Michele Azzola (Segr. Slc Cgil) a Radio Manà Manà sul caso Telecom: “Oltre ai posti di lavoro, a rischio i dati sensibili dei cittadini. E occhio alle tariffe”‏

banner radio manà manà streamingCon la vendita di azioni Telco alla società spagnola Telefonica e con conseguente nuovo assetto di controllo di Telecom Italia, i sindacati sono sul piede di guerra. Sarebbero a rischio, secondo le stime, fino a 16mila posti. Radio Manà Manà ha contattato Michele Azzola, Segretario nazionale Slc Cgil.
“La situazione che si sta determinando è inquietante -ha affermato Azzola ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Manà”-. Le dichiarazioni di oggi di Franco Bernabè ne sono la conferma, visto che ha dichiarato di aver appreso dalla stampa ciò che sta accadendo. Gli allarmi per i lavoratori sono prematuri ma non infondati perchè è evidente che nel caso di acquisizione di Telecom da parte di Telefonica ci sarebbero delle duplicazioni, a partire dai pezzi più nobili come quelli dell’informatica. Non manterrebbero sistemi informatici diversi, li unificherebbero e non resterebbero in Italia, quindi avremo un primo problema da quel fronte. Il secondo fronte riguarda i call center, che Telefonica ha dato in outsourcing in Paesi del Corno d’Africa a basso costo, mentre in Italia stanno ancora in pancia all’operatore. Quindi i rischi ci sono. La soluzione che si sta delineando non è quella che Bernabè ha voluto, anzi credo che Bernabè ritenga questa soluzione mortale per Telecom perchè il punto d’approdo finale sarà una fusione per incorporazione fra Telecom e Telefonica e la fine del settore delle tlc nel nostro Paese. Per questo penso sia credibile che lui non sapesse quello che stava succedendo, anche se lui ha dichiarato che i segnali che si stava andando in quella direzione c’erano tutti. Quello che succederà lo scopriremo nel Consiglio di amministrazione del 3 ottobre, dove parlerà il management dell’azienda. Se il management volesse mettere alla prova l’accordo dei soci dovrebbe chiamare un aumento di capitale, che in questo momento è necessario per rilanciare Telecom”.
“Considerare l’operazione Telecom al pari di quella di Alitalia -ha proseguito Azzola-, parlando di capitali stranieri che investono in Italia, è una menzogna. Nel caso di Telecom, i capitali stranieri servono a comprare quote mercato in settori già protetti. Il problema è se saranno investiti per mantenere quelle aziende. Il fatto che la politica riesca a giudicare una grande opportunità quello che sta succedendo è la miopia di chi non vuole mettere le mani nel piatto. Tutto questo avviene perchè c’è l’assenza di una politica industriale. Noi siamo il primo Paese occidentale a cedere a terzi la rete delle tlc, da cui dipenderà l’ammodernamento del Paese, mi pare una follia. Stiamo parlando di una rete in cui passano i dati sensibili dei cittadini italiani, di tutte le istituzioni italiane. L’ammodernamento di quella rete è condizione per cui un Paese possa sopravvivere. Per quello tutta Europa considera quello delle tlc un settore strategico. Tariffe? Il rischio che possano salire c’è tutto”.

Redazione

Inserito dai Redattori di "Vento nuovo". Quotidiano di informazione, cultura, innovazione, economia, arte, fashion, gossip, sport, fondato a Roma nel 2009 ( n. 43/2010)

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookPinterest