salvini_

SALVINI: “ONG? ASPETTO DEGLI ARRESTI E DEI SEQUESTRI DI IMBARCAZIONI DA AFFONDARE IN MARE. RENZI? QUANDO HA PERSO IL REFERENDUM L’HO CHIAMATO, ANCHE SE NON LO SOPPORTO. FRANCIA? LE PEN HA L’1% DI POSSIBILITA'”

Matteo Salvini è intervenuto stamattina ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università Niccolò Cusano.

 

Anche il leader della Lega ha svelato quale poster aveva in camera a 15 anni: “Avevo una foto di Franco Baresi e un poster di Non è la Rai. Non avevo Che Guevara e cose varie, calcio e ragazzi. Non è la Rai lo seguivo con entusiasmo”.

 

Su Renzi, che ha dichiarato di aver ricevuto una bella telefonata da Salvini dopo il referendum costituzionale: “Cosa gli ho detto? Rimane tra noi. Io non lo sopporto, è una dimostrazione di arroganza, falsità, presunzione e distanza dalla vita reale. Però in un momento di difficoltà supero anche le divisioni politiche. Quello che gli ho detto, comunque, rimane tra noi. Odio quelli che ti sono vicini quando tutto va bene e ti voltano le spalle quando tutto va male”.

 

Sul caso legato alle ONG: “Mi chiedo se sia normale che questa stessa situazione che denuncio da due anni e che mi ha comportato accuse di razzismo e xenofobia, ora siccome emerge da un procuratore generale allora è qualcosa da approfondire. Meglio tardi che mai, è chiaro ed evidente che l’immigrazione clandestina è un business organizzato. Io aspetto degli arresti e dei sequestri di imbarcazioni, vuote, da affondare. Il Governo finanzia questa immigrazione, più 51% di sbarchi nei primi mesi del 2017. Cosa altro dobbiamo aspettare? Io il problema lo risolverei non facendo più sbarcare nessuno. Darei indicazioni alle imbarcazioni della Marina Militare e della Guardia Costiera, pagate dagli italiani per difendere i confini, di soccorrere tutti e di riportarli indietro. Al quinto barcone riportato indietro gli scafisti cambierebbero mestiere”.

 

Sulle elezioni francesi: “Macron non ha già vinto, tifo con tutto me stesso per Marine Le Pen e non escludo che ogni tanto Davide vinca contro Golia. C’è l’1% di possibilità che ce la faccia, ma resto fiducioso, ogni giorno cresce la fiducia nei suoi confronti, il popolo sta con lei”.

 

Sulle primarie del Pd: “Non me ne può fregar di meno, ne ho le palle piene delle menate interne del Pd. Renzi è cambiato, ma in peggio. Non ha capito la lezione del 4 dicembre”.

Su Berlusconi: “Non ci siamo mai allontanati, quindi non deve esserci nessun riavvicinamento. L’11 giugno si eleggono più di 1000 sindaci da nord a sud, su quello sono esclusivamente concentrato. Dal Pd continuano a parlare di eventuali alleanze con Berlusconi? Lo fanno perché sono messi male. Io sono stufo di scegliere il meno peggio, di offrire agli italiani il meno peggio”

 

Sui grillini: “Hanno il vento in poppa, ma li aspetto al varco del fare. Non sono una mia preoccupazione”. 

 

Sul Milan: “Il closing è arrivato e ha pure portato rogna. Conservo tutti i miei dubbi e ho la morte nel cuore nel constatare che nella tribuna del Derby sembrava di vedere Pechino-Shanghai e non Inter-Milan”.

UFFICIO STAMPA RADIO CUSANO CAMPUS

Redazione

Inserito dai Redattori di "Vento nuovo". Quotidiano di informazione, cultura, innovazione, economia, arte, fashion, gossip, sport, fondato a Roma nel 2009 ( n. 43/2010)

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookPinterest