Play Pause
Michel Emi Maritato - Presidente AssoTutela

Tor Vergata: l’ambulatorio chiuso è uno schiaffo ai più deboli

“La sanità in era Zingaretti: tempi duri per i meno abbienti. Questi sono i fatti reali, chi meno ha più perde con il governatore del Lazio e la più evidente prova di quanto asseriamo è rappresentata dalla paventata chiusura dell’ambulatorio di Medicina solidale di Tor Vergata e degli altri quattro della Onlus che li gestisce, in grado di accogliere 15mila pazienti in tutta Roma”. Lo dichiara il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato che spiega: “la fine era scritta da tempo, un continuo stillicidio di difficoltà per una realtà che, al contrario, rappresenta un’eccellenza per l’assistenza alle fasce più deboli della società in quartieri di Roma con evidenti emergenze. Un servizio apprezzato perfino da Papa Francesco ma non dai vertici della Regione Lazio a quanto pare e ora, come nelle migliori tradizioni, inizia il rimpallo di responsabilità. Tra direzione aziendale, Roma Capitale e uffici regionali, prendono il via le inevitabili polemiche, lungaggini e dilatazione dei tempi mentre in città si fa sempre più pressante l’emergenza migranti, profughi, rifugiati di vario tipo che ora avranno più difficoltà nell’accedere alle cure. A meno che la scomparsa nell’atto aziendale del policlinico Tor Vergata di questo servizio essenziale, non sia strumentale ad altro. Preferiamo non indagare per non avere brutte sorprese”, chiosa con amara ironia Maritato.

Foto 1 Benji e Fede

Stasera alle 21:00 Benji e Fede in concerto all’Anfiteatro La Civitella di Chieti.

Stasera alle 21:00 Benji e Fede in concerto all’Anfiteatro La Civitella di Chieti. Continue reading…

uzeb

Questa sera gli Uzeb in concerto al Teatro D’Annunzio di Pescara

Questa sera gli Uzeb in concerto al Teatro D’Annunzio di Pescara. Continue reading…

ciampino

CIAMPINO: APPROVATO IL PROTOCOLLO D’INTESA CON L’INI DI GROTTAFERRATA

Approvato finalmente il tanto atteso protocollo d’intesa tra il Comune di Ciampino, Assessorato alla Sanità e l’INI di Grottaferrata importante struttura sanitaria dotata di diverse unità di ricerca che operano in stretto collegamento con le Università.

Un accordo importante e positivo per la popolazione ciampinese che, previa esibizione della carta d’identità potrà usufruire dell’interessante sconto del 20% su tutte le visite ed esami specialistici, esami cardiologici,  nonché Diagnostica per Immagini,ad ultrasuoni, medicina nucleare ed endoscopia digestiva .

L’accordo sottoscritto prevede inoltre maggiori tutele ed opportunità per le categorie più fragili quali bambini ed anziani i quali usufruiranno anche di visite specialistiche periodiche in regime di gratuità.

“Ringraziamo i Dottori Di Paolo e Tavani, affermano il Sindaco Giovanni Terzulli e L’Assessore alla Sanità Gabriella Sisti per la disponibilità dimostrata e l’opportunità che hanno voluto concedere al nostro territorio.

Questa è una delle molteplici iniziative che abbiamo programmato per la nostra cittadinanza che va a toccare un settore delicatissimo che ci sta particolarmente a cuore .

La Convenzione con questa importante realtà sanitaria dell’hinterland della Provincia di Roma    è solo  una delle molteplici iniziative che abbiamo programmato per la nostra cittadinanza; la giornata della Salute che ripeteremo ad ottobre e questo importante protocollo rappresentano solo l’inizio di un programma specifico sulla prevenzione e salute.

elisadospina2

L’APPELLO DELLA SUPERMODELLA ELISA D’OSPINA: “AIUTO, BASTA FOTO HOT IN CHAT”

Elisa D’Ospina, scrittrice, conduttrice televisiva, modella curvy più famosa d’Italia, tra le cinque più famose del mondo, è intervenuta questa mattina ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano.
Elisa D’Ospina sulla legge anti anoressia: “Da dodici anni proponiamo nelle scuole percorsi contro i disturbi alimentari, abbiamo fatto petizioni e richieste per fare in modo che nel mondo della moda non sfilino più donne malate, questa legge anti anoressia è un piccolo trionfo per tutto un percorso molto più ampio di cui ho fatto parte proponendo questo modello curvy. In Israele e in Francia questa legge esiste già da qualche tempo e nonostante tutta l’alta moda continui ad usare delle ragazze molto magre, il problema anoressia in passerella è stato arginato. Il problema è più degli adulti che dei giovani. Mi è capitato diverse volte di vedere delle madri che portano le figlie ad ammalarsi e a vivere male la propria fisicità. Finalmente, con questa legge, quegli pseudo agenti di moda improvvisati che invitano le ragazze a digiunare potranno essere denunciati e perseguibili anche a livello penale, come istigatori all’anoressia”.
 
Elisa D’Ospina, poi, ha parlato di una problematica che la riguarda sui social: “Su instagram in particolare ricevo molti peni. E non è un belvedere. Molti maschi hanno una sovrastima esagerata. Almeno mi mandassero delle misure sognanti, invece arrivano ste cosette messe lì così. Dai, meglio evitare. Inizialmente rispondevo a tutti chiedendogli se fossero consapevoli di essere sotto alla media. Ora lascio perdere, tanto vedo che dopo il decimo invio si stancano da soli. Che poi, obiettivamente, il corpo di una dona è esteticamente più bello rispetto a quello di un uomo. Il pene eretto così mandato, ma anche no. Lo dico a tutti i maschi, con la foto dei peni in chat non si rimorchia. Con il caldo la gente perde la testa e lo vediamo anche dai social network”.
Elisa D’Ospina, poi, ha raccontato la bizzarra avventura che le è capitata: “Ho avuto uno stalker per oltre 3 mesi. Lui mi chiamava almeno 5 volte l’ora e puntualmente ad ogni ora del giorno, tanto che ad un certo punto mi sono preoccupata per la sua salute, era nudo con il pene in mano che si masturbava. L’ho denunciato, ho saputo che all’attivo aveva 30 denunce simili, mi chiedo come facesse quest’uomo ad averlo sempre duro. Dalle 8 del mattino fino alle 2 di notte. Erano videochiamate cui dovevo rispondere per le indagini. Era sempre eccitato. Non so come facesse”.
Atac - ristrutturazione selvaggia a danno dei cittadini

TRASPORTI, ASSOTUTELA PREOCCUPATA PER INEFFICIENZE A ROMA

“Passano i giorni ma continuano a giungere notizie sempre più preoccupanti sulla condizione del trasporto capitolino. Oggi, un autorevole quotidiano romano evidenzia come ancora una volta la città di Milano surclasserebbe la nostra Roma, dai cui mezzi pubblici i cittadini sono sempre più in fuga. Purtroppo nulla di nuovo sotto il cielo del Campidoglio, le cui amministrazioni comunali degli ultimi dieci anni non hanno saputo consegnare alla comunità romana una mobilità da grande metropoli europea ma solo una municipalizzata, l’Atac, piena di inefficienze e di problemi. E nulla, purtroppo, possiamo aspettarci dall’attuale sindaca Raggi e dalla maggioranza a cinque stelle, sinora incapaci di affrontare e risolvere i tanti disservizi che attanagliano il trasporto su ferro e gomma. Come associazione che tutela i diritti degli utenti, siamo davvero preoccupati per il futuro della mobilità capitolina”. Così, in una nota, il presidente dell’associazione Assotutela, Michel Maritato.

Regione Lazio - Presentazione della giunta Zingaretti

LAZIO AMBIENTE, PALOZZI-VERRELLI (FI)”SITUAZIONE PREOCCUPANTE, PRESENTEREMO INTERROGAZIONE”

“Siamo fortemente preoccupanti per la questione Lazio Ambiente. Zingaretti, invece di lasciarsi andare al solito trionfalismo sullo stato delle partecipate, affronti concretamente i problemi reali e, nell’ambito delle sue competenze, faccia il possibile per cercare di risolvere la situazione. Quanto apprendiamo dalla stampa in questi giorni su Lazio Ambiente non deve essere sottovalutato. Serve un’azione decisa e immediata proprio per dare continuità al servizio, non creando ulteriori disagi ai comuni interessati, e per garantire i livelli occupazionali e gli stipendi ai dipendenti. Per questo, presenteremo una interrogazione proprio per comprendere come la regione intenda agire. Certo, l’emergenza rifiuti nel Lazio è sempre più evidente e il presidente Zingaretti dovrebbe essere più incisivo e determinato, con una seria e attenta programmazione”.

Cosi in una nota il consigliere regionale del Lazio e coordinatore Fi della provincia di Roma Adriano Palozzi e il Coordinatore Fi giovani della provincia di Roma Alessandro Verrelli

atac

ATAC, ASSOTUTELA: “ARIA CONDIZIONATA ROTTA. OLTRE 40 GRADI SU BUS 716″

“Il trasporto su gomma e su ferro nella Capitale di Italia continua a vivere pesanti inefficienze e imbarazzanti disservizi. Come quello accaduto nelle scorse ore sul bus Atac della linea 716, che ha viaggiato con l’impianto della aria condizionata rotto e, quindi, con i passeggeri costretti a sopportare temperature che hanno superato i 40 gradi all’interno del convoglio. Una realtà ambientale e sociale da terzo mondo, purtroppo non nuova sui pullman della municipalizzata capitolina; una realtà che rischia di incidere negativamente sulla salute degli utenti e degli autisti Atac. Invece di continuare ad essere immobile e inefficiente, la sindaca Raggi esca dal torpore istituzionale e metta in atto tutto gli interventi necessari per ripristinare il necessario è corretto funzionamento dei sistemi di condizionamento all’interno dei bus cittadini. Come associazione che difende i diritti dei consumatori, Assotutela sta seriamente vagliando la possibilità di presentare un esposto su questa delicata vicenda”. Così, in una nota, il presidente di Assotutela, Michel Maritato

bonucci-biglia

RADIOMERCATO VENTONUOVO/ Milan scatenato: con Bonucci e Biglia i rossoneri provano a tornare grandi. Juventini furiosi sui social

di Fabio Camillacci

Entusiasmo a Casa Milan per l’arrivo di Bonucci. L’ex giocatore juventino è stato accolto da 200 tifosi rossoneri in delirio totale. Bonucci, in attesa delle visite mediche, ha firmato con il Milan un contratto fino al 2022. Ingaggio super (per gli standard italiani) da circa 6.5 milioni + bonus; a questo va aggiunto il discorso relativo ai diritti di immagine per un totale di quasi 9 milioni netti all’anno. Alla Juventus invece vanno 40 milioni di euro + 2 di bonus. Oltretutto, Leo Bonucci indosserà la fascia di capitano e avrà il suo numero “19” sulla maglia. Certo, considerando che in Europa difensori meno forti sono stati pagati anche 20 milioni in più, i 42 incassati dalla Juventus sono pochi ma la Vecchia Signora, lo sappiamo, non trattiene chi non vuole restare. Ormai per il difensore della Nazionale la convivenza col tecnico Allegri, e con alcuni compagni di squadra, era diventata praticamente impossibile dopo i reiterati litigi. Continue reading…

cinecittà

A Cinecittà World un week end con la finale di Coppa Italia Performer Arti Scenico Sportive

di Marco Valerio

Coppa Italia Performer Arti Scenico Sportive: con l’ultima tappa interregionale che si è svolta a Pomezia si sono concluse, le fasi di selezione iniziate il 19 febbraio in Sicilia e che hanno coinvolto tutte le regioni italiane. La competizione visto sfidarsi centinaia di giovani performer provenienti da tutta Italia. Continue reading…

mt

i Manhattan Transfer questa sera sul palco del Teatro D’Annunzio di Pescara

Un gruppo che ha fatto la storia della musica, dal vivo al Teatro D’Annunzio di Pescara: i Manhattan Transfer, sul palco questa sera.

Continue reading…

aru

TOUR DE FRANCE/ FABIO E’ STRAORDINARU! IL CORRIDORE SARDO NUOVA MAGLIA GIALLA ALLA GRANDE BOUCLE, STACCATO FROOME NEL TAPPONE PIRENAICO

di Fabio Camillacci

Sempre più straordinAru. Romain Bardet vince la dodicesima tappa del Tour de France (tappone pirenaico da Pau a Peyragudes (214,4 km) davanti a Rigoberto Uran e a Fabio Aru) e il corridore sardo dell’Astana riesce a staccare Chris Froome e a indossare la maglia gialla per 6” in un finale palpitante. Tutto si è risolto nei 500 metri finali con le pendenze più severe dell’intera tappa di montagna: Bardet ha inflitto 2″ a Uran e Aru, mentre Froome ha incassato ben 22 secondi dal vincitore. E’ la prima volta che il capitano del Team Sky perde la maglia gialla su un arrivo in salita. Incassare un distacco di oltre 20 secondi in poco più di 300 metri è sintomo di una condizione non brillantissima, o per lo meno di una giornata non eccezionale del vincitore di tre edizioni della Grande Boucle. Continue reading…

CANTINI

Marco Cantini: una canzone per un romanzo

Esce il nuovo singolo di Marco Cantini. Si intitola “L’Orrore”. In rete il video ufficiale con l’attrice Valentina Reggio e il violinista Francesco Moneti

Continue reading…

cropped-Michel-Emi-Maritato-Presidente-AssoTutela1

ASSOTUTELA: “STATO SIA VICINO A DRAMMA SILENZIOSO DEI PAPA’ SEPARATI”

“C’è una dramma silenzioso, travolgente ma inascoltato, a cui lo Stato Italiano non attribuisce la giusta attenzione: è il dramma dei padri separati, che nel nostro Paese ammontano a circa 4 milioni, con 800mila che si trovano sulla soglia di povertà secondo il Rapporto Caritas 2014. Numeri impressionanti per una realtà sociale alquanto tragica: questi uomini, complice la crisi economica e finanziaria, per sostenere il mantenimento dello stesso tenore di vita all’ex moglie e ai figli, spesso non hanno le risorse pecuniarie per permettersi una casa, un affitto e sono costretti a vivere in condizioni indecenti e precarie nella propria auto o in altri luoghi di fortuna. Una situazione logistica che incide negativamente sotto l’aspetto emotivo e psicologico, trovandosi impossibilitati a ritrovare sé stessi e il rapporto con i propri figli. Assotutela, dunque, esprimere forte solidarietà e grande vicinanza ai papa separati, e al contempo rivolge un appello a tutte le istituzioni competenti, in primis il governo nazionale, affinché operi con celerità e concretezza a tutela di questi uomini e per cancellare – come chiedono da tempo già numerose associazioni – la netta disparità di trattamento tra marito e moglie dopo la fine della relazione quando di mezzo ci sono i figli”. Così, in una nota, il presidente della Associazione Assotutela, Michel Maritato.

 

metropolitana ingresso

Orrore nella metro B, nella Roma “allo sbando del M5s”

“Una scena orripilante: è stata trascinata dalla metro in corsa per svariati metri, incastrata nelle porte con le sue buste della spesa senza che nessuno potesse fermare la vettura perché i freni a mano erano in tilt”. Lo dichiara il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato che insiste: “Non conosciamo ancora motivazioni e dinamica dell’incidente avvenuto ieri sera alle 21 alla stazione Termini, non sappiamo se ci siano o meno responsabilità del conducente, di fatto di alcune responsabilità siamo sicuri: quelle del sindaco Raggi e di tutta l’amministrazione capitolina, non in grado di gestire l’azienda di trasporto né di far vivere i romani in una città sicura, motivo per cui dovrebbero trarre le dovute considerazioni. I trasporti pubblici, che di una capitale dovrebbero essere il fiore all’occhiello, a Roma sono in una condizione da Terzo mondo e stiamo usando un eufemismo. Chi è salito su un bus in questi giorni di calura insopportabile, si sarà reso conto della condizione in cui si trova la climatizzazione dei mezzi: zero assoluto. Se i passeggeri sono colti da malore chi ne risponde? Così come ci chiediamo per quale motivo non erano funzionanti i freni di emergenza sulla metro B, da azionare in caso di pericolo, condizione in cui ci si è trovati con la povera signora a cui va tutta la nostra solidarietà e l’augurio che esca dalle sue condizioni di salute indicate con codice rosso, di estrema gravità”, chiosa Maritato.