Roma

generica-104527.660x368

CASTELROMANO, ROCCA (FDI): CHIUDERE IL CAMPO PER SEMPRE, SPOSTARE IL PROBLEMA NON E’ LA SOLUZIONE.

Bisogna evitare di ripetere gli errori del passato, ossia, sgomberare i campi spostando il problema da una zona all’altra e la soluzione indicata dalla Regione Lazio rischia di andare proprio in questa direzione. E’ altrettanto vero e palese che non vi è traccia del piano rom presentato dal M5S capitolino. Pochissime famiglie sono state spostate dai campi o hanno preso il contributo per tornare in patria ma nessun campo è stato chiuso, mentre il numero di rom in città continua ad essere approssimativo, poiché il censimento è stato fatto solo nei campi regolari o tollerati ma tutti sappiamo che nella nostra città non ci sono circa 5000 rom ma oltre 15000 se consideriamo tutti gli insediamenti abusivi.

Dichiara Federico Rocca responsabile regionale di Fratelli d’Italia del Dipartimento Sicurezza e Legalità.

Recentemente il campo rom di Castel Romano è tornato alla ribalta delle cronache grazie ad un servizio delle Iene ma nulla di nuovo, i roghi tossici e l’incendio delle baracche ci sono da sempre, così come i cumuli di rifiuti, le carcasse delle auto rubate, per non parlare del lancio degli oggetti contro i veicoli sulla Pontina, quindi, alle autorità competenti di ogni ordine e grado non servivano le Iene per sapere cosa accade in quel campo.

Leggo che la Regione Lazio avrebbe intimato a Roma Capitale di chiudere il campo in 7 giorni. Una follia, una balla, perché nessuno riuscirà a chiudere quel campo in 7 giorni – prosegue Rocca – al massimo ci sarà una grande opera di bonifica, l’ennesima a spese dei contribuenti e il campo rimarrà lì fino a quanto qualcuno non avrà il coraggio di approvare una norma che vieti l’esistenza dei campi rom.

Continuo a ribadire da anni che la soluzione è una sola, la chiusura definitiva di tutti i campi e il divieto di crearne di nuovi, permettendo la sola sosta temporanea di chi vuole transitare per Roma mentre i rom, sinti e caminanti che vogliono rimanere nella Capitale e in Italia, devono seguire il percorso per la residenzialità nel rispetto delle normative nazionali ed europee vigenti.

Chi avrà il coraggio di farlo? Nel 2015 presentammo una proposta di delibera d’iniziativa popolare che andava in questa direzione – conclude Rocca – ma nel 2017 M5S e PD bocciarono la nostra proposta, pertanto oggi le lacrime di coccodrillo di questi partiti sono ridicole e offensive per i tutti i cittadini romani che continuano a subire la presenza dei campi rom nei loro quartieri con tutti i problemi ben noti che comportano.

generica-104527.660x368

CAMPO ROM DI CASTEL ROMANO. ULTIMATUM DELLA REGIONE ALLA RAGGI: SGOMBERO O BONIFICA?

Scade oggi l’ultimatum della Regione nei confronti del Comune di Roma che deve necessariamente sgomberare il campo rom di Castel Romano, o in alternativa bonificarlo, a causa dell’invivibilità della zona scaturita dalla gravissima situazione di emergenza ambientale e sanitaria, non compatibile con la permanenza nell’area dello stesso campo, dove vivono circa 550 persone (di cui la metà sarebbero minorenni). Nota come maxi baraccopoli (la più grande d’Europa), lungo la via Pontina, si trova all’interno del perimetro della riserva naturale di Decima Malafede.

La Regione Lazio, in coordinamento con la Prefettura e l’intervento della Asl, chiede alla sindaca Raggi di intervenire tempestivamente.

Così l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato annuncia quello che di fatto prenderebbe la forma di un commissariamento, durante l’incontro con i comitati dei cittadini di Roma insieme alle Asl competenti, e che arriverebbe dopo una serie di richieste nei mesi scorsi della Regione alla sindaca Virginia Raggi rimaste senza risposta.

Ciò che andrebbe a delinearsi porterebbe ad uno scontro istituzionale senza precedenti tra Zingaretti e la Raggi, le cui forze politiche di appartenenza sono, tra l’altro, alleate; a questo andrebbero inoltre ad aggiungersi le parole dell’opposizione, che non tardano a farsi sentire sulla questione, con Roberta Angelilli di Fratelli d’Italia che annuncia un esposto in procura al fine di far verificare se siano stati commessi reati per quanto riguarda il mancato intervento del Comune di Roma in una situazione di emergenza sanitaria e ambientale sotto gli occhi di tutti e dopo numerose segnalazioni dei residenti negli ultimi anni.

Proprio nell’incontro di ieri tra i comitati dei cittadini di Roma e Pomezia per l’emergenza ambientale del campo di Castel Romano e una rappresentanza della Regione guidata dall’assessore alla Sanità Alessio D’Amato, assieme ai vertici delle Asl Rm2 e 6, sono stati ribaditi i contenuti della denuncia, annoverando che dal 2017 a Castel Romano si consumano gravissimi reati ambientali, roghi tossici continui, sversamento di rifiuti speciali e pericolosi in una gigantesca discarica abusiva, nell’ambito di una riserva naturale.

D’Amato ha anche illustrato i contenuti di una lettera che la Regione ha inoltrato la scorsa settimana alla sindaca Raggi, l’ultima di una lunga serie, con cui è stato chiesto lo sgombero o in alternativa la bonifica dell’area entro e non oltre il 2 luglio.

La Regione, fa sapere l’assessore alla Sanità, potrebbe avvalersi dei poteri di surroga ed agire direttamente coordinando le procedure con la Prefettura, qualora il comune non lo attuasse.

Nel frattempo i roghi abusivi all’interno della discarica non si fermano: le fiamme sarebbero partite sempre da cumuli di rifiuti accatastati vicino alle baracche del campo con il fumo che lambisce sino al territorio dei Castelli Romani.

Alcune testimonianze di cittadini residenti nelle zone limitrofi, riportano che la riserva naturale di Decima Malafede sia teatro di una vera e propria apocalisse urbana, tra roghi di vetture rubate, topi e rifiuti pericolosi ovunque. Una delle tesi più accreditate sarebbe quella per cui vengano bruciate soprattutto le auto affinchè spariscano le loro impronte digitali,  mentre all’interno delle vetture sparisce tutto. In questo modo sarebbe difficile risalire ad eventuali tracce per verificare la provenienza delle stesse auto, palesando di fatto il commercio illecito che all’interno del campo si è andato a sviluppare, tramite i pezzi di automobili rubate.

adriano-palozzi10

COMUNE, PALOZZI (CAMBIAMO): “ROMA CAPITALE DEI DISSERVIZI. GRAZIE RAGGI”

“Nell’epoca della sindaca Raggi Roma rischia di diventare ogni giorno di più la capitale dei disservizi.                              È quanto mai lampante infatti il report annuale su “La gestione e il trattamento dei reclami, delle segnalazioni e dei suggerimenti di Roma Capitale”, che indirettamente fotografa la difficile situazione in cui versa l’Urbe Eterna in termini di decoro, sicurezza urbana e infrastrutture pubbliche. Come riporta la stampa, d’altronde, il documento parla di circa 80mila segnalazioni di disservizi e oltre 14mila reclami nel 2019 da parte dei cittadini romani, numeri in crescita rispetto all’anno precedente. Numeri, che sinceramente non ci stupiscono visti e considerati l’aleatorietà e l’immobilismo istituzionale, dimostrati in questi quattro anni dal Campidoglio grillino che ha impietosamente mancato di rilanciare settori chiave della macchina amministrativa come la mobilità, il verde urbano, il decoro e le strade”.

Così, in una nota, il consigliere regionale del Lazio ed esponente nazionale di Cambiamo, Adriano Palozzi.

GABRIELLACARAMANICA-1

ROMA, CARAMANICA (RA): “RIVOLUZIONE ANIMALISTA SI DISSOCIA DA STRUMENTALIZZAZIONE PAE”

“Reputiamo scandaloso e irrispettoso quanto sta accadendo oggi in piazza Monte Citorio, dove è programmata la manifestazione del Pae per chiedere l’inasprimento delle pene e la certezza del carcere per chi commette delitti sugli animali. Un tema delicato e attuale che il Partito Animalista Europeo alla resa dei conti starebbe sfruttando per il proprio tornaconto politico. Continue reading…

benvenuti

TIBERIS: BENVENUTI (ECOITALIASOLIDALE) VERSO IL TERZO“FLOP” DEL LIDO DI PONTE MARCONI, I LAVORI SONO INIZIATI

Probabilmente quest’anno neanche si svolgerà la festa di San Pietro e Paolo con la tradizionale girandola pirotecnica a causa del Coronavirus nell’area di ponte Marconi, però sono già stati avviati i lavori per l’allestimento della terza edizione del Tiber, con l’inaugurazione prevista per il prossimo 20 luglio.
Intanto il Comune sta cercando sponsor per l’allestimento che di fatto è analogo a quello delle precedenti edizioni, unica novità la  realizzazione di una piccola area dedicata ai cani.

Continue reading…

POLIZIA

Roma. Controlli a tappeto all’Esquilino e al noto “ballatoio” della Polizia di Stato con la collaborazione del personale dell’A.S.L. RM.

***LINK VIDEO***

www.poliziadistato.it/pressarea/Share/link/0a45d070-b78f-11ea-90bc-736d736f6674

Gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Esquilino, diretto da Stefania D’Andrea unitamente al personale del Reparto Prevenzione Crimine Lazio, della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura e con la collaborazione degli Operatori dell’A.S.L. hanno effettuato servizi straordinari di controllo del territorio nel quartiere dell’Esquilino ed in particolare al c.d. “ballatoio” di via Giolitti. Continue reading…

mussolini

CORONAVIRUS. R.MUSSOLINI (CON GIORGIA): CONTAGIO SU TPL E’ PERICOLO CONCRETO. PRESENTATA MOZIONE PER ADEGUARE IMPIANTI REFRIGERAZIONE

 “Quattro anni di governo Raggi hanno messo in ginocchio la Capitale e ridotto i servizi pubblici un colabrodo. A nulla sono valsi i tentativi fatti dalla sottoscritta che a più riprese ha segnalato le infinite criticità presenti e offerto il proprio contributo per risolverle: quella a cinque stelle è un’ amministrazione che continua a navigare a vista e a crogiolarsi nella propria inconcludenza. Continue reading…

IMG-20200623-WA0008

ATAC, PALOZZI (CAMBIAMO): “DUBBI SU SANIFICAZIONE MEZZI”

“Siamo davvero allarmati per quanto starebbe accadendo in merito alle condizioni igienico-sanitarie di alcuni mezzi della flotta Atac. Ricordiamo che la municipalizzata capitolina, allo scopo di prevenire la diffusione del Coronavirus Covid-19 e in linea con le indicazioni pervenute dagli Enti ed Autorità competenti, durante l’emergenza Coronavirus ha deciso di avviare un piano di sanificazione straordinaria quotidiana, integrativo rispetto a quanto già avviene abitualmente, di tutti i mezzi del trasporto pubblico, bus inclusi. Continue reading…

1580900154232.jpg--societa_di_siena_nasconde_al_fisco_130mila_euro__scoperta_dalla_guardia_di_finanza

ROMA: CONFISCATI IN VIA DEFINITIVA I BENI DI ESPONENTI DEL CLAN DEI CASALESI “GRUPPO IOVINE” E DELLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA DI ACILIA

Operazione GAME OVER” 

Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma hanno eseguito il decreto di confisca emesso dalla Corte di Appello capitolina nei confronti di 5 appartenenti al “Clan dei Casalesi Gruppo IOVINE” nonché al contiguo e autonomo “Gruppo GUARNERA” di Acilia, avente ad oggetto beni per un valore complessivo di oltre 22 milioni di euro. Continue reading…

fdi

ESTATE ROMANA, MARIANI-ROCCA (FDI): IL M5S UCCIDE UN ALTRO SIMBOLO DELLA CITTA’

“L’Estate Romana ha rappresentato per anni un punto di riferimento per romani e turisti, un evento che ha fatto storia e da riferimento in Italia e in Europa sin dalla sua nascita. Dovevano arrivare i 5 Stelle, i nuovi barbari del terzo millennio, per uccidere una creazione geniale del 1977 e che ogni amministrazione succedutasi ha cercato di migliorare ed arricchire, mai nessuno si sarebbe sognato di cancellarla”. Continue reading…

muss

VIA BONN: R. MUSSOLINI (CON GIORGIA)-F.ROCCA (FDI). STRADA ANCORA CHIUSA, TRA DIPARTIMENTO E MUNICIPIO SOLO IDEE CONFUSE

Roma, 18 giugno 2020 – «Come avevamo già previsto un anno fa i tempi per la riapertura del tratto di Via Bonn, chiuso dal 2017, si allungano purtroppo notevolmente. L’amministrazione è, infatti, passata da una fase di indifferenza nei confronti del problema ad una fase confusa e rallentata Continue reading…

On. Luisa Regimenti__Eurodeputata Lega

Sanità. Regimenti (Lega): “Lazio caos, visite specialistiche sospese e liste di attesa infinite”

“Ora che la pandemia da Covid-19 ha rallentato, liberando le terapie intensive, la nuova emergenza riguarda tutte le visite specialistiche e ambulatoriali che proprio a causa del virus sono state sospese”. Lo afferma l’eurodeputata della Lega e responsabile Sanità per il partito nel Lazio, Luisa Regimenti, che aggiunge: “Nel Lazio manca una strategia operativa e l’amministrazione regionale latita. Continue reading…

campidoglio

Campidoglio, completati lavori tratto Galleria Giovanni XXIII danneggiato dopo incendio. Riapre al traffico canna nord tra Fani-Trionfale

Roma,15 giugno 2020 – Completati gli interventi di riparazione alla Galleria Giovanni XXIII nella canna nord in direzione Pineta Sacchetti/Gemelli dopo l’incendio avvenuto lo scorso 13 maggio nel tratto tra l’uscita di via Mario Fani e via Trionfale. Da domani, martedì 16 giugno, a partire dalle ore 10 sarà possibile percorrere la galleria anche nella parte interessata dalla chiusura. Il Dipartimento Lavori Pubblici ha coordinato le lavorazioni per il ripristino del tratto danneggiato e della consueta viabilità.
Continue reading…