riki

Riki a Pescara il 7 luglio: il nostro live report

Riki a Pescara il 7 luglio: il nostro live report

Vincitore della categoria canto alla trasmissione Amici Di Maria De Filippi nella stagione 2016/17, Riki si è fatto conoscere dapprima con un EP dal titolo “Perdo Le Parole”, seguito dal primo full length “Mania” sotto l’egidia del suo manager e mentore Francesco Facchinetti, che ne sta guidando sapientemente la carriera.
Riconosciuto doppio disco di platino, l’album di debutto ha avuto come successore “Live & Summer Mania”, registrazione dal vivo uscita il 15 maggio di quest’anno.
Da qui partiamo, in quanto lo show di sabato 7 Luglio al Porto Turistico di Pescara fa da prima tappa al tour estivo di supporto all’album live.
Come era pronosticabile la cornice di pubblico era costituita da un nutrito schieramento di ragazzine giovanissime con relativi genitori in veste di accompagnatori, più o meno esaltati dal ruolo.
Impossibile non notare l’incessante lavoro del personale medico costantemente impegnato a soccorrere teenagers in preda a svenimenti e sbalzi ormonali ben poco definiti.
Coadiuvato sul palco dai musicisti Riccardo Scirè (basso, tastiere) e Niccolò Bolchi (chitarra) e da un corpo di ballo formato da quattro avvenenti ballerine, Riki ha aperto le danze col successo della scorsa estate “Balla Con Me” seguito a ruota da alcune delle sue canzoni più celebri come “Se Parlassero Di Noi”, “Replay” e “Ti Luccicano Gli Occhi”.
All’interno dello spettacolo ci sono stati diversi momenti di aggregazione tra l’artista e i suoi fans: particolarmente sentito è stato il preludio al brano “Credi In Te”, in cui è stato toccato il tema del bullismo con un appello accorato, chiuso da un lungo applauso. Dopo questa parentesi la folla è tornata a scatenarsi sulle note di “Polaroid”, uno dei primi singoli lanciati dal singer milanese, dei due inediti “Aspetterò Lo Stesso” e “In Equilibrio”.
Menzione va fatta ad un emozionatissimo Riccardo che si è detto entusiasta di aver appreso della nascita del suo Fan Club ufficiale, un qualcosa che fino a poco tempo fa non avrebbe mai auspicato.
La chiusura è stata affidata a due bis che in un certo qual modo hanno chiuso un cerchio tra il presente e il passato: all’ultima hit “Dolor De Cabeza”, realizzata in collaborazione con la boy band statunitense CNCO, ha fatto da contraltare la primordiale “Perdo Le Parole”, tra il delirio delle persone presenti, ammaliate da una perfomance  colorata, frizzante e coinvolgente.
Se il buongiorno si vede dal mattino, possiamo affermare con convinzione che ci aspetta una grande stagione di eventi sulla costa adriatica.
Si ringraziano per la cortese collaborazione Giovanni Panebianco, Roberta Rinaldi e l’organizzazione del concerto.

Marco Vittoria

Sono Marco Vittoria, futuro architetto con l’hobby della scrittura. Appassionatissimo di musica, cinema ed arte, con una predilezione verso tutto ciò che riguarda gli anni ottanta e la pop art.

More Posts - Website

Follow Me:
TwitterFacebookGoogle Plus