Scienza e Medicina

cannabis

Medici Spacciatori, Prof. Calapai a Radio Cusano Campus: “I medici possono prescrivere la cannabis già da tempo. In Italia un farmaco è autorizzato da anni contro il dolore da Sclerosi Multipla”

Prof. Gioacchino Calapai, Farmacologo Università di Messina, Membro Commissione Europea Medicinali Vegetali Agenzia Europea del Farmaco, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Genetica oggi”, condotta da Andrea Lupoli su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano. Continue reading…

precision-nutrition-pain-FMS2-1024x1024

Fibromialgia, Emilia Romagna prima Regione a fare luce sulla “malattia invisibile”

Istituito dalla Regione Emilia Romagna un Gruppo tecnico di lavoro sulla fibromialgia:si tratta della prima Determina regionale in Italia su questa complessa patologia. La fibromialgia colpisce il 2-4% della popolazione generale; in Italia si stimano circa 900.000 fibromialgici, pazienti cosiddetti ‘invisibili’.Il Gruppo tecnico di lavoro riunisce AMRER – Associazione Malati Reumatici Emilia Romagna ed esperti delle tre Aree Vaste emiliano-romagnole per fornire risposte concrete ai bisogni dei pazienti e dei loro caregiver. Continue reading…

14072016132758

Ricerca e innovazione in Medicina: continua la IX edizione del Premio giornalistico “Riccardo Tomassetti”

I giovani giornalisti che al 1° gennaio 2016 non abbiano compiuto 35 anni hanno tempo fino al 30 ottobre 2016 per inoltrare le candidature alla IX edizione del Premio giornalistico e al Premio speciale “Nuove prospettive in Virologia”.I due Premi, rispettivamente del valore di 2.000 euro e di 1.000 euro,sono destinati ai migliori servizi giornalistici su ricerca e innovazione in campo medico-sanitario.

C’è tempo fino al 30 ottobre per inoltrare la propria candidatura a partecipare alla IX edizione del Premio giornalistico “Riccardo Tomassetti”, Continue reading…

26754759-Altissima-risoluzione-rendering-3d-che-rappresenta-la-connessione-tra-i-neuroni--Archivio-Fotografico

Resveratrolo, molecola naturale che rigenera i neuroni in sindrome di Down

Questo polifenolo, presente in un’ampia varietà di piante e frutti, ripristina il processo di neurogenesi riattivando le funzioni mitocondriali in un modello cellulare di trisomia 21. Una speranza dalla nutraceutica per il miglioramento del deficit cognitivo che caratterizza questa patologia. A rivelarlo uno studio dell’Ibbe-Cnr, pubblicato sulla rivista Biochimica et Biophysica Acta-Molecular Basis of Disease.

La disabilità intellettiva è tra le conseguenze più evidenti dell’alterazione cromosomica che caratterizza i soggetti con sindrome di Down. La presenza di una terza copia del cromosoma 21 riduce, in particolare, la capacità di generare nuove cellule nervose nell’area del cervello denominata ippocampo. Continue reading…

cerebro1--644x362

Elettroshock: il racconto di chi l’ha subito

di Colin Taufer, educatore di professione, scrittore e avvocato permanente per i diritti umani.

Nel mio ultimo articolo ho paragonato i danni cerebrali causati dalla TEC (terapia elettroconvulsivante – il nuovo nome dell’elettroshock, dal suono più dolce) e la brutale collisione “casco contro casco” del football americano: pazienti e giocatori si ritrovavano con gli stessi sintomi a breve e a lungo termine, come la perdita di memoria, confusione e demenza progressiva. Sfortunatamente, nel caso dei pazienti che avevano ricevuto elettroshock, questi sintomi negativi sono visti come “cure” di ciò che li affligge. Stordiscono la capacità di ragionamento del paziente e la sua forza vitale emotiva con abbastanza scariche elettriche, finché il motivo della loro tristezza o frustrazione non possa più essere sentito, contemplato o ponderato. L’effetto collaterale di questa “cura” è che la vita stessa non è più sentita, contemplata o ponderata. Ho ricevuto tante risposte interessanti su quest’articolo. Uno di loro mi ha esposto una prospettiva unica sulla shock terapia. Continue reading…

spermatozoi-2

TUMORI: “LA FERTILITÀ È PRESERVATA SOLO NEL 10% DEI PAZIENTI UNDER 40 LA RETE DEI CENTRI PER GARANTIRE L’ACCESSO ALLE TECNICHE MIGLIORI”

Presentate le Raccomandazioni sull’Oncofertilità firmate da oncologi, endocrinologi e ginecologi.In Italia il cancro colpisce 8.000 giovani cittadini all’anno. In ogni Regione deve essere istituita una struttura di riferimento. La consulenza specialistica va eseguita entro 48 ore dalla diagnosi.

Meno del 10% delle donne che hanno avuto una diagnosi di tumore accede a una delle tecniche di preservazione della fertilità. Il numero è leggermente superiore fra gli uomini, ma ancora troppo basso. Nel nostro Paese vi sono 319 Oncologie e sono 178 i centri di Procreazione Medicalmente Assistita che applicano non solo la fecondazione in vitro ma anche la crioconservazione (cioè il congelamento e la conservazione a temperature bassissime) dei gameti. Continue reading…

melagrana_melograno

Scoperto l’elisir di lunga vita nel Melograno

A cura di Giovanni D’AGATA

Secondo uno studio del Politecnico di Losanna il frutto ha proprietà taumaturgiche finora insospettabili.

 

I ricercatori del Politecnico federale di Losanna (EPFL) hanno scoperto che una molecola del melograno, trasformata dall’intestino, permette di lottare efficacemente contro la senescenza muscolare. I risultati sono definiti “spettacolari”. Continue reading…

lievito_680 (1)

IL DESTINO DELLA CELLULA ANALIZZATO AL COMPUTER

Una ricerca condotta con la collaborazione dell’Istituto di analisi dei sistemi ed informatica del Consiglio nazionale delle ricerche propone un modello dinamico e predittivo di cellule di lievito che fornisce per la prima volta una visione a tutto tondo dei differenti eventi molecolari alla base del destino cellulare: dinamica che contraddistingue cellule sane, ma anche tumorali. Un primo passo verso lo sviluppo di attività applicative su modelli cellulari umani. Lo studio è stato pubblicato su Nature Communications.

Un nuovo modello matematico descrive e predice la dinamica degli eventi molecolari che regolano il destino cellulare. La ricerca condotta dall’Istituto di analisi dei sistemi ed informatica Antonio Ruberti del Consiglio nazionale delle ricerche (Iasi-Cnr) di Roma, in collaborazione con le Università dell’Aquila e di Milano Bicocca, quest’ultima consorziata con lo Iasi-Cnr nell’Infrastruttura di ricerca Sysbio.it, chiarisce come e quando una cellula passa da uno stato di quiescenza ad un’attiva proliferazione. Continue reading…

PROTESI

Protesi mammarie e cancro: identificati 29 casi di linfoma

A cura di Giovanni D’AGATA

Il National Cancer Institute (INCA) conferma collegamento tra protesi mammarie e rara forma di cancro.

L’Agenzia Nazionale per la Sicurezza dei Medicinali e dei Prodotti Sanitari (ANSM, Francia) ha confermato che sono stati identificati tra le donne che portano delle protesi al seno tra il 2011 e il giugno 2016, ventinove casi di una rara forma di cancro, il linfoma anaplastico a grandi cellule (ALCL). Un gruppo di esperti istituito dal National Cancer Institute (INCA) ha concluso che esiste un chiaro legame tra l’insorgenza di linfoma e l’uso di una protesi mammaria.

Continue reading…

psicofarmaci

Nuovo studio conferma l’inefficacia degli antidepressivi per bambini ma non cita i rischi documentati

Di Kelly Patricia O’Meara (Reporter investigativo)

Nuovo studio trova antidepressivi inefficaci nel trattamento di bambini e adolescenti, ma non menziona 134 avvertimenti delle agenzie di farmacovigilanza provenienti da undici paesi, che confermano gravi rischi nella prescrizione di antidepressivi a bambini.

 

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista medica Lancet – l’ennesimo di una lunga serie di ricerche – conclude che gli antidepressivi sono inefficaci nel “trattare” bambini e adolescenti.

Secondo Andrea Ciprianai, professore associato di Psichiatria presso l’Università di Oxford, e autore principale dello studio, “un solo farmaco tra tutti gli antidepressivi è statisticamente migliore rispetto al placebo.” Uno è solo “statisticamente migliore “di una pillola di zucchero?  (Maggiori informazioni sul “un” antidepressivo più avanti …) [1] Continue reading…

BIMBA 1

NESSUNA MALATTIA E’ POI COSI’ RARA TANTO DA NON ESSERE CONSIDERATA

A cura di Emanuela Maria MARITATO

LA SINDROME DI TRACHER COLLINS

La sindrome di Treacher-Collins è una malattia congenita dello sviluppo craniofacciale caratterizzata da displasia otomandibolare bilaterale e simmetrica, senza anomalie degli arti, associata a diverse anomalie della testa e del collo.

 

L’incidenza annuale è stimata in 1/50.000 nati vivi.
Continue reading…

JustMagazine_veronesi

UMBERTO VERONESI A RADIO CUSANO CAMPUS: TRA UNA CANNA E UNA SIGARETTA MEGLIO UNA CANNA. EUTANASIA E’ UN DIRITTO, NON DOBBIAMO ESSERE COSTRETTI A BUTTARCI DALLA FINESTRA. NON STIAMO VINCENDO LOTTA CONTRO IL CANCRO

Il Prof. Umberto Veronesi, oncologo di fama internazionale, è stato intervistato da Andrea Lupoli nel corso del format “Genetica oggi” su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Si è persa la figura del mentore in medicina. “Non è più come una volta. Il grande Educatore, con la m maiuscola, è scomparso. Oggi molto è affidato alla consapevolezza personale del medico. L’uso delle macchine è inevitabile, la tecnologia moderna ha fatto fare un balzo in avanti incredibile alla medicina. Questo in qualche modo facilita il rapporto tra medico e paziente, perché le macchine permettono una diagnosi più rapida. Inoltre c’è più tempo per il medico per dialogare con il paziente, che deve essere ascoltato. Non è giusto curare la malattia senza curare il malato, non è giusto occuparsi di un organo senza sapere a chi appartiene quell’organo. Per questo nel mio ultimo libro ho lanciato la medicina della persona, cioè davanti a noi medici compare un’altra persona che ha bisogno di noi. Di questa persona noi dobbiamo sapere tutto, chi è cosa fa, come vive, la sua filosofia, le sue aspettative, le sue frustrazioni, ecc…”. Continue reading…

TUMORE-PROSTATA-COP-300x225

Tumore alla prostata: i primi dati dello studio Pros-it

Esposti durante l’Investigators Meeting del progetto, coordinato dall’Istituto di neuroscienze del Cnr e realizzato con il grant incondizionato di Takeda Italia, i risultati finora raccolti. Il progetto mira a individuare gli aspetti sui quali lavorare per perfezionare le cure e garantire una migliore qualità di vita ai pazienti colpiti da questa forma di cancro, che interessa un quinto della popolazione maschile.

 

Il tumore della prostata è tra i più diffusi nella popolazione maschile (20%) e conta circa 36.000 nuovi casi l’anno in Italia. Per monitorarlo in chiave epidemiologica, la sezione Invecchiamento dell’Istituto di neuroscienze del Consiglio nazionale delle ricerche (In-Cnr) di Padova ha promosso lo studio ‘Pros-It’ (Prostata Italia), con il grant incondizionato di Takeda Italia. Il progetto, della durata di tre anni (da settembre 2014 a settembre 2017), vuole fotografare la situazione nel nostro Paese, attraverso il coinvolgimento di 97 centri specialistici (51 di Urologia, 39 di Radioterapia, 7 di Oncologia) su tutto il territorio nazionale e l’arruolamento di pazienti che hanno avuto diagnosi di questa forma di cancro. Per fare il punto sui risultati raggiunti e discutere delle prospettive future, si è svolto a Roma presso la sede centrale del Cnr un ‘Investigators Meeting‘. Continue reading…