Sergio Albiac – ottenere ritratti unici con l’arte generativa

Sergio Albiac sperimenta l’intreccio visivo che si può ottenere con i codici di progettazione generativa e i media tradizionali. In particolare scrive programmi per il computer che assimilano e trasformano la realtà per poter esprimere idee circa l’identità, la bellezza, il caso e le emozioni umane. Il suo lavoro ruota intorno agli universi che creiamo nelle nostre menti e le tensioni che sorgono di fronte alla realtà che ci circonda. L’illusione del controllo in un mondo governato da casualità e la continua negoziazione esistente tra ragione e istinto sono i temi ricorrenti che ispirano la sua ricerca. Il risultato finale di questo processo artistico non è sempre previsto: può essere un dipinto, una stampa, un pezzo di video arte, un ritratto digitale o un’installazione interattiva.

albiac4 albiac3 albiac2

Albiac non si sente legato a un singolo mezzo comunicativo o stile ma usa tutti i media a sua disposizione (tradizionali e non)  per esprimere la propria visione artistica. Guidato da incertezza, intuizione e passione, il suo obiettivo è stimolare l’osservatore nel visualizzare risposte alternative alle vecchie domande o meglio, nuovo dubbi.

albiac22 albiac23 albiac25

Con il suo ultimo progetto, Albiac pone una domanda: “Nel tempo in cui i selfie attraverso gli smartphone possono diventare imitazioni di opere d’arte, come può il computer essere usato per raccontare storie che riflettano davvero l’identità di un ritratto?
La risposta è stata l’ideazione di un codice capace di campionare voce e volto, processare il tutto ed usare la tipografia come elemento compositivo. Da qui il progetto beyApp, un esperimento visivo al quale si può chiedere di partecipare per ottenere il proprio ritratto.

albiac13 albiac12 albiac11

Tiziano Manna

Credo nel cambiamento, nella qualità della vita e dei rapporti umani, nell'elevazione dello spirito. Penso esista sempre un'alternativa etica alle possibilità che si presentano ogni giorno. Per questo scrivo.

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebook