Arte

gabry e del toro

LANCIATO ALLA MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA #REDVELVET, IL NUOVO PROGRAMMA PER FASHION TV di Sara Lauricella

La Mostra del Cinema di Venezia, con tutto il richiamo di mass media e la grande concentrazione di personaggi dello spettacolo e non, diventa sempre più, ad ogni edizione, un momento in cui promuovere, rilanciare e lanciare artisti, nuovi film, nuove kermesse, ma anche spettacoli televisivi. Quest’anno la manifestazione mondiale è stata set e  presentazione in anteprima del nuovo format  ad episodi che prende il nome di #Redvelvet e che andra’ in onda, a breve, su Fashion Tv. Un’iniziativa che prende vita grazie all’intuito infallibile di Cristina Marques e Giuliano Beretta produttori e fondatori di Oberon Media, che non si fanno sfuggire una manifestazione di tale importanza. L’aspirazione del programma è quella di far rivivere ai telespettatori   atmosfere da sogno che appartengono al mondo del cinema della moda, dell’arte, della cultura e delle manifestazioni più esclusive. Una fusione di intenti e cose inesplorate, che saranno rivelate in ogni puntata da due abili conduttori. In prima linea, alla conduzione, la brillante manager del Fashion Gabriella Chiarappa (volto noto nel promuovere il Made in Italy e per il pensiero positivo n.d.r.)  e Marcello di Trocchio esperto di Cinema. In un immenso palcoscenico come la Mostra di Venezia, non possono che iniziare alla grande le riprese per #Redvelvet “il programma che vuol farti sognare”. Ed ecco che la Troupe di Oberon Media, diretta dal regista Giancarlo Leggeri e dall’autore Paola Dell’Anno, non perde l’occasione di riprendere l’arrivo,  all’approdo dell’Hotel Excelsior, di Gulliermo Del Toro subito disponibile ad un saluto portafortuna con la conduttrice e che si è rivelato propiziatorio alla vittoria conseguita con il film “The Shape of Water“. Ed ancora tante altre sorprese,  partendo dal saluto del Padrino della manifestazione Alessandro Borghi, al premio alla carriera consegnato ai due mostri sacri Jane Fonda e Robert Redford, fino ad arrivare alla vittoria del miglior Film di Gulliermo Del Toro e tanto altro ancora. Una mostra, quella del cinema di Venezia,  che si afferma come la piu’ rilevante al mondo, per aver lanciato negli ultimi anni i film piu’ importanti e che hanno conquistato gli Oscar, “e quest’anno piu’ che mai portatrice ed incubatrice di gran qualità ed innovazione -afferma  Alberto Barbera il direttore della manifestazione- un festival che si è distinto per il suo attento sguardo al futuro”. Non poteva avere partenza migliore  #Redvelvet per riuscire nell’intento  di  far sognare milioni di telespettatori,  svelando i segreti nascosti e le magiche atmosfere delle manifestazioni piu’ importanti a livello internazionale che coinvolgono i divi ma anche la gente comune,  ora non ci resta che aspettare la messa in onda di …..#Redvelvet

Sponsor tecnici : Ripar Cosmetica  (make up artist Serena Concilio)

La conduttrice per l’occasione ha indossato brand di eccellenza italiana: la talentuosa Marta Jane Alisiani, Sabrina Persichino Couture,  Aishha couture, il giovanissimo Rocco Caserta Couture, Pica bags  di Piera Catena, Kilesa Luxury bags

Gli abiti del conduttore: Sartoria Borghetti

lestini

Eccezionali lezioni sul cinema per studenti universitari a Cinecittà World

Non ci saranno solo le proiezioni di film, la presentazione di libri e il concorso di corti e documentari a condire l’interessante programmazione del “Saturno Film Festival” – la prestigiosa rassegna cinematografica ospitata dall’11 al 15 ottobre a Cinecittà World – ma anche momenti di approfondimento con docenti universitari che saranno aperti a tutti.

Cinque giorni di appuntamenti incentrati sulla ‘musica’, tema scelto per la 13esima edizione dell’evento, coi partecipanti che potranno godere anche degli spazi e degli intrattenimenti messi a disposizione dal Parco, ispirato proprio al mondo del cinema. Tra gli appuntamenti con i film in sala, i concorsi dedicati ai giovani e le presentazioni letterarie, la programmazione del Saturno offre anche alcuni seminari in collaborazione con le Università italiane, a partire dalle ore 10, la cui partecipazione consente agli studenti di ottenere crediti formativi.

Si inizia mercoledì 11 ottobre con “Cinema e Pittura”, seminario tenuto dal professore Marco Nocca, dell’Accademia delle Belle Arti di Roma, che intende indagare le relazioni intercorse tra la Settima Arte e il patrimonio di immagini preesistenti l’invenzione del cinema. Giovedì 12 ottobre si prosegue con “Roma raccontata attraverso il cinema” a cura del professore Fabrizio Natalini, dell’Università di Tor Vergata, nel corso del quale verranno analizzati i rapporti intercorsi fra la Capitale d’Italia e il dorato mondo del cinema. Il seminario analizzerà molte pellicole, dal Neorealismo alla ‘Commedia all’italiana’, da La grande bellezza all’oggi, per mostrare, anche attraverso preziosi documentari, come la città è cambiata e quanto è rimasto sulla memoria dello schermo.

Nel pomeriggio, inoltre, è previsto un breve intervento della dott.ssa Alessandra Capparè, studiosa e attrice di prestigio, sulla figura dell’attrice romana Monica Vitti. Venerdì 13 ottobre  è in programma il seminario “Lo sguardo del reale. Il documentario italiano contemporaneo tra estetica, produzione e circolazione”, del professore Damiano Garofalo, dell’Università Cattolica di Milano, che si snoderà con numerosi interventi e tavole rotonde con registi, produttori ed altre figure del mondo del cinema.

Il biglietto d’ingresso al parco divertimenti, per chi parteciperà agli eventi del Saturno Film Festival, è fissato all’eccezionale prezzo di 12 euro (invece di 24), ottenibile inserendo il codice promo ‘Saturno’ all’interno del sito internet della manifestazione: www.saturnofilmfestival.com (ogni studente che parteciperà con la scuola riceverà un biglietto omaggio non nominativo per l’ingresso al parco, valido fino al 31 dicembre

poesia

POESIE TERRA FELIX — “BUIO”

Buio, nell’assoluto punto di un

Universo irraggiungibile,

rovente nebbiosità oscura,

etere intorpidita, stagnante,

superfici nobili divorate dal male,

acque disprezzate.

Mali circondano la società,

umiliano l’esistenza.

Ma nulla è riguardo al vigore della rifioritura,

necessaria alla voglia di rivincita,

indispensabile alla durata …..

Vita

cantagiro20177

Musica: Giulia Miccoli vince il Cantagiro 2017

Ventiquattro anni, pugliese di Torre Santa Susanna, in provincia di Brindisi, Giulia Miccoli è la vincitrice del Cantagiro, uno dei più noti concorsi canori di tutti i tempi, conclusosi ieri sera al Teatro Comunale di Fiuggi.

Subito dietro di lei la toscana Alessia Battini, interprete lirico-pop.

Abito blu notte e lunghi capelli scuri, Giulia ha affrontato il palcoscenico con padronanza e sicurezza, dimostrando indiscusse capacità canore e spiccate attitudini interpretative, che le hanno consentito di imporsi in una gara caratterizzata da protagonisti di elevato valore artistico e brani interessanti sia per i testi che per l’arrangiamento.

 

Molto apprezzata, oltre che dal pubblico, da una giuria tecnica di altissima qualità, questa talentuosa artista ha staccato tutti sulle note del brano “A mio padre”, di cui lei stessa ha composto testi e musica.

 

Visibilmente emozionata subito dopo l’esibizione, ha continuato a esserlo anche al momento della consegna del premio, opera realizzata dal Maestro Elvino Echeoni, quando si è trovata tra le mani il trofeo che in passato ha registrato il successo al Cantagiro di tanti big della canzone italiana: da Adriano Celentano a Peppino di Capri, da Gianni Morandi a Rita Pavone, e poi ancora Equipe 84, Nomadi, Pooh, Caterina Caselli, Little Tony, Domenico Modugno e Lucio Battisti.

 

L’emozione più grande è stata, però, di sicuro riuscire a ringraziare in maniera così speciale il papà.

“Quello che ho presentato qui è un pezzo molto personale”, ha spiegato lei stessa subito dopo la vittoria, “nato da un momento particolarmente difficile della mia vita, superato anche grazie all’aiuto di mio padre che mi è stato molto vicino”.

 

Interessante il background che ha portato fino al podio la neo vincitrice che, seppur molto impegnata con gli studi universitari del Dams, non trascura le lezioni private di canto e ama scrivere i testi che poi lei stessa interpreta sul palco. Arrivata alle semifinali del Festival di Castrocaro, Giulia è già stata ospite di palchi importanti e ha aperto concerti di artisti noti, tra cui Noemi e Gabbani.

 

Ma non è tutto.

“Anche se so bene che la vittoria al Cantagiro, oltre a essere una tappa importante da un punto di vista artistico, rappresenta un impegno significativo di notevole portata, sto lavorando da un po’ a un importante progetto discografico e conto di portarlo a termine a breve”, dice la cantante ai microfoni dei giornalisti.

 

“Glielo auguro di cuore”, commenta il Patron del Cantagiro Enzo De Carlo, che aggiunge: “Quella di questa sera è stata una gara davvero emozionante nel corso della quale abbiamo assistito a esibizioni degne di professionisti di alto livello. Questo ha dimostrato ancora una volta che il Cantagiro riesce, oggi come in passato, a scovare talenti attraverso una sana competizione, che ci ha consentito anche di assegnare diversi premi importanti“.

 

Ad Alessandro Cicone, cantautore sardo, è andato il Premio Bardotti per “In modo semplice”, alla calabrese Giusy Munno il Premio rivelazione per il brano “La stessa stella”. La critica ha premiato Eugenio Picchiani per “Quando io ho te”, mentre il Premio Radio Italia-Anni ‘60 è andato a Laura Giordano con “Tutto è come te”. E poi il calabrese Jonio ha vinto il Premio cantautori con “Inizialmente”, il giovane Michele Braganti il Premio Opportunità con “Che cosa è un artista”, Matteo Buselli il Premio 2duerighe con “La fine del mondo”, Carla Paradiso – che ha ricevuto anche diversi altri riconoscimenti e una borsa di studio – il Premio Mio per “Pensandoti”.

 

Bella gara, tante emozioni e un palco che si chiude. In attesa, il  prossimo anno, del Cantagiro 2018.

cantagirobaby

Musica: il cassanese Vincenzo Pirillo vince la finale baby del Cantagiro

Si chiama Vincenzo Pirillo e ha soltanto 7 anni. Eppure, questo cassanese doc, che ha già collezionato in pochissimo tempo una miriade di esperienze sul palco, è arrivato senza alcuna difficoltà a vincere la finale baby del Cantagiro di quest’anno presentando il brano dell’indimenticabile Giorgio Gaber Barbera e Champagne.

 

Capelli tirati a lucido, sguardo birichino e giacca a righe, Vincenzo si è presentato davanti a pubblico e giuria, oltre che con la consueta simpatia, con una professionalità da artista vissuto.

 

Forse anche perché, nel tempo, la passione per Massimo Ranieri, Vinicio Capossela, Luigi Fronte, Renato Carosone e Domenico Modugno lo ha portato a calcare tanti palcoscenici importanti tra cui quello di Sanremo e a vincere numerose competizioni, tra cui, ad esempio, Vocine nuove a Castrocaro.

 

Estremamente formativa anche l’ultima esperienza in ordine di tempo di questo baby cantante, capace di farsi apprezzare sempre per l’innato talento. Scelto tra migliaia di bambini, Vincenzo nei mesi scorsi è stato infatti anche protagonista del programma Piccoli Giganti, il remake del format Pequeños Gigantes, prodotto per Discovery Italia da Endemol Shine Italy e condotto da Gabriele Corsi e dal piccolo Giorgio Zacchia.

 

Nel corso delle sei puntate le esibizioni, commentate da Enzo Miccio, Benedetta Parodi e Serena Rossi, ha messo al centro bambini dai 4 ai 10 anni che sono dei campioni assoluti nelle loro passioni e anche in quell’occasione il piccolo Vincenzo è riuscito a distinguersi.

 

“E’ un vero portento”, ha commentato a fine serata il calabrese Enzo De Carlo, Patron della manifestazione.

 

Prossimo appuntamento per l’edizione 2017 del Cantagiro sabato 7 ottobre. Sarà nel corso della serata che si conoscerà il titolo del vincitore assoluto di questo noto concorso canoro che quest’anno compie cinquantacinque anni.

 

cinecittà

HALLOWEEN AL PARCO DIVERTIMENTI DEL CINEMA E DELLA TV DI ROMA/ Un ottobre horror a Cinecittà World, un mese…da paura!

di Marco Valerio

E’ cominciato il mese di ottobre e ottobre è da tempo ormai il mese di Halloween. Cinecittà World, il Parco divertimenti del Cinema e della Tv di Roma, per l’occasione si trasforma in un vero e proprio set dell’horror. A partire dal 7 Ottobre, e per tutto il mese, i visitatori infatti potranno scoprire le nuove attrazioni da brivido del Parco. “Inferno”, la montagna russa al buio immersa nei gironi dell’Inferno di Dante, la “Horror House” nel Far West, un percorso con attori veri, tra i set più spventosi della storia del cinema horror. Da “The Ring” a “Nightmare”, da “l’Esorcista” a “Venerdì 13”,fino all’antro di Lord Voldemort, ispirato dalla saga di Harry Potter. Gli ospiti del Parco cammineranno a fianco dei loro peggiori incubi cinematografici. Continue reading…

poesia

POESIE TERRA FELIX – “SOLO”

Solo, completamente isolato,

assorto nei pensieri,

mille interrogativi invadono la mente.

Staccato dalla chiassosa vitalità di una folla che mi circonda.

Ascolto le risa dell’innocenza,

ed osservo i semplici e dolci svaghi del futuro che mi cinge.

Solo, totalmente distante,

cerco risposte,

negli sguardi, nei volti,

nelle parole che aleggiano,

negli spiriti che si diffondono,

fissando un miraggio tanto vicino,

ma quanto irraggiungibile,

che affonda e sprofonda

nella realtà dell’interminabile presente

gabry e del toro

CANTAGIRO 2017: TUTTO PRONTO PER LA FINALE

Si rinnovano anche quest’anno attesa e fermento a Fiuggi in previsione delle battute finali del mitico Cantagiro, una delle più note manifestazioni musicali di tutti i tempi.

Fino al 7 ottobre, infatti, il Teatro Comunale ospiterà semifinali nazionali, finale internazionale e finalissima dell’edizione 2017 di questa storica manifestazione, che con l’occasione festeggia i suoi cinquantacinque anni.

 

Dopo mesi di casting, audizioni e selezioni che, da nord a sud, hanno attraversato lo stivale toccando circa 100 città sparse in tutte le regioni italiane, mancano davvero pochi giorni al momento in cui sarà decretato il vincitore di uno dei concorsi canori più longevi d’Italia, che ha sempre animato le estati del bel Paese con tour live e consacrato i successi di tanti big della canzone italiana: da Adriano Celentano, che nel maggio del 1962 la vinse con Stai lontana da me, a Peppino di Capri, da Gianni Morandi a Rita Pavone, e poi ancora Equipe 84, Nomadi, Pooh, Caterina Caselli, Little Tony, Domenico Modugno e Lucio Battisti.

 

E a poco più di mezzo secolo dalla vittoria del “molleggiato” un altro Celentano torna al Cantagiro: questa volta a farlo è Rosalinda, special guest di questa attesa edizione della manifestazione. Attrice e presentatrice, la Celentano ha anche partecipato al videoclip del singolo Sei Fantastico, firmato dal cantautore, paroliere e polistrumentista Mauro Pina, che proprio sul palco di Fiuggi presenterà il suo ultimo successo, l’album L’ho scritto io.

Ma gli ospiti speciali non finiscono qui: al Cantagiro 2017 parteciperanno, infatti, anche Roberta Faccani, ex voce dei Matia Bazar e oggi protagonista, con il suo timbro “black” e graffiante, dei più grandi musical italiani, e Matteo Markus Bok, il giovanissimo cantautore italo-tedesco che, dopo essersi rivelato uno dei protagonisti più talentuosi del programma Italia’s Got Talent con il brano È diventata Primavera, ha riscosso grande successo in Germania e in Austria.

 

Tuttavia queste saranno soltanto alcune delle novità firmate da questa edizione della manifestazione, capitanata artisticamente da Danilo Amerio, noto per aver scritto e arrangiato canzoni per i più grandi artisti del nostro panorama musicale italiano. Per festeggiare i 55 anni della kermesse canora è, infatti, appena uscito il libro Il Cantagiro dal 1962 ad oggi. Firmato da Giulia Carla De Carlo e da Jonny Triviani, il volume, che narra la storia dello storico brand, è un interessante focus su un festival che ha raccontato e continua a raccontare la storia di grandi personaggi e nuovi talenti.

 

Ma non è ancora tutto: quest’anno la manifestazione che ha fatto la storia della canzone italiana rientra a gamba tesa tra gli eventi che storicamente possono essere definiti “Festival” nel programma Quando i talent show si chiamavano Festival, organizzato all’interno della programmazione del Milano Music Week al via dal prossimo 20 novembre.

E infine sbarcherà in diretta streaming e sui social con il nuovo format Cantagiro Chat, un programma di approfondimento condotto dalle giornaliste Giulia Carla De Carlo e Chiara Rai con la regia di Ivan Galea. Cantagiro Chat verrà trasmesso venerdì 6 e sabato 7 ottobre direttamente da Fiuggi, dopo il festival e sulla piattaforma YouTube del quotidiano L’Osservatore d’Italia e contribuirà a rendere ancora più affascinante lo spettacolo musicale. “Ci saranno interviste, backstage e approfondimenti”, assicurano le due conduttrici, che continuano: “Inoltre faremo parlare i cittadini di Fiuggi e sbirceremo dietro le quinte: insomma il divertimento è assicurato”.

 

Tantissimi, ancora una volta, i concorrenti in gara. Saranno oltre 400, quest’anno, tra interpreti, cantautori, rapper e band, tutti pronti a contendersi il titolo, arrivato nel 2015 fino in Sardegna grazie alla grinta di Chiara Pilosu e della sua suggestiva ballata dal tipico sapore franco provenzale Un Peu de Folie, e tornato lo scorso anno nel Lazio dopo la vittoria registrata con il brano Portami via dal talentuoso Flavio Capasso, protagonista dell’edizione 2013 di The Voice.

 

E se l’insindacabile metro di giudizio della giuria tecnica, composta da volti noti della nostra discografia, da musicisti e da esperti del settore, prenderà in considerazione le potenzialità canore di queste nuove voci del panorama musicale italiano e la loro capacità di esibirsi in diretta su di un palco, sera dopo sera, la difficoltà dei concorrenti starà anche nel presentare brani inediti che non saranno valutati soltanto per l’orecchiabilità della melodia o per l’arrangiamento, ma anche per la qualità del lavoro che, nel suo insieme, dovrà risultare “assolutamente completo e interessante da un punto di vista musicale”, come spiega il Patron della manifestazione Enzo De Carlo, annunciando che “i migliori saranno inseriti nella Compilation del Cantagiro, la cui presentazione è prevista a Sanremo nel periodo del Festival della Canzone Italiana”.

 

Pressoché impossibile fare un identikit dei giovani partecipanti del Cantagiro: non soltanto per le diverse fasce d’età presenti dall’inizio alla fine della competizione (si va dai 6 anni in poi), ma anche per i generi musicali proposti (tra cui quelli del lirico pop e del folk), per gli idiomi utilizzati (a scelta tra un dialetto, una lingua straniera o l’italiano), per la predisposizione dei brani da ciascun partecipante e per le nazionalità che li contraddistinguono.

 

Se in Italia, infatti, il Cantagiro Tour ha selezionato durante tutto l’anno le migliori voci da portare sul palco di Fiuggi, in terra straniera altrettanti casting della stessa organizzazione hanno decretato i dodici partecipanti – provenienti da diverse parti del mondo: dalla Romania alle Filippine, Cambogia, Canada, Norvegia, Malta, Cina e Marocco – che si sfideranno in occasione delle finali internazionali venerdì 29 e sabato 30 settembre, condotte da Massimiliano Massari e da Giulia Carla De Carlo.

 

La competizione entrerà ancora più nel vivo con la finalissima di venerdì 6 e sabato 7 ottobre che sarà condotta da Corrado Gentile, conduttore radiofonico di Rds, e da Giulia Carla De Carlo e decreterà la migliore voce di quest’edizione.

Oltre a restituire valore alla musica dandole l’opportunità di trasmettere emozioni e regalare continuità a una manifestazione che è una pietra miliare nel panorama della musica leggera italiana, – è tornato a spiegare a qualche giorno dalla kermesse Enzo De Carlo, Patron della manifestazione – l’idea del Cantagiro è quella di aiutare nuovi talenti a emergere attraverso una competizione allo stesso tempo garbata e caratterizzata da un altissimo livello qualitativo dei testi musicali e dei protagonisti”.

 

“Due “ingredienti” indispensabili” – precisa Elvino Echeoni, Direttore Generale di questa manifestazione canora che negli ultimi anni, grazie all’impegno del Patron Enzo De Carlo e alla preziosa collaborazione del suo Direttore musicale, il Maestro Mario Torosantucci, è tornata a imporsi come protagonista nella selezione di nuove voci nel panorama della musica italiana di qualità.