alfredino 3-kGaF-U3350363029775sPF-656x492@Corriere-Web-Roma

“Pena esemplare per l’oltraggio ad Alfredino”

Subito una inchiesta su Ama e la mancata tutela del cimitero monumentale del Verano

“Undici svastiche, undici coltellate inflitte a un simbolo, al buonsenso, alla pietà. Esprimiamo tutta la nostra solidarietà alla famiglia Rampi e alla associazione nata in nome di Alfredo e condanniamo il gesto esecrabile, per la cui definizione non troviamo ulteriori parole adatte se non vergogna”. Lo dichiara il presidente di AssoTutela Michel Maritato che continua: “Non c’è fine alla stupidità umana. Non abbiamo fatto in tempo ad apprezzare la volontà di ricordare Alfredino in un murales che subito è arrivata la vile risposta: undici svastiche impresse sulla lapide. Un gesto che ha fortemente colpito tutta la collettività, chi non ha vissuto direttamente la vicenda perché troppo giovane e chi invece, in quei tremendi momenti, non riuscì a staccare il volto dagli schermi per seguire le sorti del piccolo precipitato in un pozzo. L’oltraggio della tomba di Alfredino Rampi è un gravissimo, ingiustificato e incomprensibile atto. Chiediamo agli inquirenti di far luce al più presto su quanto accaduto e alle autorità preposte di infliggere una pena esemplare. Un altro discorso – continua il presidente – andrebbe rivolto all’Ama e all’amministrazione capitolina sullo stato di degrado, abbandono, incuria in cui versano i nostri cimiteri: una situazione intollerabile. Non ci saremmo mai aspettati di dover commentare un simile sfregio al simbolo di una insopportabile tragedia che segnò dolorosamente tutti gli italiani”, conclude Maritato.

Redazione

Inserito dai Redattori di "Vento nuovo". Quotidiano di informazione, cultura, innovazione, economia, arte, fashion, gossip, sport, fondato a Roma nel 2009 ( n. 43/2010)

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookPinterest