Giornalista molestata in TV: parlano le ragazze di Miss Italia

Giornalista molestata in TV: parlano le ragazze di Miss Italia

Tra indignazione e solidarietà, lo sdegno del Concorso e della Patron

2951F727-2E53-451B-9649-E0A5CAC5DBFC

Di Lorena Fantauzzi 
Indignazione e solidarietà: le ragazze di Miss Italia si schierano in blocco accanto a Greta Beccaglia, la giornalista sportiva di Toscana TV, molestata da un uomo all’uscita dello stadio mentre intervistava i tifosi dopo l’incontro Empoli-Fiorentina.

Al Crowne Plaza Hotel, dove  si svolge la seconda giornata delle prefinali del Concorso, la reazione delle ragazze è concitata.
“Siamo sgomente di fronte a quel gesto offensivo, volgare, che non tiene conto in alcun modo della persona o meglio di una giovane donna, trattata come nemmeno il più insignificante degli oggetti”, è la sintesi dei commenti. E ancora: “Bisogna denunciare e smascherare chi si rende responsabile di atti ingiusti e vili come quello visto in diretta TV. Al tempo stesso, occorre proseguire nell’opera di educazione e di convincimento di chi non conosce il rispetto. Si cominci dai giovani, che devono essere al nostro fianco”.

Nello specifico, Miss Valle d’Aosta, Eliana Moise, ha le idee chiare: “Spiace quando sono proprio i giovani a comportarsi male, invece di dare il buon esempio. Purtroppo nel 2021 ci sono ancora troppe persone che non sono in grado di rispettare le donne”. E Irene Motto Ros, altra miss valdostana, aggiunge: “Un gesto orribile, andrebbe punito anche chi invita a minimizzare, a non prendersela. Sulla parità dei sessi c’è ancora molto da lavorare”.

Per Erika Russo, piemontese eletta Miss Sport: “Troppo spesso sottovalutiamo atteggiamenti e modi di fare molesti, magari perché avvengono fuori da uno stadio dove tutto sembra normale. Perché, ad esempio, c’è ancora chi fischia a una donna? Noi non siamo animali e non facciamo la stessa cosa con gli uomini”.

Sofia Cittaro, Miss Rocchetta Friuli, definisce ciò che è successo in Toscana “un fatto sconvolgente, di rilevanza sociale, di fronte il quale i ragazzi dovrebbero essere i primi a ribellarsi. Di solito quando ricevo apprezzamenti forti lascio perdere, ma la verità è che mi sento ferita”.

Carolina Zaupa, Miss Rocchetta Veneto, racconta di aver ricevuto apprezzamenti in strada e di aver avuto paura: “Oltre che incoraggiare le donne a denunciare, le famiglie dovrebbero educare i figli maschi a rispettarle nel modo giusto”.

Miss Sorriso Liguria Elena Ottonello rincara: “Purtroppo non si fa mai abbastanza e c’è ancora chi dà la colpa alle donne, all’abbigliamento, al modo di camminare”.

Le fa eco un’altra ligure, Carlotta Nicoletti: “Bisogna denunciare chi fa catcalling o tratta le donne come avveniva nel medioevo. Massima solidarietà alla giornalista Greta Beccaglia”. Per Giada Negro, Miss Sport Liguria: “Serve solidarietà dal mondo femminile, capita spesso che a muovere critiche nei confronti delle donne siano le stesse donne. Non deve più avvenire”.

E la collega Melissa Yucel: “Si fanno troppe parole, ma pochi fatti. Quando esco la sera, spesso non mi sento tranquilla e ho dovuto acquistare lo spray al peperoncino. Bisognerebbe fare di più, partendo dalla scuola”.

La patron del Concorso, Patrizia Mirigliani, ascolta le ragazze e commenta: “Ciò che abbiamo visto in tv è inaudito. Dopo tanto impegno da parte delle donne, siamo ancora punto ea capo. Le ragazze ribadiscono con forza che bisogna proseguire con questa battaglia. Sono accanto alle Miss e ne condivido lo smarrimento e la rabbia”.

 

D1DD40BF-B27A-457F-8F1B-DA4DACF0A879 2951F727-2E53-451B-9649-E0A5CAC5DBFC