Tagged in: immobile

mancini 32

L’ANALISI DI VENTONUOVO/ Complimenti a Roberto Mancini e alla sua bella Italia: contro l’Armenia arriva la decima vittoria consecutiva, e per 9-1. Mattatori: il romanista Zaniolo e il laziale Immobile

di Fabio Camillacci

Proprio così: Italia da 10 e lode. Contro l’Armenia a Palermo, la bella ItalMancini chiude con un clamoroso 9-1 il girone di qualificazione a Euro 2020: 10 partite, 10 vittorie per un totale di 30 punti. Primo posto con il massimo della posta. Applausi. Peraltro, con l’amichevole vinta contro gli Stati Uniti, i successi di fila salgono a 11. Continue reading…

europa league

PANE E PALLONE DI COPPA/ In Europa League, nuova beffa per Roma e Lazio in “zona Cesarini”: Borussia e Celtic inguaiano le due squadre della Capitale

di Fabio Camillacci

Doppia beffa per le due squadre romane impegnate nei gironi di Europa League: entrambe sconfitte per 2-1 nei minuti di recupero. Per la quarta giornata, la Roma cade in terra di Germania contro il Borussia, la Lazio perde in casa contro il Celtic Glasgow. E adesso il passaggio del turno si complica per tutte e due, anche se con situazioni differenti. Continue reading…

immobile e icardi

PANE E PALLONE/ Campionato equilibrato: guida sempre il Napoli, tallonato dall’Inter che con Icardi vince il derby. Immobile trascina la Lazio: Juventus battuta e agganciata

di Fabio Camillacci

Napoli al comando e in fuga con 24 punti, Inter seconda a 22 (e nella prossima giornata c’è Napoli-Inter), Lazio e Juventus terze con 19, Roma a quota 15 con una partita in meno (i giallorossi devono recuperare la sfida di Genova con la Samp). Avreste immaginato una simile alta-classifica di Serie A dopo 8 gare? In pochi, pochissimi, avrebbero pronosticato una simile graduatoria; anche se non siamo nemmeno a un quarto del campionato, questa situazione dice già molto. Dice che il Napoli di Sarri, corsaro per 1-0 in casa Roma, è più maturo, sa essere anche pratico e può puntare decisamente allo scudetto, come scriviamo da inizio stagione: ottovolante azzurro, 8° vittoria di fila. Dice che l’Inter di Spalletti, 3-2 al Milan nel derby (tripletta di Icardi), non avendo l’impegno delle Coppe europee e avendo per ora dalla sua tanta fortuna, può essere grande protagonista fino al termine. Dice che la Lazio di Simone Inzaghi è sempre più una splendida realtà guidata dal re dei bomber: Ciro Immobile è capocannoniere con 11 reti. Dice che la Juventus, pur restando la squadra più forte del torneo come organico, non è più lo schiacciasassi che ha dominato nelle ultime 6 stagioni. E dice che la Roma di Di Francesco, falcidiata dagli infortuni e sfortunata, rimane un cantiere aperto. In sintesi, è un campionato molto più bello ed equilibrato rispetto agli ultimi 6. Ma è presto per i verdetti, la strada è ancora lunga visto che ci sono altre 30 partite da giocare. Continue reading…

ancelotti carlo

COLPO DI SCENA IN BAVIERA/ Bayern Monaco: “Ancelotti raus”. Intanto in Europa League: il Milan ringrazia il suo baby-bomber, Lazio ok con Caicedo-Immobile, Atalanta in versione “EuroDea”

di Fabio Camillacci

Calcio isterico in Italia, ma, calcio isterico anche in Europa. Insomma, tutto il mondo è paese. E quando si tratta di esonerare un allenatore non ci sono differenze tra club grandi, medi o piccoli. Il grande Bayern Monaco, il potente Bayern Monaco da anni padrone assoluto in Bundesliga (la Serie A tedesca), ha deciso di cacciare un grande allenatore, un mito della panchina, come Carletto Ancelotti. Fatale al tecnico italiano la sconfitta per 3-0 in Champions League contro il Paris Saint Germain dello sceicco del Quatar e soprattutto del “trio maravilla” Neymar-Cavani-Mbappè. Squadra affidata al vice di Ancelotti, Willy Sagnol: ex calciatore francese del Bayern. Semplice traghettatore in attesa dell’ex tecnico del Borussia Dortmund Thomas Tuchel? Staremo a vedere. Continue reading…

Milinkovic-Savic-Lazio-Genoa

DERBY DI COPPA ITALIA/ La Lazio ipoteca la finalissima con un meritato 2-0 nel match di andata. Milinkovic e Immobile stendono una Roma irriconoscibile. Un’altra stracittadina senza il grande pubblico

di Fabio Camillacci

Il derby che non ti aspetti: la Roma, grande favorita alla vigilia, battuta nettamente dalla Lazio. Ma si sa: nelle stracittadine i valori in campo a volte si azzerano, soprattutto se la squadra favorita decide di non scendere in campo. Merito anche di una Lazio attenta, concentrata e corta. Una compagine messa bene in campo da Simone Inzaghi, quasi perfetta se consideriamo il reale valore dei singoli giocatori biancocelesti e se aggiungiamo che il portiere laziale Strakosha non è mai stato seriamente impegnato. Quindi, un trionfo Lazio frutto delle due situazioni combinate. Un gol per tempo: Sergej Milinkovic Savic nei primi 45 minuti e Ciro Immobile nella ripresa, affondano la squadra di Spalletti nell’andata delle semifinali di Coppa Italia. Un 2-0 con cui la Lazio ipoteca la qualificazione alla finalissima. A inizio aprile infatti sarà durissima per la Roma ribaltare un passivo così pesante. Continue reading…

dzeko-icardi-1

PANE E PALLONE/ Un turno infrasettimanale di campionato tra terremoto, pioggia e bomber. Brillano Dzeko, Icardi e Immobile. Tornano le vecchie gerarchie: Juventus, Roma e Napoli sul podio. L’Inter e De Boer respirano, avanzano Lazio e Atalanta

di Fabio Camillacci

Il turno infrasettimanale di campionato non si è fatto mancare niente, soprattutto a livello extracalcistico. Terremoto prima e durante le partite, la pioggia battente che fa sospendere per quasi un’ora Fiorentina-Crotone, temporali di maltempo autunnale su molti stadi, un grappolo di gol da parte degli attaccanti (da Dzeko a Icardi, nella foto). Insomma, di tutto di più: tutto in uno strano mercoledi sera italiano. Tiriamo le somme: la Juventus nel fortino Stadium ritrova la vittoria, la Roma tiene il passo, stacca il Milan caduto a Marassi col Genoa martedi e si piazza in solitudine al secondo posto, il Napoli imita i giallorossi, scavalca i rossoneri e torna terzo in classifica. Continue reading…

Juventus - Fiorentina - TIM Coppa Italia Ottavi di finale 2005 2006

Esclusiva Ventonuovo. Moggi: “I troppi stranieri scarsi e la politica dei parametri zero sono i mali del nostro calcio”

di Fabio Camillacci

Figc, qualcosa si muove? I recenti provvedimenti adottati dalla Federcalcio possono rappresentare un buon punto di partenza, soprattutto la norma che fissa un limite alle rose dei club. Dal prossimo anno, massimo 25 giocatori per club, di cui 4 cresciuti in Italia e 4 nel vivaio della società per la quale sono tesserati. Una proposta che da tempo abbiamo lanciato dalle pagine di Ventonuovo e dai microfoni di Teleromauno, in occasione della trasmissione tv, Continue reading…