POETICANDO VALERIA DAVIDE

POETICANDO

di Valeria DAVIDE

Annaré

 

Oggi te voglio di’ chello ca sento

t’ ‘o voglio fa’ capì overamente

Chello ca ‘nfunno ‘o core m’annasconno

nu bbene grande,unico e profondo.

 

Nun si nu raggio ‘e luce, tu si ‘o sole

Nun si n’onna ca sbatte, tu si ‘o mare

Nun si na stella lucente, tu si ‘o firmamento:

Sulo pe’ te,figlia mia,provo stu sentimento!

 

Tutto chello ca ‘e bello ce po’ sta dinte  ‘o Criato

è bello perché tu ce daje significato:

nè l’alba nè ‘o tramonto

nè ‘o cielo e neanche ‘a luna chiena

Niente tene cchiú valore ‘e nu surriso tuojo ca scarfa e dà calore .

 

Senza ‘e te , Annaré,

‘a vita é comme n’arcobaleno senza culure

comme na pietanza senza sapore

nu fuoco ca nun dà tepore.

 

Chello ca na figlia po’ da’  a nu genitore

é solo ‘a ricevuta ‘e tant’ammore

nu legame ca tene ‘a forza ‘e na calamita

nu dono ca t’accompagna tutta ‘a vita.

Assunta Filardi

Quando l’amore riesce ad essere espresso sotto forma di parole diventa pura poesia che incanta e rapisce come questa bellissima lirica in vernacolo, scritta dalla poetessa napoletana Assunta Filardi. Dopo la lettura ho i brividi perché tocco pensieri che traboccano di sentimento per il legame più intenso al mondo, ossia ,quello tra madre e figlia. Può un sentimento che ha radici dello stesso bulbo non essere unico al mondo? La poesia si apre con l’invocazione di un nome :Annarè , il vezzeggiativo di Anna che da solo riempie il cuore d’amore ,poiché chi ci ama ripete all’infinito il nostro nome e lo dice con un timbro diverso  che è carezza nell’ anima. La poetessa, in questi versi ,vuole mettere a nudo la grandezza di questo amore che cerca di tradurre alla figlia  attraverso metafore :” Tu non sei un raggio di luce, ma il Sole/ Tu non sei un onda , ma il mare/Tu non sei solo una stella, ma il cielo/”.E per essere più incisiva l’autrice le spiega come sarebbe la sua  vita senza la figlia amata , dicendo che nulla avrebbe più senso: l’alternarsi del giorno e la notte, l’arcobaleno senza i colori, un flebile fuoco a riscaldare l’anima, un cibo senza sapore . Un grigio cielo. La  poesia di Assunta  è un inno d’amore ,in cui il sentimento si denuda con la voce di una spudorata e tenera verità : con generosità estrema regala il bene più prezioso. La stesura scorrevole dona alle parole la giusta collocazione e la musicalità interna ; amorevoli versi impressi sulla carta come baci, regalo di tutto l’amore che una madre sente nel cuore. Nella chiusa il bene indiscusso e totale che non chiede altro in cambio se non gioire di questosentimento, dono che la vita le ha riservato. Una vita che non sarebbe più degna senza questa amata figlia. Una vita senza vita. Ringrazio l’autrice per averci donato le sue note di madre  che dichiarano l’amore assoluto, senza limiti, quello dove puoi sempre tornare sicura di trovare la porta aperta anche se hai deluso, anche  se hai fallito, anche se hai sbagliato . L’amore di una mamma non ti tradisce ma  ti aspetta a braccia aperte  e ti comprende anche quando parole no ne dici perché è il tuo specchio, di fronte al quale anche le imperfezioni sono amate, accettate .Una madre è l’ amore che  ti tiene per mano  un breve periodo ma ti terrà nel cuore per tutta la vita.

Valeria Davide -poetessa-scrittrice

Redazione

Inserito dai Redattori di "Vento nuovo". Quotidiano di informazione, cultura, innovazione, economia, arte, fashion, gossip, sport, fondato a Roma nel 2009 ( n. 43/2010)

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookPinterest