144395334_3756228654456971_285364117441486102_n

ROMA A VALANGA SESTU TRAVOLTO 9-2

Una grandissima prestazione per la Roma C5 in questa quattordicesima giornata di campionato, la seconda del girone di ritorno. I giallorossi trionfano sul Città di Sestu con un netto 9-2 e si portano di nuovo in zona playoff con tre punti importantissimi.

⚽️ La gara – Fin dai primi minuti la Roma C5 è riuscita ad imporre il suo gioco e a dominare la partita. I giallorossi si portano in vantaggio con una bellissima rete di Gastaldo ma gli ospiti pareggiano i conti su calcio di rigore. Bastano però 30” e Colletta ristabilisce nuovamente le distanze siglando la rete del 2-1, firma il doppio vantaggio Santos e chiude il primo tempo la prima rete in giallorosso di Guto. Nel secondo tempo la trama non cambia: dopo soli pochi secondi Gastaldo firma il gol del 5-1 e la sua doppietta personale (il settimo in questa stagione). Dilaga la Roma C5: mettono il segno anche capitan Batata, Caique Da Silva e ancora una volta Colletta. A mettere la parola fine sul match è Francesco Gentile, classe 2004, con la sua prima rete in A2 alla sua prima presenza con la maglia giallorossa. Spazio anche per Lavrendi (2004) che anche oggi ha sorpreso con la sua ottima prestazione e prima in A2 anche per il portiere Di Nappo.

🎤 Tommaso Colletta – Il classe 2001, Tommaso Colletta, ha siglato oggi una grande doppietta oltre ad un’ottima prestazione come ci ha già fatto vedere nel corso di questo campionato. Colletta commenta così la gara e il percorso della squadra fino ad oggi: “Abbiamo giocato una bellissima gara, siamo scesi in campo determinati fin dal primo minuto, portandoci subito sull’1-1. E’ stata veramente una bella vittoria, voluta e cercata da tuto il gruppo. Sono molto contento di aver segnato due gol, soprattutto perché abbiamo portato a casa tre punti importanti in questo momento. Il nostro obiettivo è sempre stato quello di salvarsi ma noi sappiamo che possiamo ottenere di più ed arrivare a guadagnarci un posto nei playoff. Tutti insieme possiamo farcela!”.