Play Pause

IL COVID, CON LE SUE ZONE, DISTRUGGE I RISTORANTI DEI CASTELLI ROMANI

CB14E926-E172-40ED-B239-EC42BE99B4B1

622F8C9B-07EC-4B1B-B2E3-58944C7BBBC9

CED38589-9E3C-477B-ADE4-636891DDA613
Di Lorena Fantauzzi
L’economia castellana ed il suo indotto, che si reggeva per lo più sui ristoranti è finita! Sono finiti i tempi in cui i famosi ristoranti che si appoggiavano anche alle dependance estive o invernali dei più famosi ristoranti di Roma e sono finiti i tempi belli del miracolo economico della cucina castellana anche decantata da famose canzoni. Dagli stornelli rinomati in tutto il Mondo da Petrolini a Silvestri con l’orecchiabile refrain di Nannì Nannì della “Gita a li Castelli” ai brani più impegnativi di “Arrivederci Roma” cantata da Renato Ranucci alias Renato Rascel, oggi invece registra il De Profundis della cucina castellana come titolato da un quotidiano romano che ha scritto “Ristoranti allo stremo”.
Più che allo stremo molti ristoranti, bettole, taverne ed tavole calde ma anche ristoranti famosi addirittura chiusi. Comunque oggi lo screenshot della cucina è drammatica ma soprattutto per la chiusura pomeridiana e serale in cui si parla di “vero e proprio mortorio “.
Oggi, sia perché gli esercenti non hanno saputo reinventarsi un vero e proprio ruolo e del Covid ne fanno un alibi e delle zone rosse, arancioni e o variopinte ma sicuramente penalizzanti in cui additano forti accuse ai governanti, battono la fiacca, se non addirittura non riescono quando aprono a coprire le spese.
Da Genzano ad Albano passando per Marino, Grottaferrata e Frascati è tutto un pianto! Uccisi dal governo, i ristoratori sono allibiti e che non riescono a pianificare neppure il loro lavoro minimale, falcidiato anche da defezioni dei clienti oltre che da un Governo che non sa tutelare l’economia minimale.
E questi esercenti, quando aprono, non riescono a sostenere le spese!

maritato-pres-769x800

Piano pandemico e ‘triage anagrafico’

“Dopo tante polemiche ci siamo: è spuntato il nuovo piano pandemico 2021-2023 del ministero
della Salute ed è subito allarme. Tra i vari punti, si paventa anche la possibilità di scegliere chi
curare in caso di risorse scarse”. Continue reading…

TORNEO OSTIA

“L’Allenatore di calcio – Educatore/Istruttore e non Psicologo”

Parlare di relazioni con gli altri è assai difficile e complesso. Non basterebbe nemmeno un trattato di sociologia per comprendere le varie tipologie, ambienti sociali e familiari in cui vivono le persone. Continue reading…

WhatsApp Image 2021-01-12 at 09.04.36

Democrazia e libertà. Riflessioni dell’artista e scrittore Roberto Bombassei

La democrazia etimologicamente significa “governo del popolo”, ovvero un sistema di governo in cui la sovranità è esercitata, direttamente o indirettamente, dal popolo, generalmente identificato come l’insieme dei cittadini che ricorrono in generale a strumenti di consultazione popolare. Continue reading…

Papa Francesco ha ufficializzato che le donne possono leggere la Bibbia e svolgere servizio all’altare durante le messe

F750E0F2-6B0E-4376-AEAF-3DAC2C28FDFC
Di Lorena fantauzzi
Papa Francesco ha stabilito con una decisione diretta e univoca – motu proprio – che d’ora in poi i ministeri del Lettorato e dell’Accolitato saranno aperti anche alle donne. È di fatto la ratificazione di una prassi già diffusa, e significa che le donne che leggono la Bibbia durante le celebrazioni liturgiche o che svolgono un servizio all’altare, come ad esempio le ministre straordinarie dell’eucaristia, d’ora in poi lo potranno fare in maniera ufficiale e attraverso un atto liturgico che conferisce loro l’incarico.
In molte comunità in tutto il mondo le donne leggevano già il Vangelo oppure si occupavano di altre attività durante la celebrazione della messa, dopo aver ottenuto un’autorizzazione da parte dei vescovi. Come ha spiegato il giornale ufficiale del Vaticano, Vatican News, questo però avveniva «senza un mandato istituzionale vero e proprio, in deroga a quanto stabilito da san Paolo VI, che nel 1972, pur abolendo i cosiddetti “ordini minori”, aveva deciso di mantenere riservato l’accesso a questi ministeri alle sole persone di sesso maschile perché li considerava propedeutici a un eventuale accesso all’ordine sacro».
In una lettera indirizzata assieme al motu proprio al Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, il cardinale Luis Ladaria, Papa Francesco ha spiegato che «tali ministeri laicali, essendo basati sul sacramento del Battesimo, possono essere affidati a tutti i fedeli, che risultino idonei, di sesso maschile o femminile, secondo quanto già implicitamente previsto dal secondo paragrafo del canone 230». Per questa ragione, dopo essersi consultato con i Dicasteri competenti, Papa Francesco ha detto di aver «ritenuto di provvedere alla modifica» del primo paragrafo del canone 230 del Codice di Diritto Canonico, che ora stabilisce che tutti «i laici che abbiano l’età e le doti determinate con decreto dalla Conferenza Episcopale» possano essere «assunti stabilmente, mediante il rito liturgico stabilito, ai ministeri di lettori e di accoliti», indipendentemente dal sesso.
Tra le altre cose, la lettera del Papa chiarisce anche che la Chiesa «non ha in alcun modo la facoltà di conferire alle donne l’ordinazione sacerdotale»

maritato

Con Soccorsi scompare un punto di riferimento per la sanità

“Ci uniamo al cordoglio della grande comunità dell’ospedale San Camillo di Roma, per commemorare la scomparsa di Fabrizio Soccorsi, 78 anni, primario emerito di Epatologia del grande ospedale romano, spentosi per le complicazioni del Covid-19, che hanno fiaccato un organismo già provato da tempo dalla malattia oncologica”. Continue reading…

maritato-pres-769x800

“Buon lavoro al nuovo direttore regionale”

“Apprendiamo la notizia della nomina a direttore della Salute e Integrazione sociosanitaria regionale del dottor Massimo Annicchiarico, arrivato al vertice di tale ufficio di direzione dopo un lungo percorso di lavoro nella sanità dell’Emilia Romagna”. Continue reading…

138250715_3705041999575637_3433125507920928975_n

Il capitano della formazione giallorossa Batata Alves, autore della prima rete della gara contro l’Active Network, ha ben chiaro qual è l’obiettivo della Roma C5 dopo la bellissima vittoria:

Batata Alves – “Partita molto Impegnativa contro una avversaria che ha dimostrato di avere una rosa di qualità ma allo stesso tempo ha trovato la Roma Calcio a 5 in grande forma, abbiamo trovato la quadratura della squadra, ogni giocatore ha dato il suo massimo e il suo meglio, con tanto lavoro e umiltà. Siamo al nostro quarto risultato utile consecutivo, e da questa vittoria abbiamo capito che possiamo puntare in alto, i playoff non sono mai stati il nostro obiettivo ma ora cominciamo a crederci. Se quello dimostrato oggi è il nostro valore, possiamo arrivarci e ci proveremo, con tanto lavoro. Sappiamo che sarà un cammino difficile, abbiamo ancora molte gare da recuperare e un girone di ritorno ancora più difficile ma questa società merita di arrivare in alto e oggi tutti l’hanno dimostrato, ogni giocatore e ogni componente dello staff dentro e fuori al campo. Noi ci crediamo!”.

Vittorio Cecchi Gori e la “nuova fidanzata”: la notizia a pochi giorni dalla rivelazione

Di Lorena Fantauzzi

Arriva una clamorosa marcia indietro in merito alla presunta nuova fidanzata di Vittorio Cecchi Gori. Pochi giorni fa era infatti finita su tutti i giorni una foto che ritraeva l’imprenditore sul divano di casa sua, vicino ad una ragazza giovane e di bell’aspetto.

Un amico di famiglia aveva descritto la ragazza come la nuova compagna di Cecchi Gori, ma sarebbe già arrivata una novità sulla presunta relazione tra i due.

La smentita: “Un innocente selfie”

A raccontare l’aggiornamento è la stessa fonte che aveva diffuso la foto di Cecchi Gori con la ragazza, nonché la testimonianza dell’amico dell’uomo.

Pare infatti che sia arrivata una smentita ufficiale a Libero, riguardo la natura del rapporto tra Barbara, la 33enne fotografata, e l’imprenditore. È Roberto Alessi a scrivere su Libero: “La ragazza, mi fanno sapere, è un’amica dei suoi collaboratori di casa e si è trattato solo di un innocente selfie. Sarà“.

Vittorio Cecchi Gori, a ben rifletterci, con somma difficoltà potrebbe in questo momento imbastire e far crescere da zero un legame sentimentale. Al di là della pandemia per il Covid-19 e le restrizioni che tendono ad annullare le possibilità di incontri fortuiti, Cecchi Gori si trova agli arresti domiciliari: sta infatti scontando un cumulo di pena di 8 anni e mezzo per bancarotta per il caso del fallimento della Safin. La versione dell’amico di Cecchi Gori

Era stato Antonio De Luca, amico di lunga data di Cecchi Gori, a raccontare a Libero: “Abbiamo trascorso a casa di Vittorio il Capodanno come prevede il dpcm del Governo che non vieta di salutare amici e parenti prima del coprifuoco. C’era anche la fidanzata di Cecchi Gori: si chiama Barbara e fa l’attrice“.

De Luca aveva anche raccontato di essere contento per l’amico: “Vittorio è stato abbandonato da tutti. Vive in solitudine da anni, ma adesso sta meglio psicologicamente e lo deve grazie a questa ragazza cubana, che ha 33 anni, e che gli ha regalato il sorriso“.

Lorena Fantauzzi

la-molisana-abissine-rigate (1)

LA MOLISANA E LE ABISSINE: E’ SCONTRO SUI SOCIAL A CAUSA DELLA PASTA ‘FASCISTA’

Sono trascorsi 140 anni da quando l’Italia iniziò l’avventura coloniale, eppure sul mondo dei social è come se fossero trascorsi appena 20 minuti.
Il dibattito su fascismo e colonialismo è apertissimo e ogni italiano ha avuto occasione di esprimersi su questo delicato momento storico. Continue reading…

138045716_3702506549829182_8218014389579532645_n

𝐒𝐇𝐎𝐖 𝐆𝐈𝐀𝐋𝐋𝐎𝐑𝐎𝐒𝐒𝐎: 𝘓𝘢 𝘙𝘰𝘮𝘢 𝘊5 𝘥𝘰𝘮𝘪𝘯𝘢 𝘭’𝘈𝘤𝘵𝘪𝘷𝘦

Il 2021 si apre con una bellissima vittoria per la Roma Calcio a 5 che, tra le mura amiche del Palazzetto dello Sport di Frascati, domina l’Active Network vincendo con il risultato di 6-3. Una gara giocata ottimamente dai ragazzi di mister Di Vittorio che hanno dimostrato l’ottimo stato di forma ma soprattutto grande compattezza e determinazione di squadra.

Continue reading…

ivan-alzano

Raccolta benefica Natale 2020, la consegna ad Alzano Lombardo.

Oggi, il Presidente dell’ Associazione Attilio&Maria ODV a nome di tutto il C.D., ha consegnato il fac-simile dell’ assegno e copia del bonifico al Presidente e al Vice-Presidente della Proloco di Alzano Lombardo (BG) ( Sigg. Baldis Mattia e Prestini Sebastian). Continue reading…

si pres

Covid: malati nei capannoni con gli ospedali chiusi

Abbiamo assistito all’allestimento dei tendoni per il pre-triage davanti ai grandi ospedali, abbiamo subito l’accreditamento di strutture private, pagate dai cittadini con l’Irpef più alta d’Italia, abbiamo sperato che la notizia delle ambulanze trasformate in stanze di degenza non fosse vera.

Continue reading…

TWITTER CHIUDE DEFINITIVAMENTE IL PROFILO DI TRUMP

657709E9-4375-49E6-A831-FEE5D81E84BF“RISCHIO CHE INCITI ULTERIORI VIOLENZE”. IL SOCIAL IN CALO A WALL STREET. IL PRESIDENTE USCENTE TWITTA DA ACCOUNT POTUS: “VALUTIAMO UNA NOSTRA PIATTAFORMA”.

 Di Lorena Fantauzzi

NEW YORK – Twitter stacca la spina e chiude per sempre l’account di Donald Trump, accusandolo di aver ripetutamente violato le regole, incitando il suo popolo alla violenza. “Dopo aver revisionato i più recenti tweet di @realDonaldTrump e averli contestualizzati, analizzando come vengono recepiti e interpretati su Twitter e fuori, abbiamo deciso di sospendere permanentemente l’account per evitare ulteriori rischi” hanno fatto sapere nella nota diffusa venerdì sera.

Il presidente americano uscente Donald Trump non rimane in silenzio e  twitta dall’account ufficiale Potus (Presidente of the Unites States), parla di “cospirazione” e critica Twitter: “Siamo in trattative con altri siti. Stiamo valutando la possibilità di costruire una nostra piattaforma”.

“Come dico da tempo, Twitter si è spinta ben oltre il vietare la libertà di parola e stasera i suoi dipendenti si sono coordinati con i democratici e la sinistra radicale per rimuovere il mio account dalla loro piattaforma, per far tacere me, voi e i 75 milioni di americani che mi hanno votato”, afferma Trump.

“Avevo previsto che sarebbe accaduto – mette in evidenza il presidente Usa -. Stiamo trattando con vari altri siti e avremo un grande annuncio a breve. Stiamo anche valutando la possibilità di una nostra piattaforma in un breve futuro. Non ci metteranno a tacere. Twitter non è libertà di parola”.

Ma Twitter rimuove subito i cinguettii di Donald Trump effettuati dall’account Potus. Secondo le regole del social network, se Trump dovesse cercare di aprire un nuovo account questo sarebbe sospeso non appena rintracciato.

Il social network aveva già cancellato diversi tweet di Trump, dove il presidente uscente contestava la validità delle elezioni presidenziali vinte dal rivale. E ne aveva sospeso l’accountper 12 ore dopo l’assalto a Capitol Hill, salvo riattivarlo nella giornata di ieri. Sull’esempio di Facebook che ha sospeso il profilo di Trump a tempo indeterminato, ora anche il social dell’uccellino ha ora deciso di non dare ulteriore spazio al presidente di cui dopo l’occupazione di Capitol Hill da più parti si chiedono le dimissioni: mentre i democratici pensano addirittura ad una nuova procedura di impeachment.

La sospensione temporanea, d’altronde, non era bastata. Una volta tornato online, ieri il presidente aveva nuovamente rivolto ai suoi 88 milioni di followers messaggi tutt’altro che pacificatori. Dicendo ai ribelli responsabili dell’assalto al Campidoglio – alcuni dei quali oggi sono stati arrestati – “non permetterò che veniate trattati in maniera ingiusta”. E affermando poi, in un altro tweet, di non avere nessuna intenzione di “partecipare alla cerimonia di insediamento di Biden”: di fatto insistendo nel non voler riconoscere la legittimità della sua elezione.

In un certo senso per il primo social presidente della storia, Donald Trump appunto, è già una sorta di impeachment: visto che da anni aggira ogni filtro, comunicando direttamente coi suoi fan e usando spesso l’uccellino come manganello per attaccare i suoi avversari politici.

La decisione arriva dopo che perfino gli impiegati di Twitter si sono ribellati. Ieri hanno infatti indirizzato una lettera interna al fondatore, Jake Dorsey, firmata da 350 di loro, per chiedere di avviare un’indagine e stabilire il vero ruolo dei tweet presidenziali nella rivolta di mercoledì: «Nonostante i nostri sforzi di servire esclusivamente il dibatto pubblico, ci siamo trasformati nel megafono di Trump. Aiutandolo ad infiammare la folla responsabile dei fatti del sei gennaio».

Altri social network come Facebook, Snapchat o Twitch avevano già preso quella misura, ma nel caso di Twitter è significativa perchè  è stata la piattaforma preferita di Trump da quando era in campagna elettorale nel 2016. Un account che contava fino a oggi 88 milioni di follower. “Le nostre regole di interesse pubblico esistono per consentire alle persone di ascoltare direttamente cio’ che i funzionari eletti e i leader politici hanno da dire”, ha spiegato in dettaglio la società con sede in California. “Tuttavia, abbiamo chiarito per anni che questi account non sono completamente al di sopra delle nostre regole e che non possono utilizzare Twitter per incitare alla violenza, tra le altre cose”.

Dopo la sospensione dell’account di @realDonaldTrump i titoli di Twitter hanno perso il 2,78% nelle contrattazioni after-hours a Wall Street.

Il Tweet di Donald Trump Jr

Gli Stati Uniti “stanno vivendo 1984 di Orwell. La libertà di parola non esiste più in America. E’ morta con big tech e quello che ne è rimasto è solo per pochi prescelti. E’ un’assoluta pazzia”. Lo twitta Donald Trump Jr, il figlio del presidente uscente, riferendosi al romanzo 1984 di George Orwell.

“L’ayatollah e altri regimi dittatoriali possono avere account Twitter senza problemi nonostante minaccino il genocidio di interi paesi e uccidano gli omosessuali, ma il presidente degli Stati Uniti deve essere sospeso in via permanente. Mao sarebbe orgoglioso”, aggiunge Trump Jr in un secondo tweet.

L’ira dei Repubblicani contro Twitter

Si scatena contro Twitter anche l’ira dei Repubblicani. “Gli attacchi” di Twitter “ai conservatori sono vergognosi”,  afferma il senatore repubblicano Rick Scott. “Twitter ha sospeso il presidente Trump ma consente ai cinesi di vantarsi del genocidio e all’ayatollah di parlare sulla possibilità di spazzare via Israele dalle cartine geografiche”, lamenta Scott dando voce alla frustrazione della destra nei confronti dei social media, accusati di essere liberal e faziosi. “Mettere a tacere la gente, per non parlare del presidente americano, è quello che succede in Cina, non nel nostro Paese”, gli fa eco Nikki Haley, l’ex ambasciatrice all’Onu di Trump e aspirante per i repubblicani alla Casa Bianca nel 2024.

Nyp: “Twitter guidata da liberal, rivedere norme”

Il New York Post di Rupert Murdoch critica Twitter. “Alcuni dei tweet di Donald Trump non erano la verità ed erano provocatori, ma lo stesso sono quelli dell’ayatollah Khamenei, il cui account è in rete. La differenza è che Twitter è guidata da liberal americani, che mettono sotto esame solo un tipo di persona e solo un’area politica”, afferma il board editoriale del quotidiano. “Twitter è considerata una ‘piattaforma che, grazie alla section 230, non ha alcuna responsabilità su quello che viene twittato. Può censurare chi vuole. Questo è insostenibile – mette in evidenza il New York Post -. O la Section 230 viene revocata e Twitter si assume la responsabilità di quello che viene twittato, o altrimenti deve fare un passo indietro e lasciare che sia il pubblico a decidere quello che è accettabile e quello che non lo è”. La Section 230 è la norma che garantisce la ‘immunità’ ai social media, sollevandoli da ogni responsabilità.

 

A Londra è stato dichiarato un particolare stato di emergenza per il coronavirus Per l’aumento dei contagi e la situazione negli ospedali, il sindaco Sadiq Khan ha dichiarato il “major incident”, un’allerta usata per gli attentati terroristici

985783A8-6D65-43A9-9F1E-83AEE487A600
Il sindaco di Londra, Sadiq Khan, ha detto di avere dichiarato un «major incident» (una cosa traducibile come «gravissimo evento») per la situazione estremamente grave che sta attraversando la città a causa della pandemia da coronavirus. Khan si è riferito al significativo recente aumento dei contagi – nell’ultima settimana a Londra ci sono stati 1.036 contagi ogni 100mila persone, in Italia sono stati meno di 200 –, alle preoccupazioni per la cosiddetta “variante inglese» del virus, e alla grande pressione a cui sono sottoposti gli ospedali. Da mercoledì in Inghilterra è stato introdotto un nuovo lockdown.
Khan ha spiegato che l’epidemia a Londra è «fuori controllo»: ha detto che bisogna «intervenire immediatamente» e che in città una persona su 30 ha contratto il coronavirus. Senza girarci troppo attorno, ha spiegato che se non si prenderanno subito provvedimenti il sistema sanitario nazionale (NHS) «potrebbe essere travolto e moriranno ancora più persone».
Khan aveva già dichiarato la situazione di «major incident» in occasione del grave incendio della Grenfell Tower del giugno 2017, e degli attacchi terroristici al Westminster Bridge e al London Bridge, compiuti rispettivamente nel marzo del 2017 e nel novembre del 2019. La dichiarazione di questa particolare situazione di gravità prevede un coordinamento speciale tra i vari sistemi di emergenza cittadini.