Auassigm

cirinna

CIRINNA': DIALOGO CON M5S? SE CE LO CHIEDE MATTARELLA DECIDERANNO GLI ISCRITTI”

Monica Cirinnà è intervenuta questa mattina ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano. Monica Cirinnà sull’attuale situazione politica: “Siamo in una stagione complicata, gli italiani hanno dato il benservito ai partiti più tradizionali, più legati alla stabilità e al governo. Duramente punita Forza Italia, duramente punito il mio Partito Democratico. Premiati il Movimento Cinque Stelle, che ancora non si è ben capito dove sta e cosa vuole fare, e la Lega, che invece purtroppo si è ben capito dove sia, partito di destra estrema con venature xenofobe e nazionaliste. Il Fatto Quotidiano scrive che stiamo dialogando con M5S? Se si vuol capire bene cosa il PD non bisogna leggere il Fatto, uno dei giornali che più duramente ci ha colpito negli ultimi cinque anni. Il punto è un altro. Il Pd ha un rappresentante istituzionale che non si può lasciare solo. Il Presidente della Repubblica. E’ lui che dà le carte. E’ chiaro che ci possa essere un tentativo di ascoltare il suo grido d’allarme davanti all’impossibilità di comporre un Governo. Decideranno i nostri iscritti, andiamo sulla via della democrazia piena. Io rappresento una gran parte di persone nel Pd che mai e poi mai vorrebbero andare con M5S. Sono personaggi in cerca d’autore, il coltello nella schiena di Alberto Airola ce l’ho ancora piantato. Sta lì. Poi non dimenticate l’arroganza, gli insulti, come ci hanno trattato in questi anni”.

polizia

DROGA, FERMATO PER GUIDA PERICOLOSA HA IN MACCHINA 110 GRAMMI DI COCA

Una pattuglia in borghese del commissariato Romanina, ha arrestato M.I., originario di Reggio Calabria, per detenzione e spaccio. Il 59enne, trovato in possesso di 110 grammi di cocaina, è stato fermato dagli agenti sulla A24 in prossimità del Grande Raccordo Anulare perché procedeva a zig zag, mettendo in pericolo la sicurezza degli altri automobilisti. Fogli con nomi e cifre sono stati rinvenuti all’interno dell’abitazione (Omniroma).

512px-Roma_Ciampino

Aeroporto di Ciampino, fermato un tassista abusivo

Numerosi i servizi svolti dai Carabinieri della Compagnia Aeroporti di Roma presso gli scali aeroportuali di Fiumicino e Ciampino finalizzati al contrasto del fenomeno degli operatori abusivi del servizio di pubblico di noleggio autovetture con conducente e servizio taxi. Durante le attivita’ svolte nella giornata di ieri, nell’arco orario di maggior afflusso di passeggeri nei pressi dei viali d’ingresso, uscita e antistanti i Terminal, i militari hanno identificato piu’ di 100 persone e controllato 42 veicoli. A Ciampino, un uomo di origini calabresi e’ stato sorpreso mentre svolgeva servizio di taxi abusivo a favore di 3 turisti inglesi. Grazie agli accertamenti svolti dai Carabinieri e’ emerso che l’autista era, addirittura, sprovvisto della patente di guida. A Fiumicino, i Carabinieri hanno sanzionato 5 operatori del servizio di trasporto pubblico non di linea (Ncc) che stazionavano nei pressi del Terminal senza averne titolo: non potranno avvicinarsi alla zona aeroportuale per 48 ore. Sono state, inoltre, contestate numerose infrazioni al Codice della Strada.

NIGUARDA PRESENTAZIONE ATTIVITA_ PRELIEVO E TRAPIANTOD_ ORGANO E

MEDICI E INFERMIERI IN SCIOPERO PER RIVENDICARE I LORO DIRITTI

Vista la non risposta e quindi la mancata convocazione per la tanto attesa apertura delle  trattative contrattuali, sarà sciopero nazionale dei medici il 23 febbraio, anticipato da una serie di iniziative che saranno attuate a partire dal 12 febbraio”. E’ l’ultimatum dei medici, veterinari e dirigenti sanitari, che hanno posticipato lo sciopero già precedentemente annunciato per l’8 e il 9 febbraio. Un ultimatum lanciato da tutte le sigle sindacali in rappresentanza di 150 mila professionisti per sbloccare finalmente l’apertura della trattativa per il rinnovo del contratto 2016-2018.

Una giornata di sciopero nazionale è stata proclamata per il 26 febbraio dai sindacati maggiormente rappresentativi degli infermieri Gli infermieri si asterranno dal lavoro per protestare contro il mancato rinnovo del contratto per il comparto sanità. E la protesta riguarderà anche il personale del comparto, compresi tecnici radiologi e tecnici di laboratorio. “.

 E’ “inaccettabile – affermano i sindacati – la carenza di risorse dovuta al disinteresse del governo verso gli infermieri e gli altri lavoratori del Servizio Sanitario Nazionale”. Secondo gli infermieri, infatti, “la misura è colma: ora noi infermieri siamo stanchi di aspettare – dichiara De Palma – vogliamo riprenderci la nostra dignità di lavoratori che si traduce in un’adeguata retribuzione e riconoscimento, condizioni degne di una società civile”. Tra le richieste, lo sblocco del turnover “per dire basta alla fuga dei cervelli e all’emigrazione dei giovani infermieri che vanno all’estero a portare competenze e professionalità che non vengono riconosciute in Italia”. I sindacati dicono anche “basta ai tagli lineari delle dotazioni organiche, al demansionamento dei professionisti sanitari e alle pretese di deroghe indiscriminate alle ore di riposo giornaliere e al riposo settimanale.

  MILANO MICHELE
raggii

COMUNE, MARITATO: “RAGGI NON SI RICANDIDERA? BEL REGALO DI NATALE PER I ROMANI”

“La sindaca di Roma, Virginia Raggi, afferma che non si ricandiderà a sindaco per via del limite dei due mandati, imposto dal Movimento 5 Stelle. E’ un regalo splendido, nonché inaspettato, per tutti i cittadini romani, che ormai da un anno e mezzo assistono preoccupati all’immobilismo istituzionale e alla inadeguatezza amministrativa della sindaca grillina. Per una volta nella vita, Brava Virginia!”. Così, in una nota, l’esponente di Forza Italia, Michel Emi Maritato.

 

cantagiro20177

Musica: Giulia Miccoli vince il Cantagiro 2017

Ventiquattro anni, pugliese di Torre Santa Susanna, in provincia di Brindisi, Giulia Miccoli è la vincitrice del Cantagiro, uno dei più noti concorsi canori di tutti i tempi, conclusosi ieri sera al Teatro Comunale di Fiuggi.

Subito dietro di lei la toscana Alessia Battini, interprete lirico-pop.

Abito blu notte e lunghi capelli scuri, Giulia ha affrontato il palcoscenico con padronanza e sicurezza, dimostrando indiscusse capacità canore e spiccate attitudini interpretative, che le hanno consentito di imporsi in una gara caratterizzata da protagonisti di elevato valore artistico e brani interessanti sia per i testi che per l’arrangiamento.

 

Molto apprezzata, oltre che dal pubblico, da una giuria tecnica di altissima qualità, questa talentuosa artista ha staccato tutti sulle note del brano “A mio padre”, di cui lei stessa ha composto testi e musica.

 

Visibilmente emozionata subito dopo l’esibizione, ha continuato a esserlo anche al momento della consegna del premio, opera realizzata dal Maestro Elvino Echeoni, quando si è trovata tra le mani il trofeo che in passato ha registrato il successo al Cantagiro di tanti big della canzone italiana: da Adriano Celentano a Peppino di Capri, da Gianni Morandi a Rita Pavone, e poi ancora Equipe 84, Nomadi, Pooh, Caterina Caselli, Little Tony, Domenico Modugno e Lucio Battisti.

 

L’emozione più grande è stata, però, di sicuro riuscire a ringraziare in maniera così speciale il papà.

“Quello che ho presentato qui è un pezzo molto personale”, ha spiegato lei stessa subito dopo la vittoria, “nato da un momento particolarmente difficile della mia vita, superato anche grazie all’aiuto di mio padre che mi è stato molto vicino”.

 

Interessante il background che ha portato fino al podio la neo vincitrice che, seppur molto impegnata con gli studi universitari del Dams, non trascura le lezioni private di canto e ama scrivere i testi che poi lei stessa interpreta sul palco. Arrivata alle semifinali del Festival di Castrocaro, Giulia è già stata ospite di palchi importanti e ha aperto concerti di artisti noti, tra cui Noemi e Gabbani.

 

Ma non è tutto.

“Anche se so bene che la vittoria al Cantagiro, oltre a essere una tappa importante da un punto di vista artistico, rappresenta un impegno significativo di notevole portata, sto lavorando da un po’ a un importante progetto discografico e conto di portarlo a termine a breve”, dice la cantante ai microfoni dei giornalisti.

 

“Glielo auguro di cuore”, commenta il Patron del Cantagiro Enzo De Carlo, che aggiunge: “Quella di questa sera è stata una gara davvero emozionante nel corso della quale abbiamo assistito a esibizioni degne di professionisti di alto livello. Questo ha dimostrato ancora una volta che il Cantagiro riesce, oggi come in passato, a scovare talenti attraverso una sana competizione, che ci ha consentito anche di assegnare diversi premi importanti“.

 

Ad Alessandro Cicone, cantautore sardo, è andato il Premio Bardotti per “In modo semplice”, alla calabrese Giusy Munno il Premio rivelazione per il brano “La stessa stella”. La critica ha premiato Eugenio Picchiani per “Quando io ho te”, mentre il Premio Radio Italia-Anni ‘60 è andato a Laura Giordano con “Tutto è come te”. E poi il calabrese Jonio ha vinto il Premio cantautori con “Inizialmente”, il giovane Michele Braganti il Premio Opportunità con “Che cosa è un artista”, Matteo Buselli il Premio 2duerighe con “La fine del mondo”, Carla Paradiso – che ha ricevuto anche diversi altri riconoscimenti e una borsa di studio – il Premio Mio per “Pensandoti”.

 

Bella gara, tante emozioni e un palco che si chiude. In attesa, il  prossimo anno, del Cantagiro 2018.

cantagirobaby

Musica: il cassanese Vincenzo Pirillo vince la finale baby del Cantagiro

Si chiama Vincenzo Pirillo e ha soltanto 7 anni. Eppure, questo cassanese doc, che ha già collezionato in pochissimo tempo una miriade di esperienze sul palco, è arrivato senza alcuna difficoltà a vincere la finale baby del Cantagiro di quest’anno presentando il brano dell’indimenticabile Giorgio Gaber Barbera e Champagne.

 

Capelli tirati a lucido, sguardo birichino e giacca a righe, Vincenzo si è presentato davanti a pubblico e giuria, oltre che con la consueta simpatia, con una professionalità da artista vissuto.

 

Forse anche perché, nel tempo, la passione per Massimo Ranieri, Vinicio Capossela, Luigi Fronte, Renato Carosone e Domenico Modugno lo ha portato a calcare tanti palcoscenici importanti tra cui quello di Sanremo e a vincere numerose competizioni, tra cui, ad esempio, Vocine nuove a Castrocaro.

 

Estremamente formativa anche l’ultima esperienza in ordine di tempo di questo baby cantante, capace di farsi apprezzare sempre per l’innato talento. Scelto tra migliaia di bambini, Vincenzo nei mesi scorsi è stato infatti anche protagonista del programma Piccoli Giganti, il remake del format Pequeños Gigantes, prodotto per Discovery Italia da Endemol Shine Italy e condotto da Gabriele Corsi e dal piccolo Giorgio Zacchia.

 

Nel corso delle sei puntate le esibizioni, commentate da Enzo Miccio, Benedetta Parodi e Serena Rossi, ha messo al centro bambini dai 4 ai 10 anni che sono dei campioni assoluti nelle loro passioni e anche in quell’occasione il piccolo Vincenzo è riuscito a distinguersi.

 

“E’ un vero portento”, ha commentato a fine serata il calabrese Enzo De Carlo, Patron della manifestazione.

 

Prossimo appuntamento per l’edizione 2017 del Cantagiro sabato 7 ottobre. Sarà nel corso della serata che si conoscerà il titolo del vincitore assoluto di questo noto concorso canoro che quest’anno compie cinquantacinque anni.

 

nicolettapacini

MORTA NICOLINA- QUINDICENNE SPARATA DALL’EX DLLA MADRE

Di Valeria Davide

È morta questa mattina Nicolina, la quindicenne che mercoledì mattina a Foggia era stata ferita mentre si recava a scuola, da un colpo di pistola al volto sparato da Antonio De Paola, ex compagno della madre.

Il proiettile  ha raggiunto la ragazza sopra l’occhio sinistra si è fermato al cervello e le sue condizioni fin da mercoledì 20 erano apparse gravissime.

Il cuore della ragazza si era fermato più volte nella notte poi, l’ultimo respiro questa mattina, poco prima delle sette nel reparto di terapia intensiva degli Ospedali  Riuniti di Foggia.

L’uomo non si era mai rassegnato alla fine della relazione con la trentasettenne madre della ragazza e voleva riallacciare i rapporti con la madre della ragazza che lo aveva denunciato per violenza venti giorni fa dichiarando che temeva per la vita di sua figlia.

Una tragedia annunciata dunque che ha il nome di Nicolina Pacini, una giovane innocente vittima che non si è riuscita a proteggere nonostante l’affido ai nonni per la situazione di disagio in cui viveva.

A pochi metri di distanza, nell’obitorio dello stesso ospedale, si trova il corpo del presunto assassino, Antonio Di Paola, che ieri, dopo aver aggredito la ragazzina è scappato e si è suicidato con la stessa pistola.

phoca_thumb_l_34 - adriano palozzi

PIAZZA MARINA, PALOZZI(FI): “ALTRO ALBERO CADUTO. ASPETTIAMO CHE CI SCAPPI IL MORTO?”

“Un altro albero caduto, stavolta in piazzale Marina, un’altra tragedia evitata grazie al caso. Sono mesi che opposizioni e cittadini chiedono un piano di manutenzione e monitoraggio delle alberature serio e concreto, eppure la testarda sindaca Raggi campa ancora di slogan. Aspettiamo che ci scappi il morto?”. Così, in una nota, il consigliere regionale FI e vicepresidente della commissione Ambiente, Adriano Palozzi.