pipeline

Pipeline: Elena Perlino racconta il traffico di donne nigeriane in Italia.

Torino, Genova, Roma, Napoli, Palermo, sono solo alcune delle città nelle quali la fotografa documentarista Elena Perlino ha trascorso gli ultimi anni ad esplorare le connessioni tra il traffico di esseri umani in Italia e l’industria del sesso basato sul commercio e lo sfruttamento delle donne africane.

Una raccolta di immagini che documentano la vita quotidiana di donne per lo più nigeriane che costituiscono la maggior parte della popolazione più vulnerabile e soggetta al meccanismo della tratta. L’Ufficio delle Nazioni Unite per la lotta alla Droga e al Crimine ha posto la Nigeria nella lista degli otto paesi con il tasso di traffico di esseri umani più alta del mondo e attualmente l’Italia rappresenta un’importante paese di destinazione e di transito per donne vittime di quest’orribile tratta. Raccogliendo le storie di donne di Benin City – circa l’ 80% delle donne vengono da Edo, uno stato situato nella Nigeria meridionale – questo reportage testimonia le molteplici ragioni legate alla migrazione forzata o voluta delle donne costrette poi in schiavitù. Il lavoro di Elena Perlino, in mostra fino al 31 gennaio al Palazzo delle Arti di Napoli, tenta di comprendere la complessità e le contraddizioni della loro esperienza attraverso un racconto duro e allo stesso tempo toccante. Gli scatti infatti sono realizzati con attenzione e rispetto nonostante siano intrise di profondo e drammatico realismo. La strada, le baracche, i segni lasciati sulla pelle dagli sfruttatori, abitazioni fatiscenti costituiscono gli elementi di un racconto in sordina portato alla luce da un reportage raffinato, eseguito senza scadere nella commiserazione.

Non è semplice ritrarre un mondo sommerso che troppo spesso si finge di non vedere e che purtroppo coinvolge tutta l’Europa, l’Europa della comunità europea, dei diritti dell’uomo e dell’aiuto agli immigrati. Tutte le immagini, comprese quelle della mostra, sono raccolte nel report dal titolo “Pipeline: Human trafficking in Italy” pubblicato dalla Schilt Publishing.

Tiziano Manna

Credo nel cambiamento, nella qualità della vita e dei rapporti umani, nell'elevazione dello spirito. Penso esista sempre un'alternativa etica alle possibilità che si presentano ogni giorno. Per questo scrivo.

More Posts

Follow Me:
TwitterFacebook