Attualità

kaosamatrice

KAOS, RIVOLUZIONE ANIMALISTA: “ASSURDA MORTE DEL CANE EROE DI AMATRICE. VICINI A ETTORRE”

“Una brutta notizia ha sconvolto in questi giorni le nostre coscienze: l’assurda morte di Kaos, il cane eroe di Amatrice e delle altre zone terremotate, fondamentale due anni fa durante le operazioni di soccorso e salvataggio in seguito al sisma che ha devastato il Centro-Italia. Dalle prime notizie, sembra che l’animale sia stato avvelenato. Una ipotesi terribile, un atto becero che condanniamo con tutte le nostre forze. Vogliamo innanzitutto esprimere vicinanza e cordoglio al padrone di Kaos, Fabiano Ettorre, in questo momento di immenso dolore siamo a sua completa disposizione. Al contempo, come partito che tutela i diritti degli animali, sollecitiamo le istituzioni locali e nazionali a lavorare con maggior impegno a contrasto di maltrattamenti e di simil vili gesti. Siamo convinti, infine, che gli inquirenti sapranno fare concreta e rapida luce sulla morte di Kaos, assicurando alla giustizia il colpevole (o i colpevoli) e comminando pene esemplari”. Così, in una nota, il segretario nazionale di Rivoluzione Animalista, Gabriella Caramanica.

regione_lazio_fotogramma

CENTRODESTRA INSIEME PER UNICA ALTERNATIVA A ZINGARETTI

Stefano Parisi, Antonello Aurigemma e Massimiliano Maselli, giovedì 26 luglio alle ore 17:30 nella sala Tirreno della giunta regionale del Lazio, incontreranno militanti e amministratori per dare vita a un processo che rigeneri l’area liberale popolare e riformista e che possa così rafforzare la vera alternativa all’intesa tra il Pd e i Cinquestelle, alleanza che di fatto governa la Regione Lazio. Nel Lazio viviamo una vita senza dignità soffocati dalla retorica della Sinistra e dei cinquestelle. Disoccupazione, aziende bloccate da tasse e adempimenti, sanità solo per ricchi, carenza di infrastrutture, criminalità organizzata, degrado e povertà. Il centrodestra, nelle ultime elezioni regionali, ha offerto delle risposte chiare proponendo un Governo diverso, parlando il linguaggio della verità e delle soluzioni. Noi vogliamo ripartire da qui, dalla nostra Regione, per dimostrare che esiste un modo di fare politica che sia in grado di liberare le persone e le comunità dal peso della burocrazia costosa e inefficiente.

Ci rivolgiamo a tanti amministratori locali, agli eletti, a chi ha sperimentato attraverso esperienze civiche i bisogni e le esigenze dei cittadini. A coloro che conoscono il proprio territorio, che hanno esperienza amministrativa. Con loro possiamo ricostruire una nuova generazione di politici appassionati, consapevoli, leali, generosi. Con loro possiamo porre fine alla morsa del governo della sinistra di Zingaretti alla Regione e della Raggi a Roma.

Giovedì 26 luglio alle ore 17:30 nella sala Tirreno della Giunta regionale del Lazio, via Rosa Raimondi Garibaldi, 7 Palazzina C, piano 2 h17:30