amico

ITALIA, TISO(AMICO): “NON SIAMO UN PAESE PER BIMBI E RAGAZZI. INVESTIRE SU POLITICHE GIOVANILI”

Recentemente l’Istat ha fotografato una situazione inequivocabile: l’Italia è un Paese dove i morti superano le nascite, con un trend inarrestabile. I numeri sono chiodi che registrano come nel 2015 le nascite sono state 485.780 mentre 647.571 le morti. Questo vuol dire che il saldo naturale, cioè la differenza tra nati e morti, è negativo di 161.791 unità. Un divario così ampio non si registrava dalla guerra mondiale del ’15-’18. Dunque, siamo un Paese con meno bambini, mamme più mature e cittadini più anziani: oltre 2 milioni hanno superato gli 85 anni. In sostanza, l’Italia non è una nazione per giovani, sia quantitativamente che qualitativamente. Una analisi spaventosa che un Paese già in crisi, che vive una congiuntura economico-finanziaria per nulla felice. Per questa ragione, si dovrebbe investire tutto sulle politiche giovanili, sulle famiglie, e invece siamo qui a giudicare provvedimenti assistenzialistici come quota 100, che da soli non bastano a risollevare le sorti del nostro popolo”.

Così, in una nota, Rocco Tiso, portavoce di “Amico”, Forza Politica “Associati in Movimento Iniziativa Comune.