La Coppa Davis 2018 promette scintille

La Coppa Davis 2018 promette scintille

Anche il mondo del tennis ha la sua edizione della coppa del mondo, nella quale le migliori nazionali si sfidano per la vittoria del trofeo più ambito, quella coppa a forma di insalatiera che dona prestigio infinito a chi la solleva al cielo. La Coppa Davis, l’edizione maschile, viene disputata dal lontano 1900 e quest’anno celebrerà il suo 107esimo anniversario, con la Francia come campione in carica dopo la vittoria del novembre scorso contro il Belgio. La Davis 2018, che ha aperto i battenti ai primi di febbraio, vedrà come atto culminante la finale prevista dal 23 al 25 novembre prossimo e si annuncia per ora come una competizione piuttosto scoppiettante, con una serie di sfide interessanti e piuttosto equilibrate.

Anche nell’edizione attuale i transalpini sono i favoriti secondo gli esperti di scommesse di tennis, il che lascia presagire un’eliminatoria molto difficile per l’Italia, che dovrà affrontare proprio la Francia nei quarti di finale in programma dal 6 all’8 aprile a Genova. Gli uomini capitanati da Corrado Barazzutti dovranno fare del loro meglio per sconfiggere i campioni in carica e per farlo punteranno sulle loro abilità sulla terra rossa, storicamente una superficie favorevole agli italiani. Dopo la vittoria agli ottavi di finale contro il Giappone con il punto decisivo siglato da Fabio Fognini, il gruppo tricolore ha acquisito molta fiducia in sé stesso. La rimonta del talentuoso tennista ligure contro Sugita al quinto dopo aver annullato un match point rivale è stato il punto di inflessione dell’eliminatoria e ha dato alla squadra tutta la fiducia necessaria per sperare nel miracolo contro la Francia, che ha dalla sua il talento di Richard Gasquet e la forza fisica di Jo Wilfried Tsonga, ma che sulla terra battuta potrebbe avere difficoltà.

Gli altri accoppiamenti dei quarti presentano altre sfide interessanti, a cominciare da Spagna – Germania, con gli iberici che giocheranno in casa e sono sicuramente favoriti nonostante non sia assicurata la presenza di Rafa Nadal, che negli ultimi anni sta centellinando le proprie apparizioni e preferisce calcolare i rischi di sforzo. La Croazia ospiterà invece il Kazakistan da assoluta favorita: gli slavi possono infatti contare sul talento di Marin Cilic e la potenza nel servizio di Ivo Karlovic, oltre che ovviamente sul supporto del tifo di casa. Come ultimo quarto di finale si prospetta un equilibrato Stati Uniti – Belgio da disputare nel paese nordamericano. I padroni di casa, che non vincono la Davis dal 2007, hanno dalla loro la freschezza di Sam Querrey e John Isner, mentre i vice campioni in carica saranno verosimilmente trascinati da David Goffin, il loro miglior elemento capace anche di arrivare al numero 7 della classifica ATP alla fine dello scorso anno.

Tra un mese e mezzo le emozioni della Davis torneranno a tenere banco, aprendo inoltre il cammino alle competizioni su terra battuta, da sempre palcoscenici di spettacolo assicurato e pubblico in visibilio.

Redazione

Inserito dai Redattori di "Vento nuovo". Quotidiano di informazione, cultura, innovazione, economia, arte, fashion, gossip, sport, fondato a Roma nel 2009 ( n. 43/2010)

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookPinterest