembre, approfondimento col presidente di Assotutela Michel Emi Maritato a L’Asso nella Manica su Teleromauno

di Fabio Camillacci

La Serie A di calcio non lascia, raddoppia. In tempi di crisi economica, in tempi in cui sono sempre di più le persone che faticano ad arrivare a fine mese, i maggiori club del nostro mondo della pedata mandano in scena il calciomercato più ricco dell’ultimo decennio. Insomma, sono tornati i dollari, anzi gli euro: quelli pesanti. Al 31 agosto scorso, data di chiusura delle trattative, il giro d’affari registrato in Italia è risultato pari a 600 milioni di euro: un “fatturato” inferiore solo a quello della Premier League inglese. I numeri contabili infatti dicono che i club italiani hanno speso più di quelli spagnoli della Liga (circa 570), più di quelli tedeschi della Bundesliga (che si attestano oltre i 400) e più di quelli francesi di Ligue 1 (di poco sopra i 200). Dal canto suo, la Premier doppia letteralmente la Serie A in questo campo: oltre un miliardo di spese. Continue reading…