Tagged in: arce

mollicone

L’omicidio di Serena Mollicone. Papà Guglielmo: “Spero che i responsabili siano processati presto e condannati. Intanto, dovrebbero sbatterli in galera perchè sono pericolosi e potrebbero scappare all’estero”

di Marco Valerio

Il procuratore di Cassino Luciano d’Emmanuele ha chiesto 5 rinvii a giudizio per l’omicidio di Serena Mollicone, la 18enne uccisa ad Arce (Frosinone) nel 2001. Secondo il pm, “la ragazza fu uccisa nella caserma dei carabinieri di Arce”.  Continue reading…

mollicone

Omicidio Serena Mollicone, dopo la chiusura delle indagini papà Guglielmo a Radio Cusano Campus: “Ora devono arrestarli tutti. Mia figlia uccisa nella caserma dei carabinieri di Arce in cui andai per denunciarne la scomparsa”

di Marco Valerio

E’ giunto al momento della verità il giallo di Arce. Diciotto anni dopo la morte di Serena Mollicone, uccisa nel paese in provincia di Frosinone il primo giugno del 2001, arriva l’avviso di chiusura delle indagini per un delitto ancora senza colpevoli. La Procura della Repubblica di Cassino nei giorni scorsi ha infatti notificato l’avviso di chiusura delle indagini preliminari ai cinque indagati: tre sono carabinieri. Continue reading…

mollicone

IL GIALLO DI ARCE/ Guglielmo Mollicone, il padre di Serena, a Radio Cusano Campus: “Uccisa nella caserma dei carabinieri perchè denunciò lo spaccio di droga”

di Marco Valerio

Serena Mollicone, la 18enne di Arce, nel Frusinate, scomparsa il 1° giugno 2001 e ritrovata morta due giorni dopo in un boschetto, sarebbe stata picchiata con violenza e poi soffocata, probabilmente con un sacchetto infilato in testa. In base a quanto trapelato dai risultati della nuova perizia medico legale, le lesioni al capo sarebbero “compatibili” con l’urto su una porta sequestrata in un alloggio della caserma dei carabinieri di Arce. Ricordiamo che per la morte di Serena Mollicone gli unici indagati, con le ipotesi di omicidio volontario e occultamento di cadavere, sono: l’ex maresciallo dei carabinieri di Arce, Franco Mottola, la moglie e il figlio. Serena sarebbe andata nella caserma di Arce per denunciare lo spaccio di droga accusando in particolare Marco, il figlio del maresciallo Mottola, e lì avrebbe trovato la morte. Continue reading…

tuzi-mollicone

IL MISTERO DI ARCE/ Maria Tuzi, figlia del brigadiere Santino, a Radio Cusano Campus: “Mio padre non si è suicidato. Che rapporti aveva col maresciallo Mottola indagato per l’omicidio di Serena Mollicone? Non idilliaci”

di Michel Emi Maritato

Entro giugno si attendono colpi di scena nell’ambito del doppio giallo di Arce: l’omicidio di Serena Mollicone e il conseguente strano suicidio del brigadiere Santino Tuzi. Concessi infatti sei mesi di proroga per le indagini della Procura di Cassino per istigazione al suicidio, in relazione alla morte del carabiniere Santino Tuzi, trovato cadavere l’11 aprile 2008 all’interno di una Fiat Marea parcheggiata vicino la diga di Arce in località Sant’Eleuterio. A chiedere la proroga è stato il sostituto procuratore Alfredo Mattei, titolare dell’indagine, il primo a voler far chiarezza sulla vicenda a seguito dell’istanza di riapertura del fascicolo presentata da Rosangela Coluzzi, l’avvocato di Maria Tuzi, la figlia del brigadiere. Continue reading…