zaniolo ok

PANE E PALLONE/ La Juventus aggancia l’Inter in testa alla classifica. Tris della Roma alla Spal e i giallorossi avanzano. Cade l’Atalanta, pareggia il Milan

di Fabio Camillacci

Il campionato si conferma sempre più appassionante ed equilibrato. Nella 16° giornata di Serie A, la Juventus batte in scioltezza l’Udinese e ritrova la vetta della classifica agganciando l’Inter, ripresa dalla Fiorentina al 92′. E attenzione alla Lazio, perchè i biancocelesti in vista del “Monday Night” contro il Cagliari alla Sardegna Arena,  hanno l’opportunità di accorciare ulteriormente portandosi a tre punti dalle prime due.

All’Allianz Stadium di Torino il tridente bianconero funziona, Cristiano Ronaldo ancora di più: tris Juve, spettacolo e sarrismo. Friulani sconfitti 3-1. Gran partita di Dybala, Higuain e CR7, autore di una doppietta. I tre sono stati chierati insieme dall’inizio da Maurizio Sarri e la mossa ha dato i suoi frutti. Bonucci chiude i conti già a fine primo tempo; di Pussetto il gol degli ospiti.

Al Franchi di Firenze invece segna subito il grande ex Borja Valero, ma, i nerazzurri sprecano e in pieno recupero si fanno beffare in contropiede dal giovane Vlahovic che regala alla Viola un prezioso 1-1, salvando la panchina di Vincenzo Montella. Alla luce dei tanti infortuni, soprattutto a centrocampo, l’Inter conferma di avere bisogno di forze fresche, di rinforzi. Il calciomercato invernale è alle porte e il club nerazzurro dovrà lavorare per potenziare la rosa attuale se vorrà continuare a lottare per lo scudetto.

Roma, Petagna illude la Spal, poi i giallorossi di Fonseca si prendono i tre punti vincendo 3-1. Ancora a segno Mkhitaryan. Pellegrini, Perotti e l’armeno firmano il successo romanista. Passata la grande paura (0-1 al termine del primo tempo), la Roma chiude la pratica nella ripresa portandosi momentaneamente a -1 dai cuigini laziali e a +3 sul Cagliari. Vittoria meritata alla luce dei numeri: 67,6% di possesso palla e 25 tiri in porta. I brividi però non sono mancati, almeno per un’ora di gioco. Brividi di tipo diverso alla fine, quando tutta la squadra è andata ad abbracciare capitan Florenzi per l’assist del 3-1. Un gesto d’affetto e vicinanza per un giocatore che a gennaio potrebbe lasciare la Roma.

La Var, un super Pegolo e due legni fermano il Milan al Meazza. Il Sassuolo strappa il pari a San Siro: finisce 0-0. Annullato un gol a Theo Hernandez, Leao colpisce prima la traversa, poi il palo. La squadra di Pioli frena dopo due vittorie consecutive davanti alle vecchie glorie premiate per i 120 anni del club rossonero. Al Dall’Ara il Bologna di Mihajlovic batte 2-1 un’Atalanta sprecona. Reti di Palacio e Poli. Ai nerazzurri non basta il gol di Malinovskyi.

Al Bentegodi scoppiettante lunch match: Verona-Torino 3-3. I granata si portano sul 3-0 grazie alla doppietta di Ansaldi e al gol di Berenguer; poi si scatena il 35enne Pazzini che riapre la partita su rigore e ispira la rimonta scaligera completata da Verre e Stepinski. Tutto molto emozionante.