aborotfemminicidio

‘ABORTO PRIMA CAUSA DI FEMMINICIDIO’, PARLA L’AUTORE DEI MANIFESTI

Filippo Savarese, direttore delle campagne Citizengo Italia, è intervenuto questa mattina ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano. Sui manifesti apparsi ieri a Roma con scritto ‘l’aborto è la prima causa di femminicidio nel mondo': “Volevamo provocare un dibattito su un tema divisivo, scottante e doloroso. Un tema che ricorre nei 40 anni dalla legge sull’aborto. Vogliamo esprimerci e affermare le nostre opinioni. Ci sono milioni di italiani contrari all’aborto, dobbiamo sfondare il muro mediatico che ci circonda. Siamo soddisfatti del risultato, stamattina ne hanno parlato tutti i giornali. Abbiamo scelto questo profilo perché abbiamo voluto attaccare l’ipocrisia di un certo femminismo che si preoccupa della difesa della donna ma non se ne preoccupa davanti alla vita nascente. Il parallelo tra aborto e femminicidio nasce da un parallelo precedente. Noi crediamo che la vita umana sia da tutelare fin dal momento del concepimento. L’aborto è un omicidio, interrompere la gravidanza di una donna è un omicidio. Una donna che abortisce è un omicida, è chiaro, è evidente”.

Michel Emi Maritato