Il Sangue dell'orso

Prenestepop srl presenta: Dal 13 al 16 Novembre: Indaco Fest 2019 a Largo Venue

Via Prenestina 189 (Pigneto) – Municipio V, Roma

CONTEMPORANEAMENTE ROMA 2019

Largo Venue – Prenestepop srl, in collaborazione con FACE Magazine.it, portale di approfondimento culturale e informazione indipendente, nell’ambito di Contemporaneamente Roma 2019, presenta la prima edizione di Indaco Fest 2019.

Dal 13 al 16 novembre, Roma Est incontra la creazione contemporanea, attraverso sperimentazioni, residenze d’artista, performance, attività culturali, concerti. I linguaggi esplorati saranno quelli del teatro d’avanguardia, la danza contemporanea, le arti visive, i nuovi suoni. Obiettivo della rassegna è far emergere la produzione culturale contemporanea di nuove forme e linguaggi, in tutte le sue declinazioni, anche le più sperimentali. Il contesto di riferimento è Roma, quale centro vitale della cultura contemporanea, che guarda al futuro.

Ad ospitare il festival saranno gli spazi di Largo Venue, al Pigneto (Municioio V).

Indaco Fest 2019 è parte del programma di Contemporaneamente Roma 2019 promosso da Roma Capitale-Assessorato alla Crescita culturale e realizzato in collaborazione con SIAE.

La direzione artistica di Indaco Fest è affidata a Mauro Orrico, direttore editoriale di FACE Magazine.it e già organizzatore di eventi culturali e musicali.

Ad attraversare gli spazi della rassegna saranno artisti affermati ed emergenti.

La rassegna sarà aperta, mercoledì 13 novembre, alle 20, dalla formazione d’archi Trio Improvviso con con Andrea Macko (violino), Ambra Chiara Michelangeli (viola) e Jacopo Mosesso (violoncello). Alle 21.30, Pasquale Passaretti, Loredana Antonelli e Lady Maru presentano il progetto teatrale Twittering Machine: la performance si ispira alla pittura di Paul Klee e lega tre pratiche diverse come la musica elettronica, la video art e il teatro di narrazione. Video generativi e musica elettronica eseguiti dal vivo accompagnano i movimenti e le parole dell’attore che insegue un racconto fatto da una drammaturgia minimale. Chiuderanno la prima serata di Indaco Fest Massimiliano Frateschi e Claudio Cotugno con la performance live Ctrl-AltCan a/V, con i visual di Azzurra Baste e Giammaria Grandi.

Giovedì 14 novembre, saliranno sul palco di Largo venue la danzatrice e coreografa romana Rossana Abritta accompagnata dalla violoncellista Ludovica Centracchio con due spettacoli in uno: “La nascita di Afrodite” – omaggio a Loie Fuller” e “Il mito dell’IN”. Alle 22.30, il producer Trappeist presenterà in anteprima il suo nuovo Ld, “Moon”.

Venerdì 15 Novembre, la serata si aprirà all’insegna della nuova cinematografia romana. Alle 20, Julia Pietrangeli presenterà il suo documentario Chiudi gli occhi e vola, alla presenza della regista e del cast.

Alle 21, la scena underground femminile di Roma Est sarà protagonista del docu-film Linfa di Carlotta Cerquetti – alla presenza della regista e del cast.

Alle 22.30, la musica live de Il Sangue dell’Orso vedrà salire sul palco i musicisti romani Emiliano Rossi (chitarra), Fabio Mele (basso), Gianluca Ursi (batteria), Ilenia Volpe (chitarra).

Sabato 16 Novembre, chiuderanno Indaco Fest tre nomi affermati della musica cantautorale italiana: Massimo Zamboni, Angela Baraldi e Cristiano Roversi. I tre celebri artisti celebreranno il Trentennale dalla caduta del muro di Berlino con il concerto – evento: “Sonata a Kreuzberg”. In chiusura di serata, il leader e cantante degli inglesi Joe Talbot, Idles si esibirà in un esclusivo dj set.

Nei giorni della rassegna, l’artista e architetto romano Paolo Maccari, con la mostra personale “Maria pe’ Roma”, proporrà una selezione dei suoi ritratti dei “frequentatori” della Roma multiculturale di oggi.

Indaco Fest è anche Video Arte.

Ogni sera dalle 19 in poi, nelle aree Espositive – Rumah di Largo Venue, saranno proiettati i corti protagonisti della sezione Indaco VideoArt, tra i quali (A)mare Conchiglie, di Kyrahm e Julius Kaiser, performance video presentata alla Biennale d’arte contemporanea di Anzio e Nettuno. Il video ha preso parte a numerose rassegne di arte contemporanea e cinema in Italia e all’estero tra cui: Body In Transit (Spagna ), Università di Rostock (Germania), Venice International Performance Art Week (Venezia), Othermovie Film Festival (Lugano, Svizzera).

“Series: Video Art from the New China” è invece la retrospettiva che Indaco Fest propone sulla scena della video arte contemporanea cinese.

_______

Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito ad eccezione del concerto di Sabato 16 novembre “Sonata a Kreuzberg” (Ingresso: 10 euro)

Info

Largo Venue

Via Prenestina 189 (Pigneto) – Municipio V, Roma

www.largovenue.com #IndacoFest

Il calendario degli eventi

13 > 16 Novembre 2019

Aree Espositive

h 19.00 – 00.00

– Esposizione Opere dell’artista Paolo Maccari

– Proiezione Corti e Video- Indaco VideoArt

– Proiezione: #Series: Video Art from the New China

– Proiezione: (A)mare Conchiglie – performance e video di Kyrahm e Julius Kaiser

Mercoledì 13 Novembre 2019

Main Room

h 19.30 | Evento di inaugurazione di Indaco Fest 2019

con il live di Trio Improvviso, con Andrea Macko (violino), Ambra Chiara Michelangeli (viola) e Jacopo Mosesso (violoncello)

h 21.30 | Teatro: Twittering Machine

Con Pasquale Passaretti, Loredana Antonelli, Lady Maru

“Paul Klee pittore e musicista ha basato la sua ricerca sul rapporto tra la dimensione spaziale delle arti figurative e quella temporale della musica e della letteratura. La macchina cinguettante, uno dei quadri più famosi del pittore, ritrae una manovella che gira facendo perno su un’esile forcella, il movimento fa cantare quattro strani uccelli dal profilo comico. Da questa suggestione nasce il nostro lavoro che lega tre pratiche diverse come la musica elettronica, la video art e il teatro di narrazione. Video generativi e musica elettronica eseguiti dal vivo accompagnano i movimenti e le parole dell’attore che insegue un racconto fatto da una drammaturgia minimale. La performance si alimenta di diversi riferimenti della cultura occidentale del 900 che vanno da Beckett a Magritte per dar vita ad una macchina cinguettante che con la sua manovella da voce a tematiche dei nostri tempi come i social network, i timori e le nevrosi dettati dallo stile di vita contemporaneo”.

H 23.00 | Live performance: Ctrl-Alt-Canc

Di Massi Frateschi e Claudio Cotugno (musiche), Azzurra Baste (visual) Giammaria Grandi (content)

Derivata dalla forte influenza della cultura vaporwave, ogni traccia di questo live richiama la disfunzione tra essere umano, web e digital technology. Come comando del computer il termine Ctrl-Alt-Canc definisce la funzione di resettare urgentemente un sistema che si è bloccato o “impallato” chiudendolo definitivamente. I due artisti interpretano questo comando come un atto voluto dell’essere umano ad obbligare un sistema a fermarsi, a non agire più e all’atto del prendere nelle proprie mani il controllo di una macchina.

Giovedì 14 Novembre 2019

Main Room

h 21.00 | Danza: La nascita di Afrodite – omaggio a Loie Fuller

Con Rossana Abritta

Da un taglio subìto nasce una creatura, in essa si cela l’aspirazione umana di superare la polarizzazione degli opposti: ideale e reale, omologazione e diversità, sottomissione e libertà. Il moto spinge la sessualità verso un’estasi mistica che unisce ciò che prima era separato. Entro un processo di rinnovamento, il corpo incarna la pura sacralità e la sensibile carnalità.

H 21.15 | Danza: Il mito dell’IN

Di e con Rossana Abritta, musica inedita di Killing a Cloud e intervento live della violoncellista Ludovica Centracchio

Il mito dell’IN, citando J. Hillman, è uno studio performativo focalizzato sulla natura del transitare, partendo da un trauma. Una transizione include tempo e spazio, pre-posiziona e introduce in un cambiamento di stato che, attraverso il moto, più sempre mutare. Il movimento dunque, in relazione allo spazio, diviene il canale per esplorare dimensioni diverse.

H 22.30 | Live Set: Trappeist – anteprima Lp Planet Mondey

Trappeist è un giovane producer e compositore romano che crea atmosfere rarefatte tramite la fusione di sonorità acustiche ed elettroniche. Presenterà il suo primo EP “Moon” con un live set in cui gli strumenti tradizionali vengono distorti dando vita ad un ambiente distopico. Roma contemporanea, nuda e sperimentale.

youtu.be/WtL3DAR1qMo

soundcloud.com/trappeist

Venerdì 15 Novembre 2019

Main Room

h 20.00 | Proiezione Doc: Chiudi gli occhi e vola

Di Julia Pietrangeli (Alla presenza della regista e del cast)

“Tutto il mondo pensava che fosse impossibile”. Che cosa? Che i non vedenti potessero pilotare gli aeroplani. Sabrina è una donna cieca dalla nascita che con grande tenacia ha imparato a pilotare gli aerei. Ci porta in Francia dove frequenta uno stage organizzato da Les Mirauds Volants, l’Associazione Europea di piloti non vedenti.Una storia che va oltre il racconto del superamento della disabilità e che diviene dimostrazione della forza di chi sa vivere all’altezza dei propri sogni: tra le nuvole non esistono ostacoli e barriere.

Riconoscimenti :

– finalista nella cinquina del premio Globo d’oro della stampa estera; – premio miglior regia sezione Documentario al Social World Film Festival;

– menzione speciale Mediterraneo Film Festival;

Il film è stato selezionato oltre che in Italia anche in India, Romania, Polonia, Germania, Svizzera, Spagna, Brasile, Usa

h 21.30 | Proiezione Doc: LINFA

Di Carlotta Cerquetti (Alla presenza della regista e del cast)

La scena underground femminile di Roma Est in un documentario musicale di Carlotta Cerquetti. Con Lola Kola, Federica Tuzi, Martina Ruggeri, Erika Z Galli, MariaViolenza, Lady Maru, Lilith Primavera, Jonida Prifti, Iva Stanisic, Merel Van Dijk, Silvia Calderoni.

Durata film: 55 minuti

h 23.00 Live: Il sangue dell’Orso

Con Emiliano Rossi (chitarra), Fabio Mele (basso), Gianluca Ursi (batteria), Ilenia Volpe (chitarra)

Sabato 16 Novembre 2019

Main Room

h 21.30 | Live – Evento di Chiusura: Sonata a Kreuzberg

con Massimo Zamboni | Angela Baraldi | Cristiano Roversi

Trentennale dalla caduta del muro di Berlino

Trent’anni anni sono passati dalla Caduta del #MurodiBerlino, il simbolo più controverso di una città schiacciata dal ricordo della seconda guerra mondiale, paralizzata dall’incubo totalitario della DDR e della Guerra Fredda e che tuttavia era diventata capitale della creatività più radicale, della controcultura e della musica più innovativa.

In occasione di quell’anniversario, Massimo Zamboni, Angela Baraldi, Cristiano Roversi tornano in tour con lo spettacolo Sonata a #Kreuzberg – dedicato alla città di Berlino e in particolare al suo quartiere più leggendario, la Kreuzberg delle case occupate e della creatività giovanile più radicata – riproponendo le canzoni dell’omonimo album uscito per Contemporecords nell’autunno scorso, che vede Massimo Zamboni (per l’occasione al basso, anzichè alla chitarra), Angela Baraldi alla voce e Cristiano Roversi al pianoforte e alle ritmiche. Sarà un occasione irripetibile.

A seguire: IDLES dj set

* Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito ad eccezione del concerto di Sabato 16.11 “Sonata a Kreuzberg” (Ingresso: 10 euro)

Info: www.largovenue.com #IndacoFest

Redazione

Inserito dai Redattori di "Vento nuovo". Quotidiano di informazione, cultura, innovazione, economia, arte, fashion, gossip, sport, fondato a Roma nel 2009 ( n. 43/2010)

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookPinterest