aleppo-2

DIRITTI UMANI CALPESTATI

di Marco RINAUDO
E’  a tutti noto che le rivoluzioni  nei paesi come Siria, Libia,Iraq,hanno  fatto riemergere il problema dei  diritti umani,ancora una volta repressi e calpestati da personaggi squallidi che osano addirittura ordinare alle truppe cammellate cosi dette “LEALISTE”, di  sparare ed uccidere i loro stessi fratelli. Affamatori dei loro popoli che si ergono a salvatori della  loro patria, dando vita  ai fondamentalisti islamici, ai califfati di altrettanti sanguinari e squallidi  personaggi che nessuna nazione osa  realmente punire per evitare ulteriori focolai e conflitti di guerra. Assistiamo quindi ad esodi di massa epocali, che non riservano niente di buono per tutti i popoli. Migliaia di vite umane a cui i paesi della comunità Europea nega il diritto di vivere chiudendo le  frontiere delle nazioni. La chiusura della rotta balcanica e l’arrivo del bel tempo spingono le genti della Siria, della Libia, dell’Iraq a fuggire dai loro paesi terrorizzati dalle guerre.  Paesi Europei come L’AUSTRIA vogliono mettere in sicurezza le loro frontiere;in GRECIA, l’emergenza è scattata, numerosi scontri avvengono  nei campi profughi e negli hotspot al confine con la MACEDONIA. Anche nel PIREO  e nelle isole greche  egee, in particolare a CHIO, i rifugiati fuggono. Per questa povera gente non c’è spazio in Europa, debbono essere ricacciati indietro fra le braccia dei criminali dell ‘ISIS. A PALMIRA, in SIRIA, sono state trovate decine di  vittime del terrore, ammassati e sepolti in fosse comuni. Osserviamo che la carta dei “DIRITTI UMANI”, scritta nel 1948, viene continuamente derisa e calpestata. Molti sono i governi che tendono a sopprimere i  diritti inalienabili  delle genti, degli esseri umani.Amnesty International fornisce  cifre allucinanti e tragiche sulle atrocità commesse dagli uomini su altri uomini, donne, bambini ed anziani, siano pur essi loro connazionali. Alle cifre fornite da Amnesty vanno aggiunti e ricordati anche i 600 Mila morti della rivoluzione francese, quelli inerenti la guerra di indipendenza degli americani, quelli degli ultimi due conflitti mondiali,  e quelli di  PARIGI e BRUXELLES dei nostri giorni.Ancor oggi,nel 2017, assistiamo ad ingiustizie e terrore, contro milioni di esseri umani. Una infinità di persone vengono uccise ed imprigionate calpestando i loro diritti alla vita. La storia si riempie sempre di più di piccoli grandi uomini e donne che  hanno raccontato con il loro sangue le repressioni subite ad  opera appunto di  squallidi personaggi, assatanati dalla loro ossessione di di onnipotenza.Questi uomini e donne torturate e martoriate, derise nella loro dignità pretendevano e pretendono  solo il rispetto di essere, di esistere.Le assurdità perpetrate  dai dittatori sono inaccettabili per la ragione umana. Le prevaricazioni, i nepotismi, le truffe a danno di popoli deve finire. Lo diceva il Papa GIOVANNI PAOLO II,   anche altri uomini illustri come: JJ ROSSEAU, JOHN LOCHE,VOLTAIRE, KANT  e NIETZCHE ai loro tempi si dovettero impegnare a fondo per dimostrare quanto di più ovvio si palesava ai loro illuminati cervelli, ovvero:” LA SOVRANITA'” dei popoli sui  propri  governanti, siano essi  Re , Imperatori, Dittatori o Presidenti. L’ipocrisia, la stupidità, l’ignoranza dell’uomo è forse l’unica cosa a non avere confini, a cui è stato permesso e concesso di viaggiare  indisturbata per  il mondo senza confini e passaporto.La paura atavica delle diversità, gli interessi economici delle “LOBBY”, la bramosia del potere delle caste, rendono la vita degli esseri umani irrespirabile.Assistiamo impotenti  come i nemici dei DIRITTI degli esseri umani vengono  ancor oggi calpestati. La libertà l’uguaglianza di tutti gli esseri umani, tanto decantata in molte costituzioni, viene  mortificata. La libertà come legge inderogabile dei popoli è scolpita sin dalla nascita del genere umano.La libertà, è spesso disconosciuta dai governanti di ogni epoca. Ci sono voluti migliaia di anni, centinaia di guerre, milioni di morti, prima che qualcuno si svegliasse e scrivesse le norme di legittimità dei popoli e dei loro diritti.Fu appunto nel Dicembre del 1948 che l’assemblea generale dell’ONU,  riunita a PARIGI, approvò la CARTA DEI DIRITTI UMANI. E’ non possono  certo essere  dittatori e despoti sanguinari ad eliminarla come legge universale delle genti, dei popoli. Tutti i popoli, tutte le comunità debbono fare quadrato e battersi affinché quanto conquistato con il sangue nel 1948 non venga disperso.

RINAUDO MARCO

Redazione

Inserito dai Redattori di "Vento nuovo". Quotidiano di informazione, cultura, innovazione, economia, arte, fashion, gossip, sport, fondato a Roma nel 2009 ( n. 43/2010)

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookPinterest