cropped-Michel-Emi-Maritato-Presidente-AssoTutela1

Croce rossa: no sanità agli italiani, si assistenza ai profughi


“Croce Rossa, cambia la mission: non più assistenza sanitaria ma accoglienza ai profughi. Il 30 settembre quello che era un servizio di eccellenza non ci sarà più ma si amplieranno gli spazi offerti ai migranti, con grave pregiudizio dell’assistenza ai cittadini”. Lo dichiara il presidente di AssoTutela Michel Emi Maritato che spiega: “Nell’area della Cri di via Ramazzini, a Monteverde, stazionano numerose tende trasformate in alloggio di profughi, per lo più minorenni, che ci costano più di due milioni di euro per sei mesi. Contestualmente, l’ente ormai privatizzato decide di tagliare i servizi sanitari che sono il fiore all’occhiello di questa istituzione. Una decisione inconcepibile di cui chiediamo spiegazioni ai ministri dell’Interno e della Salute in quanto tutte le specialità che offriva il presidio di via Ramazzini costituiscono un’offerta di cui i cittadini del quartiere e dell’area circostante, non possono fare a meno. Ė vergognoso – tuona Maritato – assistere alla penuria di servizi della Asl locale, la Roma 3 e soprattutto, passare davanti all’ospedale Forlanini vuoto e abbandonato, chiuso dalla Regione Lazio il 30 giugno 2015 mentre frotte di ragazzi rifugiati bighellonano nel quartiere tutto il giorno e le tende nel parco Ramazzini aumentano costantemente”, conclude il presidente.

Redazione

Inserito dai Redattori di "Vento nuovo". Quotidiano di informazione, cultura, innovazione, economia, arte, fashion, gossip, sport, fondato a Roma nel 2009 ( n. 43/2010)

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookPinterest