Sport

de rossi nuovo

LE BOMBE DI MERCATO DI VENTONUOVO/ Daniele De Rossi ha scelto: andrà in Argentina per giocare con il Boca Juniors. Roma scatenata: due colpi in un giorno, Mancini e Veretout. Juventus, ecco Matthijs de Ligt

di Fabio Camillacci

Dopo tante voci, qualche tassello di mercato va finalmente al suo posto. Come anticipato da tempo da Ventonuovo, il colpo grosso lo mette a segno la solita Juventus: unica squadra italiana che può permettersi certe operazioni. Ecco Matthijs de Ligt: il 19enne gioiello olandese, ormai ex Ajax, è atterrato stasera Torino. Mercoledi 17 luglio effettuerà le visite mediche e già giovedì potrebbe esserci la presentazione alla stampa, col giocatore che si metterebbe a disposizione di Sarri per la tournee asiatica che vale la International Champions Cup 2019.  “Ciao bianconeri, sono Matthijs e sono davvero felice di essere qui”, queste le prime parole rilasciate da De Ligt dopo l’arrivo a Caselle. Il difensore olandese ha poi lasciato l’aeroporto in auto, acclamato da un centinaio di tifosi juventini. Un’operazione spaventosa a livello di cifre per un difensore: 70 milioni di euro, più 5 di bonus all’Ajax, 12 milioni di euro all’anno (bonus compresi) al calciatore (nella foto in home page: a sinistra la maglia bianconera numero 4 di de Ligt, a destra l’olandese con la sua vecchia casacca: quella dell’Ajax). Continue reading…

figc

Il Tackle di Ventonuovo/ Calcio: Serie B e Lega Pro continuano a perdere la faccia tra continui terremoti economico-finanziari. Palermo e Foggia precipitano tra i dilettanti

di Fabio Camillacci

Puntualmente, come ogni anno, in estate esplode il caos campionati di B e C. Stavolta, i problemi riguardano un club importante come il Palermo escluso dal prossimo torneo cadetto per inadempienze amministrative. Stesso discorso per il Foggia. Il Consiglio Federale della Figc, infatti, dopo le valutazioni della Covisoc, ha decretato l’esclusione del club rosanero che pertanto ripartirà dalla Serie D. L’anno scorso analoga sorte era toccata ad Avellino, Bari e Cesena. Al posto del Palermo è stato ripescato il Venezia retrocesso dopo aver perso il playout con la Salernitana. La notizia era nell’aria da settimane, oggi è diventata ufficiale. Ora prepariamoci all’ennesima estate calda dal punto di vista di ricorsi e controricorsi: il Palermo quasi sicuramente presenterà ricorso al Tar del Lazio e poi eventualmente alla Cassazione del Calcio. Intanto, l’attuale patron della Sampdoria Massimo Ferrero lavora per diventare il nuovo proprietario del Palermo visto che sta per cedere i blucerchiati a una cordata guidata da Gianluca Vialli.

Continue reading…

calciomercato-3

Le Bombe di mercato di Ventonuovo/ Tante chiacchiere e pochi fatti: in Italia non girano i soldi che girano negli altri campionati. La stampa sportiva inventa, ribatte e insiste su nomi altisonanti solo per tornaconto personale

di Fabio Camillacci

“Sei solo chiacchiere e distintivo!”. E’ l’indimenticabile frase che Robert De Niro nella parte di Al Capone rivolge all’agente del Bureau of Investigation Eliot Ness, interpretato da Kevin Costner, nello straordinario film di Brian De Palma “Gli Intoccabili”. Ecco, questa frase rispecchia molto l’andamento del calciomercato italiano parlato: solo chiacchiere e distintivo. Dove il distintivo può rappresentare gli stemmi dei vari club o delle varie testate giornalistiche che in questi giorni campano con le voci di mercato. Solo fuffa e pochi fatti. Dopo il mese di giugno dedicato alle plusvalenze di bilancio, questo inizio di luglio è stato caratterizzato solo da tanti rumors con le tradizionali “big” del nostro calcio al centro dell’attenzione: soprattutto Juventus, Inter e Milan, cioè le squadre che hanno più tifosi. A seguire troviamo Napoli e Roma, più staccata la Lazio. Continue reading…

calcio

Le Bombe di Ventonuovo/ Vi spieghiamo tutti gli intrecci economico-finanziari del calciomercato moderno. Plusvalenze, giochi di bilancio, “doping finanziario”, mega ingaggi ai calciatori e commissioni faraoniche ai procuratori

di Fabio Camillacci

Benvenuti nella seconda fase del calciomercato. Il mese scorso infatti i club hanno solo pensato a sistemare i conti entro il 30 giugno (scadenza che coincide con la fine della stagione sportiva), realizzando plusvalenze grazie a scambi, giovani e valutazioni gonfiate. Operazioni che riguardano soprattutto le squadre impegnate nelle coppe europee, quindi obbligate a rientrare nei parametri del fair play finanziario. Dal primo luglio invece le trattative si basano su valutazioni più vicine alla realtà, anche se a far impennare le spese sono commissioni e ingaggi. Continue reading…

di biagio 3

Il Tackle di Ventonuovo/ Un biscotto tra francesi e rumeni certifica l’eliminazione dell’Italia dall’Europeo Under 21. Un fallimento per il c.t. Di Biagio che lascia

di Fabio Camillacci

Ora il fallimento italiano agli Europei Under 21 è ufficiale. Tutto come previsto: biscotto made in Francia e Romania, azzurrini a casa. Transalpini e romeni raggiungono Spagna e Germania in semifinale. E’ questa dunque la meglio gioventù d’Europa. Italia condannata dall’annunciatissimo pareggio a reti bianche di Cesena tra Francia (che passa come migliore seconda) e Romania; ma, l’eliminazione azzurra ha origini più lontane e risale a quella maledetta, inopinata e immeritata sconfitta contro la Polonia. Continue reading…

totti coni

IL TACKLE DI VENTONUOVO/ Totti annuncia l’addio alla Roma dal Salone d’onore del Coni come un Capo di Stato. Tutto molto triste, tutto molto provinciale e dilettantesco come i rivali del Capitano

di Fabio Camillacci

Che tristezza. Come criticammo la Roma per il modo, il metodo e il momento in cui la società griffata a stelle e strisce organizzò la conferenza di addio di Daniele De Rossi, critichiamo il modo, il metodo, il momento e soprattutto il contesto (tradotto: il luogo), in cui Francesco Totti ha annunciato il suo addio alla Roma. Evidentemente, all’interno del Grande Raccordo Anulare e sulla sponda giallorossa del Tevere, funziona così. Aveva ragione Don Fabio Capello quando dava dei “provinciali” e dei “dilettanti” a tutti coloro che circondano o fanno parte dell’ambiente romanista. Non a caso, il tosto allenatore friulano di Pieris fu capace di vincere il terzo storico scudetto dell’intera storia giallorossa: proprio il 17 giugno di 18 anni fa. Appena tre scudetti in 92 anni di storia: ci sarà un perchè? Il perchè sta tutto in questo 2019 kafkiano della Roma e dei romanisti, Totti in primis. Tutto surreale. Continue reading…

zorro roma

La Roma nel segno di Zorro: è Paulo Fonseca il nuovo allenatore dei giallorossi. Al tecnico portoghese l’audace compito di risollevare un ambiente romanista depresso

di Fabio Camillacci

La Roma dopo una lunga attesa e una stagione da dimenticare, mette il primo tassello per la prossima stagione. Come anticipato la settimana scorsa da Ventonuovo, è il portoghese Pauolo Fonseca il nuovo allenatore dei giallorossi. Ha firmato un contratto di due anni con opzione per il terzo (2,5 milioni a stagione, più bonus). L’ufficializzazione è arrivata col classico comunicato su Twitter e sul sito ufficiale della Roma. Tutto questo proprio mentre a Londra i dirigenti capitolini lavorano sulle linee guida della stagione 2019-2020, per evitare di commettere gli stessi gravi errori commessi l’anno scorso sul mercato estivo. Sono state direttamente le parole del presidente James Pallotta, che si firma Jim, a dare il benvenuto al nuovo tecnico: “Siamo lieti di dare il benvenuto a Paulo Fonseca  un tecnico giovane e ambizioso, con esperienza internazionale e mentalità vincente. È conosciuto per la sua idea di calcio coraggiosa e offensiva, che potrà entusiasmare i nostri tifosi. Dalla prima volta che ci ho parlato Fonseca ha subito espresso il suo desiderio di venire alla Roma. Ha subito manifestato il suo entusiasmo nell’accettare una nuova sfida e nel voler iniziare a lavorare con i nostri calciatori per impostare una squadra di cui i tifosi possano sentirsi orgogliosi”. I tifosi romanisti, sofferenti da tempo, se lo augurano con tutto il cuore. Continue reading…

UEFA

Le bombe di mercato di Ventonuovo/ Valzer delle panchine: a Torino impazza il “Guardiolagate” ma si continua a parlare di Sarri alla Juve. Fonseca per la Roma? Intanto l’Uefa condiziona il domino e perde la faccia sul Milan che blocca Giampaolo

di Fabio Camillacci

L’imponente valzer delle panchine, tra Italia e resto d’Europa, procede a rilento. Come tempistica di eventi siamo andati ben oltre ogni più rosea aspettativa. Qualche tassello, minimo, è andato a posto; per il completamento del domino, però, bisognerà aspettare ancora. Si mormora che tutto dipenda dalle scelte che farà l’Uefa in tema di “financial fair-play”. Ovvero, se la Federazione europea dovesse punire il Manchester City per violazione del fair-play finanziario, escludendo i Citizens dello sceicco dalla prossima Champions League, Pep Guardiola potrebbe andarsene per accasarsi alla Juventus, come scrivemmo una settimana fa. Intanto, la Vecchia Signora tiene a bagnomaria Maurizio Sarri: autentico piano B dei bianconeri. Ipotesi domino: Guardiola alla Juve, Pochettino al City, Allegri al Chelsea, Sarri alla Roma. Con il Tottenham vicecampione d’Europa costretto a cercare un sostituto di Pochettino. Ma è soltato un’ipotesi, forse fantacalcio; anche se in questi mesi di voci continue e incontrollate può starci tutto. Nel frattempo, il “Guardiolagate” prosegue: c’è chi giura di aver visto l’ex Barça a Torino. Continue reading…

guardiola

Le bombe di mercato di Ventonuovo/ Valzer delle panchine: la Juventus prenota Sarri ma continua a cullare il sogno Guardiola. Ecco tutti gli indizi che portano a Pep in bianconero

di Fabio Camillacci

Il domino di un maestoso valzer delle panchine è soltanto all’inizio, intanto una pedina, come previsto e annunciato da tempo, va al suo posto. L’Inter dopo aver ufficializzato l’esonero di Luciano Spalletti, ufficializza anche l’ingaggio di Antonio Conte. Uno juventino di ferro sulla panchina della squadra più odiata dai tifosi bianconeri. Contratto triennale per il tecnico del Chelsea che percepirà la cifra record (per un mister in Italia) di 9 milioni di euro netti all’anno. Però, con i bonus l’allenatore salentino salirà a 12 milioni netti a stagione. Conte avrà al suo fianco i collaboratori più fidati: suo fratello Gianluca come vice, gli assistenti Stellini e Vanoli, i preparatori Tous e Coratti e il preparatore dei portieri Bonaiuti. Ma dopo gli impegni di giugno dell’Italia di Roberto Mancini per le qualificazioni agli Europei 2020, il tecnico nato a Lecce 50 anni fa, potrà contare anche sul suo amico Lele Oriali nelle vesti di club manager.

Continue reading…

asromacalcio5

AS ROMA CALCIO A 5, TUTTO PRONTO PER IL “ROMA DAY”: PICCOLI CALCIATORI CRESCONO

“Tanta voglia di scoprire i campioni del futuro. Nella Capitale è tutto pronto per l’attesissimo “Roma Day”, l’iniziativa organizzata dalla As Roma Calcio a 5 e dal Direttore Sportivo Di Vittorio per il prossimo venerdì 7 giugno, a partire dalle ore 17 presso il circolo sportivo “Marco Magnani” di via Gregoraci 104, a Roma. Si tratta dell’apertura ufficiale delle iscrizioni per la stagione 2019/2020 della scuola calcio dell’As Roma Calcio a 5 ed è destinato a tutti i bambini e a tutte e bambine, nati dal 2005 al 2015. Una giornata imperdibile di sport, che verrà arricchita da numerose sorprese: per i primi cento iscritti infatti, la società giallorossa darà in regalo una maglia Nike As Roma Calcio a 5 (special edition) e gli scarpini della Nike: la promozione è valida solamente per coloro che effettueranno l’iscrizione il 7 giugno, giorno del Roma Day. Saranno presenti l’allenatore della As Roma Calcio a 8 ed ex gloria giallorossa, Fabio Petruzzi, e il presidente della As Roma Calcio a 8, Michel Emi Maritato, già candidato sindaco al Comune di Roma”.

serie b 3

Il tackle di Ventonuovo/ La Serie B di calcio e la giustizia sportiva perdono la faccia: nuovo clamoroso ribaltone nel torneo cadetto. Niente C per il Palermo e via libera al playout salvezza Salernitana-Venezia. Retrocede il Foggia

di Fabio Camillacci

Ormai non ci sono più parole per commentare quello che da più di un anno succede nella Serie B del calcio italiano. Una vergogna senza fine. La Lega di B, le altre istituzioni calcistiche e la giustizia sportiva hanno perso letteralmente la faccia. Anarchia totale. Dal caos ripescaggi del campionato scorso, al miserabile finale di questa stagione. In attesa dell’ultimo atto dei playoff tra Verona e Cittadella per decidere la terza squadra promossa in A con Brescia e Lecce, nuovo clamoroso ribaltone. Niente Serie C per il Palermo e i playout si faranno. Una farsa continua. Dunque, la Corte d’Appello federale riporta i rosanero in B smentendo parzialmente la decisione presa in primo grado dal Tribunale federale. Venti punti di penalizzazione, infatti, significano l’esclusione dai playoff (come detto ormai giunti alla finale), ma, non la retrocessione in Lega Pro. Continue reading…

roma

Pane e Pallone/ Va in archivio un mediocre campionato: Atalanta a parte, ridono poche squadre. Rebus allenatore per la disastrosa Roma americana che uccide il “romanismo”. Al Milan invece Gazidis azzera il “milanismo”

di Fabio Camillacci

Va in archivio un campionato piatto e livellato verso il basso. Un campionato che non ha mai vissuto una vera e propria lotta scudetto, visto che la Juventus di fatto ha chiuso ogni discorso già il 29 settembre scorso battendo 3-1 il Napoli all’Allianz Stadium. Un campionato in cui tutte le cosiddette “big”, bianconeri e partenopei compresi, hanno fatto meno punti dell’anno scorso: un aspetto che ha favorito la pur splendida Atalanta. Non a caso la bella Dea di Gasperini ha chiuso al terzo posto a 69 punti rispetto ai 77 con cui la Roma l’anno precedente si era presa il gradino più basso del podio. Quota Champions più bassa anche per il quarto posto: a 69 punti infatti ha chiuso l’Inter (in svantaggio negli scontri diretti con i bergamaschi) che un anno fa centrò la quarta piazza a discapito della Lazio con 72 punti. Questo vuol dire che le “grandi” hanno pareggiato e perso di più contro le compagini di centroclassifica e le altre “piccole”. Infatti, rispetto alla Serie A 2017-2018, la quota salvezza si è alzata: l’Empoli è retrocesso nonostante i 38 punti, mentre il Crotone l’anno scorso tornò in B da terzultimo con 35 punti. Lotta tricolore a parte, però, in questa stagione c’è stata incertezza ed equilibrio fino all’ultimo respiro. E l’ultima giornata thrilling sta lì a testimoniarlo. Continue reading…