bonucci-biglia

RADIOMERCATO VENTONUOVO/ Milan scatenato: con Bonucci e Biglia i rossoneri provano a tornare grandi. Juventini furiosi sui social

di Fabio Camillacci

Entusiasmo a Casa Milan per l’arrivo di Bonucci. L’ex giocatore juventino è stato accolto da 200 tifosi rossoneri in delirio totale. Bonucci, in attesa delle visite mediche, ha firmato con il Milan un contratto fino al 2022. Ingaggio super (per gli standard italiani) da circa 6.5 milioni + bonus; a questo va aggiunto il discorso relativo ai diritti di immagine per un totale di quasi 9 milioni netti all’anno. Alla Juventus invece vanno 40 milioni di euro + 2 di bonus. Oltretutto, Leo Bonucci indosserà la fascia di capitano e avrà il suo numero “19” sulla maglia. Certo, considerando che in Europa difensori meno forti sono stati pagati anche 20 milioni in più, i 42 incassati dalla Juventus sono pochi ma la Vecchia Signora, lo sappiamo, non trattiene chi non vuole restare. Ormai per il difensore della Nazionale la convivenza col tecnico Allegri, e con alcuni compagni di squadra, era diventata praticamente impossibile dopo i reiterati litigi.

Tifosi bianconeri in rivolta. Un coro unanime dal mondo juventino: “Bonucci hai tradito la tua gente!”. Sette stagioni e tanti trionfi per il centrale difensivo con la maglia di Madama: una lunga storia d’amore interrotta bruscamente. Un simbolo della juventinità che tradisce e passa al Milan. La rabbia dei tifosi della Juve esplode soprattutto sui social. Ormai la moda è questa; una moda pessima e da stigmatizzare decisamente visto quello che sono capaci di partorire in tema di offese e insulti i tantissimi “fenomeni da tastiera”. Parole pesanti anche nei confronti del bimbo di Bonucci, Matteo, che ha sconfitto recentemente una brutta malattia. “Fenomeni da tastiera” frequentatori di Facebook, Twitter e Instagram, dovreste vergognarvi.

Lo sbarco di Biglia a Malpensa. Dopo le 23 di venerdi 14 luglio, è sbarcato a Milano anche il regista della Nazionale argentina: l’altro colpo rossonero delle ultime ore. Il centrocampista ha lasciato il ritiro della Lazio ad Auronzo di Cadore per raggiungere la sua nuova squadra. Queste le sue prime parole: “Il Milan è una scelta sportiva, il motivo riguarda solo me e non mi va di dirlo. Non ho mai detto che i tifosi laziali erano un problema per me”. Il contratto di Biglia in biancoceleste era in scadenza nel 2018, quindi i 20 milioni di euro complessivi incassati da Lotito sono un bel gruzzolo. Ma lo sappiamo: il patron della Lazio vende i giocatori solo alle sue condizioni.

Sorteggio preliminare di Europa League: il Milan pesca il CSU Craiova di Devis Mangia. Nel grande entusiasmo per l’arrivo di Bonucci e Biglia, in casa rossonera è passato in secondo piano il sorteggio per il terzo turno preliminare, il primo di questa estate per il Diavolo. E’ c’è anche un po’ d’Italia nel modesto Craiova visto che l’allenatore è Devis Mangia, ex c.t. Under 21 e tecnico del Palermo. Alla guida della squadra romena da poco più di un mese, finora Mangia ha perso tutte e 4 le amichevoli estive giocate. A centrocampo invece gioca l’ex juventino Fausto Rossi. Curiosità: il Craiova ha chiuso la scorsa stagione, con Gheorghe Multescu in panchina, al 5° posto di Liga 1 della Romania. Insomma, sorteggio fortunato: il Milan non avrà problemi nel superare il turno.

Considerazione finale. Da dove sono usciti tutti questi soldi in casa Milan? I cinesi, coadiuvati dai dirigenti Fassone e Mirabelli, hanno rilevato il Milan al termine di una lunga telenovela pre-closing, pagandolo 300 milioni presi in prestito da un fondo americano. Poi hanno detto che avrebbero investito 100 milioni in questa sessione di mercato: attualmente hanno sfondato quota 200 milioni con rinnovi super per Donnarumma e contratto pesantissimo per Bonucci. E come detto non è finita qui in tema di nuovi arrivi. C’è qualcosa che non torna e qualcuno comincia a temere un futuro clamoroso crack finanziario. L’Uefa monitora in tema di “financial fair play”. Staremo a vedere. Intanto, il presente del primo Milan post-Berlusconi, è splendido. A proposito del Cavaliere: garantisce lui, ha sempre garantito lui per i cinesi scelti per far tornare grande la sponda rossonera del Naviglio. Fin qui, come spesso accaduto nel mondo del calcio, ha ancora una volta avuto ragione lui.