download (2)

Campidoglio. Minacce al Sindaco Marino. La Procura di Civitavecchia apre un fascicolo. Sel presenta il documento per il rilancio della città “fiaccata”.

Di Alfonso Vannaroni

E’ sempre più teso il clima in città. Solo pochi giorni fa era stato disposto un servizio di tutela per il commissario del Pd di Roma, Matteo Orfini. Ieri sera un altro episodio inquietante: una busta con un proiettile calibro nove è stata trovata nel centro di meccanizzazione postale di Fiumicino. Il plico – immediatamente sequestrato dalla Polaria – ha un mittente: il sindaco Ignazio Marino. Nella lettera c’è scritto: “Caro sindaco, lascia in pace l’antiabusivismo che la gente ha fame. Pensa ai corrotti che hai intorno. Noi sappiamo tutto di te e della tua famiglia. Funziona bene sennò questo è per te”. E’ una minaccia reale o soltanto il gesto di uno sconsiderato? E’ presto per dirlo. Fatto sta che la Procura di Civitavecchia ha aperto un fascicolo. E l’aria che si respira a Roma è pesante.
Marino non si lascia intimidire e rilancia: “andremo avanti su tutto”. Dal mondo della politica arriva la solidarietà. “La lettera di minacce inviata al sindaco è il segno ulteriore di una sottocultura mafiosa, egoista e violenta che tenta di resistere ai cambiamenti che con fatica, coraggio e determinazione stiamo portando avanti – dice l’assessore alle politiche sociali Francesca Danese”. “Solidarietà a Marino – twitta il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti – contro di lui una vile intimidazione. Ora individuare subito i responsabili”. “Nel clima inquietante che sta vivendo la città – dicono il presidente del Pd Matteo Orfini e i vicesegretari Debora Serracchiani e Lorenzo Guerini – il gesto acquisisce una valenza estremamente preoccupante. A Marino va la nostra vicinanza e quella di tutto il Pd che è impegnato nella difesa della legalità e nel rilancio della Capitale”. “I proiettili non fanno parte di un dibattito civile quindi chiunque ragioni con i proiettili, le minacce o la violenza è un cretino e i cretini vanno o curati o arrestati, aggiunge perentorio il segretario della Lega Matteo Salvini”. Che poi sposta l’attenzione sulle capacità del primo cittadino: “che Marino non sia evidentemente all’altezza di fare il sindaco lo hanno capito anche gli extraterrestri – spiega – quindi non capisco perché si ostini a voler mantenere una poltrona che non è in grado di gestire”. Proprio sull’azione di governo Sel, il principale alleato del chirurgo dem, oggi ha presentato i sette punti per rilanciare l’attività della giunta capitolina: “giusta amministrazione, qualità della vita, lavoro, impegno per la bellezza e per il decoro, rilancio della cultura, impegno per i più deboli e rilancio del decentramento”. Un patto per la città, insomma, che adesso – a parere degli esponenti di Sinistra ecologia e libertà – appare “fiaccata”.
Intanto si indaga per capire se Antonio Cavallo, il mittente della lettera con le minacce al sindaco, sia un personaggio reale oppure solo un nome di fantasia.

Redazione

Inserito dai Redattori di "Vento nuovo". Quotidiano di informazione, cultura, innovazione, economia, arte, fashion, gossip, sport, fondato a Roma nel 2009 ( n. 43/2010)

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookPinterest