ae8f08a4-d082-11e3-b822-86aab2feac59

Se la convivenza ha superato i 3 anni, la nullità delle nozze per la Chiesa non è riconosciuta dallo Stato

di Simona d’Onofrio

La legge ha stabilito che se un uomo e una donna hanno vissuto come marito e moglie per tre anni almeno, lo scioglimento del loro vincolo matrimoniale, stabilito dal tribunale ecclesiastico, non ha effetti sullo Stato italiano. 

Questo, in risposta al ricorso di un uomo della provincia di Venezia contro la richiesta della moglie di far valere anche in Italia, dal punto di vista civile, la sentenza di nullità del loro matrimonio prevista dal Tribunale ecclesiastico del Triveneto, poi confermata dal tribunale ecclesiastico d’appello e infine resa esecutiva dal Supremo tribunale della Segnatura apostolica. E’ stata dunque stabilita una data limite alle dichiarazioni di nullità delle unioni concordatarie. I tre anni previsti sono stati decisi sulla base della legge sulle adozioni del ’83. La Cassazione si rifà  ad una pronuncia della Corte Costituzionale, che  aveva stabilito che il criterio dei tre anni successivi alle nozze, scelto dal legislatore, “si configura come requisito minimo presuntivo a dimostrazione della stabilità del rapporto matrimoniale”.

Il ricorso dell’uomo, però, è stato respinto, facendo valere come motivo di ricorso la lunga convivenza solo in Cassazione. Peraltro i due coniugi hanno anche avuto una bambina, solo in Cassazione e non anche davanti alla Corte d’Appello di Venezia. 

 

Simona d'Onofrio

Sono Simona d'Onofrio e mi occupo della sezione "Attualità" di Vento Nuovo. I miei studi umanistici, nonché la mia attività di insegnamento, hanno aumentato il mio amore per la lettura e per la scrittura, già molto forte. Il giornalismo è una passione da rincorrere con grande tenacia, ma anche con il desiderio di cambiare una realtà troppo spesso inaccettabile

More Posts - Website