News

o-ZINGARETTI-facebook

ASSOTUTELA: “PUNTI DI PRIMO INTERVENTO PEGGIO DELLE CASE DELLA SALUTE”

“Sul flop delle Case della Salute siamo intervenuti da tempo, ripetutamente. Sui cosiddetti punti di primo intervento (Ppi), altra artificiosa creatura voluta da Zingaretti, tutti tacciono ma non lo faremo certo noi. Presso queste strutture, che dovevano essere pronto soccorso di primo livello, spesso non è possibile neanche ricevere un punto di sutura a una ferita. Che cosa ci stanno a fare? Questa è l’ennesima dimostrazione del fallimento della sanità territoriale proposta dalla Regione Lazio e la testimonianza che la chiusura degli ospedali con servizi di emergenza nella provincia è stata un provvedimento criminale”. Così il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato che insiste: “Vediamo, ad esempio i  Ppi di via Canova, Fiumicino, Montefiascone. Nel primo non è possibile curare un’otite, nella località balneare c’è la chiusura notturna e a Montefiascone non si può fare nemmeno un’antitetanica. Addio posti di primo soccorso, come li avevano all’inizio pomposamente chiamati, qui non si soccorre proprio nessuno, come nessuno soccorrerà Zingaretti alle prossime regionali”, chiosa Maritato.

AssoTutela

Assotutela: “L’Aula Giulio Cesare salva il fosso delle Tre Fontane”

“Lo avevamo sostenuto da tempo e ora il voto in Campidoglio lo ha confermato: lo storico fosso delle Tre Fontane, tra via di Grottaperfetta e via Ballarin esiste e va salvaguardato.  E il 21 settembre 26 consiglieri di Roma Capitale – la totalità dei presenti in Aula Giulio Cesare – lo hanno ribadito approvando una mozione presentata da Stefano Fassina e da tempo sollecitata dai cittadini e dalla campagna mediatica che AssoTutela ha promosso”. Lo dichiara il presidente dell’associazione Assotutela, Michel Emi Maritato che spiega: “Sull’area, che gode di tutti i vincoli e le tutele previste dal ‘Codice dei Beni culturali’ – decreto legislativo 42 del 2004, insistono vincoli paesaggistici e idrogeologici ma da quando quei 22 ettari sono diventati terreno di conquista del consorzio di costruttori ‘Grottaperfetta’, che racchiude i più importanti ‘edificatori’ di Roma, si è temuto per la sorte del corso d’acqua, la cui presenza è attestata da copiosa documentazione di vari enti competenti, da filmati, foto, testimonianze ma pervicacemente negata dai vari imprenditori Mezzaroma, Farina, Rebecchini, Marronaro. Su quella porzione di terreno, si vorrebbero ricavare gli standard urbanistici per completare un mostruoso quartiere di 32 palazzi ma ora l’atto dell’assemblea capitolina democraticamente eletta, mette in discussione l’acquiescenza dimostrata dalla giunta Raggi verso la più imponente edificazione prevista dentro il Gra”, chiosa il presidente.

ASSOTUTELA

VILLE STORICHE, ASSOTUTELA: “RAGGI ASCOLTI MONITO ASSOCIAZIONI”

“Oggi alcune associazioni territoriali hanno lanciato il monito contro il degrado e l’abbandono istituzionale delle ville storiche di Roma Capitale. Ambienti dall’elevato valore monumentale, sociale e ricreativo, lasciate purtroppo al proprio destino a causa della inerzia degli organismi preposti; spesso vere e proprie terre di nessuno dove si consumano illegalità e criminalità. Insomma, una denuncia importante quelle delle realtà cittadine, che non può e non deve essere sottovalutata dalle istituzioni, ivi inclusi il Comune di Roma e la sindaca Virginia Raggi che sinora hanno fatto davvero poco per la valorizzazione e la sicurezza delle ville storiche della Capitale d’Italia”. Così, in una nota, il presidente della associazione Assotutela, Michel Maritato.

nicolettapacini

MORTA NICOLINA- QUINDICENNE SPARATA DALL’EX DLLA MADRE

Di Valeria Davide

È morta questa mattina Nicolina, la quindicenne che mercoledì mattina a Foggia era stata ferita mentre si recava a scuola, da un colpo di pistola al volto sparato da Antonio De Paola, ex compagno della madre.

Il proiettile  ha raggiunto la ragazza sopra l’occhio sinistra si è fermato al cervello e le sue condizioni fin da mercoledì 20 erano apparse gravissime.

Il cuore della ragazza si era fermato più volte nella notte poi, l’ultimo respiro questa mattina, poco prima delle sette nel reparto di terapia intensiva degli Ospedali  Riuniti di Foggia.

L’uomo non si era mai rassegnato alla fine della relazione con la trentasettenne madre della ragazza e voleva riallacciare i rapporti con la madre della ragazza che lo aveva denunciato per violenza venti giorni fa dichiarando che temeva per la vita di sua figlia.

Una tragedia annunciata dunque che ha il nome di Nicolina Pacini, una giovane innocente vittima che non si è riuscita a proteggere nonostante l’affido ai nonni per la situazione di disagio in cui viveva.

A pochi metri di distanza, nell’obitorio dello stesso ospedale, si trova il corpo del presunto assassino, Antonio Di Paola, che ieri, dopo aver aggredito la ragazzina è scappato e si è suicidato con la stessa pistola.

poliiii

PORTONACCIO, ASSOTUTELA: “AD OGGI NESSUN ANNULLAMENTO MULTE PREFERENZIALE”

“Stamattina, accompagnato da uno degli avvocati dell’associazione Simone Attianese, mi sono recato al Comando dei Vigili Urbani del IV Municipio per capire se realmente il Comune di Roma stesse procedendo in autotutela per l’annullamento delle numerose sanzioni amministrative, elevate nei confronti dei poveri automobilisti transitati nei mesi scorsi lungo la preferenziale di via Portonaccio. Una vicenda paradossale che sta causando, lo ricordiamo, polemiche su polemiche. Ebbene dagli uffici municipali ci hanno confermato l’amara realtà, nonostante le recenti cronache giornalistiche ci avessero fatto sperare il contrario: nessun annullamento in autotutela delle multe. Sinceramente continuiamo a non comprendere il comportamento di Roma Capitale che si sta incaponendo, oscurando ogni margine di dialogo e buonsenso: sinora sono piovuti una marea di ricorsi, quasi ventimila. Nonostante questo, il Comune di Roma non ha letto né seguito la nostra diffida, non ha avuto né modo e né tempo a causa della carenza di personale. Alla luce di questo contesto, dunque, saremo costretti a preparare un class action contro l’amministrazione grillina. È inammissibile che il Campidoglio voglia fare ingiustamente cassa sulla pelle degli automobilisti quando è ormai acclarato che la segnaletica su via di Portonaccio era assolutamente precaria, per non dire assente.  Come peraltro testimoniato dall’amministrazione capitolina stessa nella missiva, firmata il 21 luglio scorso dalla Polizia di Roma Capitale”. Così, in una nota, il presidente di Assotutela, Michel Maritato.

 

mar lazio selezione romana

Calcio a 8, Avallone: “Polisportiva Mar Lazio punta alla promozione in Serie A”

La Selezione Romana è lieta ed onorata di ufficializzare la fusione con la Polisportiva Mar-Lazio. Il nuovo team si sta preparando con rinnovato slancio e impegno al prossimo campionato di serie A2 Lega Calcio a 8. “Siamo pronti alla nuova avventura – afferma il Mister Fabrizio Avallone – con una squadra collaudata, che gioca a memoria e che punta a fare bene. Molto bene”. Non si nasconde il selezionatore 27enne, pupillo della Totti Soccer School: “Siamo un gruppo affiatato, giochiamo insieme da sei anni, siamo tutti giovani tra i 25 e i 26 anni e non è un segreto che puntiamo ad una promozione in Serie A, sfiorata già l’anno scorso e sfuggitaci per un soffio”. La Polisportiva Mar Lazio dunque ha fame di vittorie, sete di rivincite, nella consapevolezza di essere una società sana e solida: “Assolutamente sì – conferma mister Avallone -.  Anzì, io, staff e i giocatori ringraziamo il presidente della polisportiva, Michel Maritato, per aver sposato senza alcun dubbio e con immediata passione il progetto del calcioa8”.

comune-roma-blocco-traffico-fascia-verde

Sicurezza: Prosegue forte sinergia tra Prefettura, Campidoglio e Regione

Potenziamento dell’illuminazione pubblica, integrazione dei sistemi di videosorveglianza, implementazione delle apposite applicazioni per i dispositivi mobili e promozione di percorsi formativi mirati nelle scuole. Sono i vettori individuati oggi, nel corso del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, per contrastare la violenza e in particolare quella sulle donne.

All’incontro erano presenti il Prefetto Paola Basilone, la sindaca di Roma Capitale Virginia Raggi, l’assessora regionale al Lavoro, Pari Opportunità e Personale Lucia Valente, l’assessora capitolina a Roma Semplice Flavia Marzano, il Questore Guido Marino, il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Roma Antonio De Vita, il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza di RomaPaolo Compagnone, il segretario generale della Regione Lazio Andrea Tardiola, il delegato alla sicurezza della sindaca di Roma Capitale Marco Cardilli, il comandante della Polizia Municipale di Roma Capitale Diego Porta, il vicepresidente di Federalberghi Roma, Walter Pecoraro.

Nell’occasione, Prefettura, Roma Capitale e Regione Lazio hanno condiviso piena unità di intenti e sviluppato una strategia comune. E’ stata, quindi, effettuata una ricognizione di tutti gli strumenti già a disposizione in modo da metterli a sistema con l’obiettivo di rafforzare la percezione della sicurezza da parte dei cittadini.

Verrà potenziato il controllo all’interno dei parchi e delle aree verdi attraverso un più frequente ricorso alle pattuglie a cavallo nelle ore diurne. Verrà, inoltre, richiesto l’apporto aggiuntivo di unità del Reparto Prevenzione Crimine.

Sarà assicurata una più efficace integrazione tra i vari sistemi di videosorveglianza esistenti, sia pubblici che privati, prevedendo altresì il potenziamento del sistema.

L’amministrazione capitolina, tramite il Piano Led, già garantisce un aumento dell’illuminazione. Il Piano verrà potenziato e calibrato a beneficio di parchi urbani e aree periferiche.

Un altro utile strumento a disposizione è costituito dalsistema di app per dispositivi mobili ‘Where are you’, sviluppato dalla Regione che, mediante un meccanismo di geolocalizzazione, consente di mettere in contatto, tramite chiamata silenziosa, le persone in difficoltà con la centrale unica di risposta del 112. E’ stato stabilito di porre in essere un’apposita campagna di comunicazione, anche con la collaborazione di Federalberghi Roma, per diffondere in modo più capillare la conoscenza di questa preziosa risorsa.

Ulteriore campo di intervento congiunto è la scuola, contesto nel quale saranno sviluppati percorsi formativi mirati che contribuiscano ad affermare la cultura della legalità aiutando a promuovere un sentimento collettivo di contrasto a qualsiasi forma di violenza.

La seduta di oggi del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica ha confermato l’esistenza di un elevato livello di collaborazione interistituzionale tale da garantire, grazie alla puntuale cooperazione assicurata da tutti i soggetti coinvolti, un modello operativo efficiente e funzionale per la città.

NIGUARDA PRESENTAZIONE ATTIVITA_ PRELIEVO E TRAPIANTOD_ ORGANO E

LEO Pharma annuncia che più della metà dei pazienti in trattamento con brodalumab mantiene livelli costanti di cute libera da lesioni per oltre due anni

LEO Pharma ha annunciato oggi i nuovi dati degli studi clinici di Fase III che ampliano la base di evidenze sull’efficacia, la sicurezza e i benefici sulla qualità di vita dei pazienti in cura con brodalumab, farmaco biologico per chi soffre di psoriasi a placche da moderata a grave. I risultati della fase di estensione di uno studio a lungo termine hanno rilevato che brodalumab ha mantenuto livelli elevati e costanti di cute libera da lesioni (PASI 100) in pazienti con malattia da moderata a grave. Un’ulteriore analisi aggregata dei trial clinici di fase III AMAGINE ha mostrato che i pazienti in trattamento con brodalumab hanno ottenuto significativi miglioramenti della qualità di vita rispetto ai pazienti trattati con placebo. I dati sono stati presentati al 26o Congresso della European Academy of Dermatology (EADV) in corso a Ginevra, Svizzera.

“I pazienti con psoriasi moderata-grave, che in Italia sono circa 150.000, attualmente hanno diverse opzioni terapeutiche; tuttavia ci sono ancora ampie aree di miglioramento nelle attuali terapie”, spiega Giampiero Girolomoni, Direttore di Dermatologia, Università degli Studi di Verona. “Brodalumab è un farmaco biologico innovativo, molto efficace, che permette ai pazienti di avere una pelle completamente pulita con rapidità e per lungo tempo. È un farmaco assai interessante in quanto consente di ottenere risultati clinici di efficacia non raggiungibili dalle terapie oggi disponibili”.

semidipace2

Il regista Israel Cesare Moscati in visita al Labirinto della Memoria

Il Labirinto della Memoria visitato ieri dal regista Israel Cesare Moscati. Autore dei documentari I figli della Shoah, Suona ancora (Global Vision Group con RAI Cinema) e Alle radici del male (Clipper Media con RAI Cinema), Moscati è rimasto affascinato dall’installazione e dalla mostra permanente “La Shoah in Italia. Persecuzione e deportazioni (1938-1945)”. Ad accompagnarlo il responsabile del progetto Labirinto della Memoria Simone Scataglini, che glin ha fatto anche conoscere la Cittadella, sede di Semi di Pace a Tarquinia, e la realtà dell’associazione. «È stato un incontro molto proficuo. – sottolinea la onlus – Moscati si è dimostrato persona attenta e disponibile, con parole di vivo apprezzamento per il Labirinto della Memoria. Sul tavolo la possibilità di sviluppare nei prossimi mesi un’importante collaborazione culturale».

Michel-Maritato-1

M5S, MARITATO: “ALTRO SINDACO INDAGATO E SI GRIDA AL COMPLOTTO”

“Un altro sindaco grillino indagato. Abuso d’ufficio, omissione d’atti d’ufficio, rivelazione di segreti d’ufficio e turbativa d’asta le imputazioni a carico del primo cittadino pentastellato di Bagheria (Sicilia), Patrizio Cinque, tali da imporre l’obbligo di firma. Se Cinque fosse stato un esponente del centrodestra o del centrosinistra il Movimento Cinque Stelle già avrebbe chiesto dimissioni e gridato allo scandalo. E, invece, Cinque che è fervente grillino parla di complotto, di giustizia a orologeria: insomma il sindaco di Bagheria delira e fa finta di essere il martire. La solita pantomima a cinque stelle, la solita giustizia a due pesi e due misure “. Cosí, in una nota, l’esponente FI Michel Maritato.

scorpione

SAN CAMILLO, ASSOTUTELA: “ANCORA SCIORPIONI TRA I REPARTI”

“Dopo la segnalazione, avanzata da questa associazione lo scorso novembre, in merito alla avvistamento di scorpioni all’interno del grande ospedale romano, siamo ancora una volta a denunciare la presenza del pericolo animale all’interno dei reparti”. Questa la situazione attuale del San Camillo di Roma, in via Gianicolense, denunciata da Michel Emi Maritato, Presidente di AssoTutela, che oggi ha scattato la foto di uno scorpione nel nosocomio. “Si tratta di una realtà assai preoccupante che segue tante altre segnalazioni di animali in diversi quartieri di Roma, ridotta sempre più ad uno zoo capitale, dove a farla da padrone sono purtroppo degrado e sporcizia, luoghi che per certe tipologie di animali rappresentano senz’altro “una isola felice” per riprodursi”, conclude Michel Maritato

ASSOTUTELA

Assotutela: “La Duomo Gpa è stata ufficialmente cancellata dall’albo dei riscossori”

“La Duomo Gpa, società scelta dalla Regione Lombardia nel 2016 per sostituire Equitalia nella riscossione dei propri tributi (bollo auto, tasse universitarie, depositi nelle discariche, concessioni sul patrimonio demaniale, caccia e pesca) è stata ufficialmente cancellata dall’albo dei riscossori”Con la delibera numero 6 del 14 settembre 2017 Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha provveduto alla rimozione, avvenuta dopo tre mesi di sospensione (delibera n. 3 del 15 giugno 2017). La decisione segue l’indagine della Procura di Milano a carico della società e del suo amministratore per peculato, truffa aggravata e falso in bilancio”.Cosi in una nota l associazione ASSOTUTELA ed il presidente Michel Maritato.

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin alla presentazione dell'evento "contrastare il crimine alimentare",  6 luglio 2015 a Roma.
ANSA/MASSIMO PERCOSSI

“Lorenzin chiude la stalla quando i buoi sono fuggiti”

“Da anni denunciamo le violenze al personale sanitario del servizio pubblico. La brutale violenza avvenuta ieri in Sicilia ai danni di una dottoressa della Guardia medica è solo l’ennesimo episodio e, temiamo, non sarà l’ultimo e il ministro Lorenzin cosa fa? Manda i soliti ispettori, una pattuglia di professionisti che controlleranno, indagheranno, trarranno delle conclusioni senza proporre – ahinoi – significative soluzioni. Ci spieghi, piuttosto il ministro, ci chiariscano altrettanto le Regioni, come vengono usati gli agenti di vigilanza privata che pullulano in ospedali e Asl facendo soltanto i portieri o, peggio ancora, i telefonisti. Vorremmo vedere i contratti di appalto, per cui alle Società vanno fior di quattrini mentre alle guardie particolari giurate soltanto le briciole. Non è così che si difende il patrimonio sanitario, né si tutelano gli operatori sottoposti ogni giorno a ogni tipo di aggressione, nel migliore dei casi soltanto verbale”. Lo dichiara, in una nota Michel Emi Maritato di Forza Italia.

Lombardia, operazioni antimafia - Polizia

LA POLIZIA ESEGUE 4 ARRESTI NELL’AMBITO DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E CONTROLLO NEL QUARTIERE TRASTEVERE

Durante la settimana sono proseguiti senza sosta i servizi di prevenzione della Polizia di Stato disposti dal Questore di Roma – dott. Guido MARINO nell’area del quartiere Trastevere.
Nell’ambito di tale attività, intensificata nei servizi antidroga, di controllo e contrasto al commercio abusivo e delle attività commerciali, personale del Commissariato di Trastevere – diretto da Fabrizio SULLO, ha proceduto all’arresto di quattro persone colte in flagranza di reato.
In via della Pelliccia, è stato tratto in arresto P.C. di anni 45, cittadino rumeno, sorpreso all’interno di una attività commerciale nel mentre cercava di scassinare le slot machine. Il ladro si era introdotto nottetempo nel locale dopo aver forzato la porta di ingresso unitamente a due complici che alla vista della Polizia si davano alla fuga.
In piazza Trilussa sono stati arrestati due cittadini del Senegal, D.A di anni 50 e D.A. di anni 44, perché sorpresi a spacciare marijuana a un ragazzo americano, nonché trovati in possesso di ulteriori 10 grammi di stupefacente, confezionato in singole dosi.
La trascorsa notte, su Ponte Sisto, personale di Polizia che svolgeva servizio di prevenzione in abiti civili, ha prontamente bloccato D.S. di anni 18, cittadino egiziano, il quale, dopo aver rapinato una collanina in oro ad un ragazzo che transitava sul posto, si stava dando alla fuga.
L’inseguimento e il fermo con conseguente arresto del soggetto, permetteva di recuperare la collanina in oro che veniva restituita al proprietario.
Gli arrestati, venivano presentati presso le aule di udienza del locale Tribunale, per la convalida dell’arresto e giudizio direttissimo, al termine del quale venivano condannati con pene fino a un anno di reclusione e la misura cautelare del divieto di dimora nel Comune di Roma.

atac sede

ROMA, ASSOTUTELA: “STATO AGITAZIONE LAVORATORI DI VIGILANZA ARMATA E PORTIERATO IN SEDI ATAC”

“Il sindacato autonomo Assotutela ha deciso di indire lo stato di agitazione dei lavoratori – iscritti al nostro sindacato – operanti nel servizio di vigilanza armata e portierato nelle sedi Atac, a causa dei reiterati mancati pagamenti da parte della municipalizzata, società in house di Roma Capitale. Ci preme evidenziare, infatti, la grave e difficile situazione economico-finanziaria, in cui sono venuti a trovarsi le aziende impegnate in Ati e in subappalto nella fornitura del servizio di vigilanza armata e portierato presso i siti aperti al pubblico del trasporto metropolitano e di superficie del Comune di Roma per effetto del (mancato) pagamento dei corrispettivi contrattualmente previsti da parte di Atac, che oggi ammonterebbero a 13 milioni di euro già scaduti. Purtroppo, a seguito delle varie promesse di pagamento, per lo più disattese, ad oggi l’esposizione creditoria e la conseguente situazione economico-finanziaria delle società impegnate nell’appalto non risulta essere più sostenibile con il serio rischio di non poter pagare, almeno per intero, lo stipendio dei lavoratori. Una ipotesi deleteria, terribile, che avrebbe pesanti conseguente occupazionali e, al contempo, di ordine pubblico, non venendo più garantito un servizio di sicurezza, vitale per la cittadinanza e per la Capitale d’Italia. Una ipotesi oggi più che mai concreta a causa della inefficienza amministrativa del Comune di Roma e di Atac. Per questa ragione, difenderemo e tuteleremo i diritti dei lavoratori in ogni sede a nostra disposizione: già domattina presenteremo una denuncia-querela alla procura di Roma su questa delicata vicenda”. Così, in una nota, il segretario nazionale del sindacato autonomo Assotutela, Michel Emi Maritato, e il vicesegretario nazionale, Mauro Carfagna.