Una modalità “rivoluzionaria” per diagnosticare le occlusioni delle vie lacrimali

Roma, maggio 2019 – Il reparto di Radiologia dell’Ospedale San Carlo di Nancy nei primi mesi del 2019 si è dotato di un nuovo tipo di esame mininvasivo, la TC Revolution, una TAC con tecnologia diagnostica d’avanguardia che si svolge in tempi brevi e permette di ottenere immagini di alta qualità.

La tomografia computerizzata più avanzata ha portato ad ampliare i campi di applicazione della stessa: ad oggi i casi ai quali questa tecnica è applicabile includono anche l’oculistica, in particolar modo per la diagnosi delle patologie steno-occlusive delle vie lacrimali.

 

Il Dott. Massimiliano Sperandio, responsabile dell’Unità di Diagnostica dell’ospedale romano spiega che: È fondamentale sottolineare anche che la TC Revolution acquisisce in maniera estremamente rapida le immagini e riduce fino al 50%, quando necessario, la quantità di mezzo di contrasto somministrata. Gli eventuali rischi legati all’esame radiologico sono quindi inferiori rispetto allo standard e possiamo iniziare a parlare di prevenzione in diversi campi medici

 

Come sottolinea il dott. Scipione Rossi, responsabile dell’Unità Operativa di Oculistica all’Ospedale San Carlo di Nancy: “La TC Revolution è in grado di indagare aree piccolissime con una tecnologia ottimale per lo studio della patologia delle vie lacrimali e ha un minimo utilizzo di radiazioni ionizzanti (ossia i Raggi X), aspetto molto significativo per il paziente oculistico perché diminuisce infatti il rischio di cataratta”.

 

Anche la Dacrio TAC, un esame diagnostico che permette di studiare le patologie delle vie lacrimali, può essere effettuato grazie alla TC Revolution. Le vie lacrimali sono microtubi che vanno dalle palpebre alle fosse nasali e permettono alle lacrime di defluire; in caso di otturazione dei microtubi il paziente può soffrire di una eccessiva lacrimazione e grazie alla Dacrio TAC questa problematica può essere prevenuta e curata.

 

La patologia occlusiva delle vie lacrimali ha diverse cause, che spaziano dagli eventi traumatici alle malattie infiammatorie – spiega il dott. Rossi. – Anche alcune forme tumorali al viso possono ostruire i dotti. Per eseguire una corretta terapia, ed individuare la metodica chirurgica o parachirurgica più idonea per risolvere queste patologie, è necessario sapere dove si è verificata l’ostruzione grazie all’esame di Dacrio TAC. Si inietta quindi un liquido di contrasto nelle vie lacrimali, tramite incannulazione dalla palpebra, e si eseguono le giuste scansioni per verificare l’occlusione”.

 

Altre patologie importanti a livello oculistico diagnosticabili grazie all’utilizzo della TC Revolution sono le patologie infiammatorie dell’orbita, come la malattia di Basedow, delle quali grazie a questa tecnica è possibile verificarne lo stato anatomico dei muscoli oculari e in generale dei componenti dell’orbita.