Dititto di Cronaca e Tutela Cittadini

vannini

Ladispoli, chi ha sparato a Marco Vannini? A 4 anni di distanza e dopo la sentenza d’Appello, il giallo rimane. Tante le zone d’ombra

di Giovanni Lucifora

Da 14 a 5 anni, passando da omicidio volontario a omicidio colposo. Lo hanno deciso i giudici della Corte d’Appello di Roma nei confronti di Antonio Ciontoli imputato per la morte di Marco Vannini. Il sottufficiale della Marina Militare avrebbe esploso un colpo di pistola per sbaglio contro il ventenne di Cerveteri. Avrebbe, meglio usare il condizionale perché a sparare potrebbe essere stato qualcun altro. Continue reading…

soldi finanza banche capitali

USURA BANCARIA, ASSOTUTELA: “PREOCCUPATI PER INCHIESTA SU BANCHE”

“Siamo molto preoccupati per quanto potrebbe accadere in merito alla maxi inchiesta sulle banche italiane, condotta dalla Procura di Trani, che circa quasi quattro anni fa creò un vero e proprio terremoto rinviando a giudizio personaggi notissimi del panorama economico-bancario del nostro Paese con l’accusa di reato di usura bancaria continuata e pluriaggravata. Una vicenda giudiziaria inquietante e ambigua che, come apprendiamo in queste giorni dalle cronache giornalistiche, potrebbe chiudersi con l’archiviazione. Attendiamo, dunque, con preoccupazione le decisione del Gip nella speranza – tuttavia – possa essere fatta giustizia. Noi ci crediamo ancora, al fianco di tutti quei cittadini e quelle imprese potenzialmente danneggiate”. Così, in una nota, il presidente di Assotutela, tributarista e già presidente Ante (Associazione nazionale tecnici econometrici), Michel Emi Maritato.

banner usura-bancaria

USURA BANCARIA, ASSOTUTELA: “STORICA ORDINANZA DELLA CASSAZIONE”

“La Corte di Cassazione, con l’ordinanza emessa dalla Sesta Sezione Civile il 4 ottobre 2017, numero 23192, si è espressa ancora una volta sulla delicata e controversa questione del superamento del tasso soglia in materia di usura bancaria e, nello specifico, sulla questione riguardante la possibilità di sommare tra loro gli interessi corrispettivi e quelli moratori. Ebbene i giudici, nel loro pronunciamento, respingendo il ricorso di un istituto bancario ha affermato che “si intendono usurari gli interessi che superano il limite stabilito dalla legge nel momento in cui essi sono promessi o comunque convenuti, a qualunque titolo, indipendentemente dal momento del loro pagamento; il legislatore, infatti, ha voluto sanzionare l’usura perché realizza una sproporzione oggettiva tra la prestazione del creditore e la controprestazione del debitore”. Inoltre il supremo tribunale ha richiamato anche la sentenza Cass. Numero 5324/2003 secondo la quale “in tema di contratto di mutuo, l’art. 1 legge n. 108/1996, che prevede la fissazione di un tasso soglia al di là del quale gli interessi pattuiti debbono essere considerati usurari, riguarda sia gli interessi corrispettivi che gli interessi moratori”. Per chi come noi, difende da anni i cittadini da anatocismo e usura bancaria, si tratta di una grande vittoria contro l’azione spesso aggressiva e furbesca delle banche. Siamo dunque molto soddisfatti del recente pronunciamento della Corte di Cassazione”. Così, in una nota, il presidente dell’associazione Assotutela, Michel Emi Maritato.

diritto di cronaca

Alle 15 a Diritto di Cronaca (Teleromauno, Ch. 271) si parlerà di islamofobia e tensione tra Russia e Turchia

Alle 15 a Diritto di cronaca, trasmissione del Gruppo editoriale Maritato condotta da Giovanni Lucifora, parleremo di islamofobia insieme a Rifat Aripen (Responsabile culturale della moschea di Centocelle a Roma), Tommaso Caldarelli (giornalista presso www.giornalettismo.com) e Michel Emi Maritato (Presidente di AssoTutela). Continue reading…

ASSOTUTELA

Mobilità: il miracolo della “fase 2” di Marino è il solito bluff

“Scioperi selvaggi con insolita ‘coda’ di due ore, incendi sulla linea metro alimentati dalle vettovaglie di sbandati senzatetto, blocco dei binari e utenti giustamente inferociti. Lo scenario che ci troviamo di fronte, nella cosiddetta “fase 2” della giunta Marino è desolante. Non avevamo dubbi: i millantati poteri taumaturgici dell’assessore Esposito sono il solito bluff di un sindaco all’arrembaggio”. Lo dichiara il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato Continue reading…

La lupa in Piazza del Campidoglio. Roma 03 dicembre 2014. ANSA/ANGELO CARCONI

Roma capitale

Il governo in persona del ministro Alfano ha comunicato il rinvio della relazione sul comune di Roma a seguito dell’inchiesta su “mafia capitale” al 27 agosto. È vergognoso che bisogna attendere il rientro dalle ferie dei nostri politicanti, visto che dal mese di dicembre i cittadini attendono chiarezza ed invocano il rispetto della legalità in una città in mano a “criminali della prima ora”. Non ci sono ferie che tengano: Si sciolga il comune di Roma. Basta temporeggiare, perché così facendo, chi ha fatto del male a questa città continuerà ad imperversare. Lo dichiara in una nota l’Avv. Andrea Tropea di AssoTutela.

unnamed

ASSOTUTELA – NEMI, TAGLIO DEGLI ALBERI IN VIA DE SANCTIS: LA FORESTALE MULTA IL SINDACO ALBERTO BERTUCCI

E’ un risultato concreto quello che AssoTutela con il suo responsabile Roma nord e Castelli Romani Ivan Galea incassa sulla storia degli alberi tagliati a Nemi su via De Sanctis

Nemi (RM) – Piovono due sanzioni amministrative al sindaco di Nemi Alberto Bertucci per un importo di circa 2 mila e 300 euro per aver tagliato gli alberi in via De Sanctis, a Nemi alta, senza le regolari autorizzazioni. Il Corpo Forestale di Velletri ha inviato le multe in Comune. Inoltre la Procura della Repubblica di Velletri valuterà se vi sono anche reati penali perseguibili. Di fatto è stato acclarato che mancavano persino le preventive autorizzazioni dell’Ente Parco Regionale dei Castelli Romani. E così viene definitivamente fugato ogni dubbio sulla palese incapacità di gestione dell’amministrazione comunale rispetto alla semplice manutenzione del verde pubblico. Continue reading…